Marzo 20, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli esperti scoprono un buco nero supermassiccio ai margini dell’universo

Un team di astronomi dell’Università del Texas e dell’Università dell’Arizona ha scoperto un buco nero in una delle galassie più estreme conosciute nell’universo primordiale. COS-87259.

I ricercatori, il cui lavoro è pubblicato su Monthly Notice della Royal Astronomical Society, hanno scoperto che la galassia è 1.000 volte più formatrice di stelle della nostra Via Lattea e che contiene più di 1 miliardo di stelle interstellari di massa solare. suolo.

Inoltre, lo hanno anche verificato Buco nero gigante Genera un potente getto di materiale che viaggia quasi alla velocità della luce attraverso la sua galassia ospite.

“Questi risultati indicano che i buchi neri supermassicci erano spesso fortemente oscurati dalla polvere, probabilmente a causa di un’intensa attività di formazione stellare nelle loro galassie ospiti. Questo è qualcosa che altri avevano previsto diversi anni fa, ed è davvero bello vedere il La prima prova di osservazione Prove dirette supportano questo scenario”, spiega Ryan Endsley, autore principale dello studio.

La scoperta fornisce nuovi indizi sui primi buchi neri supermassicci, anche se il modo in cui si sono formati rimane un mistero per gli scienziati, soprattutto perché molti di questi oggetti sono stati scoperti quando l’universo era molto giovane.

“La loro scoperta è un passo verso una comprensione molto migliore di Come si possono formare i buchi neri? miliardi di masse solari molto presto nella vita dell’universo, e anche come le galassie più massicce si sono evolute per la prima volta”, dice Endsley.

Due buchi neri possono scontrarsi

L’anno scorso, un gruppo di ricercatori di tutto il mondo ha avvertito che due buchi neri potrebbero entrare in collisione nei prossimi anni, dopo l’osservazione disturbo nella galassia 1,2 miliardi di anni luce dalla Terra.

READ  Il lancio di Artemis I è stato posticipato per la seconda volta, cosa succede alla tanto attesa missione?