Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli artisti e l'industria musicale si organizzano per respingere la legge omnibus del governo Miley

Gli artisti e l'industria musicale si organizzano per respingere la legge omnibus del governo Miley

“Giochiamo in modo che non tocchino INAMU.” Questo è lo slogan del festivalUnione dei Musicisti Indipendenti (UMI) Oggi, martedì 23, è stata organizzata la Giornata Nazionale della Musica in difesa di InamoPrima dell’imminente elaborazione della cosiddetta “legge omnibus”. Questa cerimonia sostiene non solo l'Istituto Nazionale delle Donne, ma anche diversi enti che lavorano per promuovere la cultura e la gestione collettiva della proprietà intellettuale. L'evento si svolge al Club Atlético Fernández Fierro, Sánchez de Bustamante 772, con ingresso gratuito fino ad esaurimento della capacità dell'emblematica Sala Abasto di Buenos Aires.

La griglia include la presentazione di Fabiana Cantillo, Richard Coleman, Hilda Lizarazo, Fina della Maggiora, The Chemical Wedding, Richter, Isabel de Sebastian, Sofia Viola, Barbarita Palacios, Javier Casala, Lorena Astudillo, Saul Bassa, Juan Pellegrin e Marietta de Humawaca.tra le altre figure della scena locale.

Questa legge affronta tutto ciò che riguarda la promozione della cultura in generale, e delle arti in particolare, secondo la logica del mercato. “Dopodiché, la concorrenza viene fortemente incoraggiata e l'arte o la produzione artistica vengono trattate come se fossero prodotte in serie”, spiega. Diego Boris, uno dei principali promotori ed ex vicepresidente dell'UMI (2002-2009), uno degli estensori e promotori del disegno di legge istitutivo dell'INAMU, detta anche Legge sulla musica, ed ex presidente della suddetta organizzazione per due mandati (2014 – 2018; 2018-2022). Consultatelo Rolling Stoneattuale Presidente dell'INAMU, Bernabe “Poco” CantalonHa evitato di parlare pubblicamente di questo tema, perché ha tenuto incontri e trattative a livello istituzionale.

“Per esempio, qualcuno produce bicchieri e ottimizza i costi, e poi, allo stesso costo di produzione di 50 bicchieri, può farne 100, poi ogni bicchiere costerà meno e potrà venderne una quantità maggiore. Ma questa logica non può essere trasferita alla produzione artistica. «Nessuno scriverà più canzoni, nessuno scriverà più libri. Sono situazioni che non hanno nulla a che vedere con l'economia della cultura, dove ogni sostegno dato triplica o quadruplica l'investimento degli stessi artisti che realizzano loro produzioni”, dice Boris, che era rappresentante del settore nelle commissioni parlamentari. : “Quindi c'è qualcosa che non va”. Là ha difeso non solo l'Istituto nazionale per le donne, ma anche singole organizzazioni di sviluppo e la gestione collettiva dei diritti intellettuali e alla fine del suo intervento ha incluso l'audio Attilio Stampone, Leopoldo Federico, “Dunfi” Vitale, Mercedes Sosa, Gustavo Cerati, Luis Alberto SpinettaRegistrato nel 2008 a sostegno del National Music Act.

READ  Henri Rousseau batte e batte il record di Picasso alla prima grande asta di Christie's

Ma non è solo questa la cosa che si interroga Boris, rappresentante del settore. “Se vogliamo davvero migliorare le prestazioni delle organizzazioni legate al settore, la cosa logica è mandare il progetto in sessioni regolari con ciascuna organizzazione, si discute per scoprire cosa può essere migliorato, come migliorare la gestione e le risorse, e prendersi il tempo che ogni ambito della cultura merita. Teatro, cinema, musica e arti plastiche… Cercano di bilanciare le diverse condizioni delle arti come se fossero tutte uguali. Questo è il secondo errore concettuale. terzo è che gli emendamenti che propongono in ciascuno degli istituti non hanno nulla a che fare con la realtà degli istituti. Nel caso dell'Istituto Nazionale per le Donne, la proposta originaria era di nazionalizzarlo. È strano Ironicamente, hanno proposto la soppressione di un ente pubblico non governativo, perché l'approvazione dell'amministrazione non viene effettuata dal potere esecutivo, ma dai 24 segretariati o ministeri della cultura a livello governativo delle 23 province e della città autonoma di Buenos Aires.

“Credo che questo DNU voglia influenzare il meglio di ogni organismo di promozione della cultura, come se fosse davvero problematico che esista una cultura libera. Perché non ha senso proclamare nozioni di libertà se la libertà non viene praticata. In un paese vasto come il nostro e quindi federale” L'unico modo, come diceva Arturo Juric, è pareggiare e poi andarsene. Perché saranno lì nelle stesse condizioni. Un musicista, musicista o progetto artistico che vive vicino ai centri urbani o chi ha le risorse finanziarie per realizzare un progetto non è come i gruppi o i solisti a 300 o 400 chilometri dal capoluogo di provincia, dove in realtà hanno i mezzi di produzione più lontani, quindi è solo un'equazione economica per l'esistenza della libertà artistica, che è per noi il bene più prezioso.Ma, al di là della specificità dell'INAMU, c'è un errore concettuale nel modo in cui viene vista la promozione e la relazione della cultura L'economia della cultura.

READ  Forbes elenca il peso piuma messicano tra i leader più rilevanti sotto i 30 anni

C’è un’altra questione che non è semplice. Secondo un articolo di Telam, tra gli emendamenti proposti dal progetto inviato al Congresso c'è il decentramento di enti come Sadaic (la Società argentina degli autori e compositori di musica) e Argentores (la Società Generale degli Autori dell'Argentina). Si tratta del Regolamento 11723 che tutela i diritti degli autori di opere scientifiche, letterarie, artistiche o didattiche. Ciò potrebbe portare questi gruppi a perdere la loro posizione di unici rappresentanti di ciascun campo artistico e a condividere questo compito con altri gruppi o addirittura artisti che, individualmente, desiderano gestire i propri diritti d'autore.

Modificando la legge, si rompe la logica centrale della gestione di ciascuna società in modo che ogni artista e ogni artista o titolare dei diritti possano decidere se vogliono effettuare la gestione in modo indipendente o affidare la collezione che raccolgono nelle mani di queste società di gestione. . Lo fa attualmente.

Ciò apre anche la possibilità della gestione individuale o di gruppo, poiché non è possibile sceglierli entrambi. Consente inoltre la creazione di nuovi enti di gestione collettiva che saranno controllati e regolamentati dalla Direzione nazionale del diritto d'autore, che fa capo al Ministero della Giustizia. Questo fissa i termini per la ridistribuzione del gruppo, che non possono superare un anno.

“La legge che applica l'Argentina fa veramente invidia agli enti di gestione collettiva di tutto il mondo. È una legge che è stata promossa da Homero Manzi, da Enrique Santos Décepolo, da persone molto impegnate, che hanno saputo far capire alle comunità che esiste più proprietà intellettuale Autenticità derivante dal possesso di beni fisici. Perché è più reale? Poiché è un prodotto della creazione, non è semplicemente un prodotto di scambio economico. Se qualcuno crea una canzone, un'opera letteraria o la sceneggiatura di un film, non c'è ha chiaramente qualcosa di speciale che non è trasferibile. Allora perché trattiamo la proprietà La proprietà fisica in modo diverso dalla proprietà intellettuale?

READ  I SAG Awards offrono un'anteprima degli Oscar

Da parte sua, l'Associazione Argentina di Interpreti (AADI), lunedì 22, ha inviato una lettera a ciascuno dei deputati chiedendo il rigetto integrale del capitolo sulla proprietà intellettuale (incluso nel titolo “Giustizia”) del disegno di legge noto come Legge sugli autobus.

Oltre ai direttori AADI come Susanna Rinaldi -Il memorandum è allegato a un video del presidente dell'entità-, Zampa Quibeldor, Teresa Parodi Anche Guillermo Novels (cantante La Mosca)Il memorandum è stato firmato da migliaia di musicisti provenienti da tutto il Paese. guidato da Leon Gico, Elena Roger, Marian Farias Gomez, Victor Heredia, Juan Carlos Baglieto, Celeste Carballo, Alejandro Lerner, Pedro Aznar, Lito Vitale, Jairo, Julia Zenco, Liliana Herrero, Hilda Lizarazo, Marilena Ros, Bernardo Parrag, Rodolfo Medeiros, Miguel Cantelotra molti altri.

Nella nota si afferma che il progetto costituisce un attacco mortale alla gestione collettiva dei diritti “che è al centro della cultura nazionale e che opera nel nostro Paese da più di 100 anni e la cui sostenibilità economica non dipende affatto dal denaro”. .” Finanziamenti pubblici o finanziamenti da parte dello Stato che colpiscono i giusti interpreti argentini.”

Nella nota si spiega che l'AADI è un'associazione civile senza scopo di lucro che non gestisce né riceve fondi pubblici e non fissa tariffe autorizzate dallo Stato.

L'associazione denuncia che “si vuole creare un ufficio governativo con poteri assoluti sulla gestione collettiva, fino a concedere o revocare una licenza di lavoro, e quando questo accade nel campo della cultura bisogna pensare alla censura”.

L'AADI si unisce così alla sfida lanciata da altri enti culturali come gli Argentores, la SAGAI (Associazione Argentina per la Gestione degli Attori e degli Artisti), la DAC (Registi cinematografici argentini) e la SADAIC (Società argentina degli autori e compositori di musica). ).