Settembre 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Gli eroi potrebbero non vivere una vita normale o commettere errori”.

Dopo la sua incursione spagnola con Todos lo saber, Asghar Farhadi torna a casa in Iran con Hero, il film che gli è valso il Gran Premio della Giuria al recente Festival di Cannes e esce oggi nelle sale. Direttore degli Oscar rottura rara e bella E il il passeggero Riprende gli argomenti che idealmente affronta, come la condizione umana e le lotte morali, per concentrarsi sulla storia di Rahim (Amir al-Jadidi), un uomo che sta scontando una pena detentiva per debiti non pagati.

Durante una vacanza di due giorni, la sua ragazza trova una borsa piena di monete d’oro e decide di mettere un annuncio per restituirla al proprietario. Questo atto di buona fede lo rende un eroe dall’oggi al domani. Tuttavia, emergono dubbi, incertezze e interessi. Come nei film iraniani, la società è un ostacolo che impedisce alle azioni di Rahim di avere un lieto fine. Farhadi parlando con avanguardia Uno dei suoi lavori più recenti è in videoconferenza da Los Angeles.

Era basato su una situazione specifica durante la stesura della sceneggiatura del film?

Da quando ero al college ho sempre pensato al concetto di come la società può fare degli eroi. Soprattutto da quando ho conosciuto il lavoro La vita di Galileo, di Bertol Brecht, il quale interviene indirettamente sull’argomento. Ecco perché sono sempre stato attratto dal leggere informazioni sul giornale che qualcuno ha fatto qualcosa di straordinario. Qualche anno dopo, in uno dei miei workshop in Iran, mi è venuta l’idea di cercare persone che diventassero simpatiche attraverso la stampa. Incontriamo persone diverse e le loro storie. Si può dire che questo lavoro si basa su una concezione libera di qualcosa di reale apparso in quel laboratorio.

READ  Alejandra Guzman sorpresa apparendo completamente calva con un tatuaggio in testa | Paulina Rubio Messico MX Celebes RMMN | TVMAS

Raheem con suo figlio

Film a monte

È particolarmente scioccante per uno spettatore spagnolo come funziona il sistema giudiziario iraniano. Un reclamo per denaro può portare all’arresto di qualcuno, così come può uscire se l’attore lo ritira

Tutto dipende dai documenti scambiati tra il creditore e il debitore. Se la persona che richiede il prestito non è in grado di rimborsarlo in tempo, il creditore può presentare questi documenti e portarlo in carcere. Da lì, puoi perdonarlo o accettare che tornerà a poco a poco e uscirà di prigione. In Iran ci sono molti enti di beneficenza che raccolgono fondi per poter liberare le persone detenute per questo motivo. È interessante sapere che con il mio film, dopo la prima in Iran, c’erano molte persone che hanno collaborato e 40 persone dovevano dei soldi ad altri.

Raheem appare come una persona calma nonostante tutti i problemi che deve affrontare. Rispondi a un fascicolo speciale del carattere iraniano?

Non specificamente. Ci sono tante persone semplici che vivono in situazioni molto complesse e non sanno come uscirne. Ho conosciuto molte persone che hanno commesso degli errori, anche quando si trattava di parlare, e poi hanno dovuto attraversare una grave crisi.

Il protagonista spenderà mille e uno pur di rinunciare al debito

Il protagonista spenderà mille e uno pur di rinunciare al debito

Film a monte

L’attore Amir Al-Jadidi è fantastico nel suo ruolo. Come l’hai trovato e come ha funzionato il personaggio?

All’inizio ho avuto l’idea di scommettere su attori non professionisti per questo film. Ma quando ho guardato il personaggio di Raheem, ho capito che dovrebbe essere interpretato da un attore professionista perché ha sempre confini molto ristretti tra l’essere una persona semplice e allo stesso tempo essere amato dallo spettatore. Ho visto Amir in altri film e quello che mi ha attratto di lui è che ho visto qualcosa di semplice e onesto nei suoi occhi. La pandemia ha reso il processo di preparazione del film più lungo del solito e ha avuto quasi 10 mesi per mettere in pratica il suo personaggio. Eravamo particolarmente interessati ad analizzare il passato di Rahim e come è arrivato a questa posizione.

READ  NOFX celebrerà i suoi 40 anni di carriera con la sua soluzione

L’eroe racconta l’ascesa e la caduta dell’uomo buono e come viene predato dalla televisione e dai social media. Cosa ne pensi del potere di questi media?

I social network sono diventati una parte molto importante di gran parte di tutti gli esseri umani. Non puoi accettarlo o rifiutarlo in una frase. D’altra parte, i social network hanno alzato la voce di persone e situazioni che prima non potevano essere ascoltate. Ma, d’altra parte, spesso ci fanno perdere di vista la verità. Nel mio film non volevo criticare il ruolo dei social network, ma piuttosto l’influenza dei network che servono la storia.

L'attore Amir Al-Jadidi è meraviglioso nel suo ruolo

L’attore Amir Al-Jadidi è meraviglioso nel suo ruolo

Film a monte

Il film mostra che quando diventi un eroe non puoi commettere errori

Il problema è che se qualcuno fa qualcosa di buono o di interessante a un certo punto della sua vita, la società e tutti coloro che lo circondano si aspettano che la persona in questione si comporti sempre allo stesso modo, che non smetta di essere un eroe. Questo è molto complicato. Attribuendo eroismo a qualcuno, togliamo il diritto a una vita normale, commettiamo errori e la possibilità di vivere come tutti gli altri. questo è un disastro.

Chi è l’eroe per te?

Da adolescente, avevo i miei amici intimi, la famiglia, i registi, i drammaturghi… qualcuno che rispondeva al personaggio di una specie di eroe, ma crescendo non gli davo più importanza. Ho incontrato molte persone nella mia vita, la maggior parte sconosciute, che ammiro, ma non ho mai avuto l’idea che dovessero vivere come voglio.

READ  Il festival di musica subacquea in Florida si sforza di creare consapevolezza ambientale