Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli immigrati selezionati dal Papa a Cipro inizieranno una nuova vita in Italia

Prima modifica: Ultima modifica:

Menogia (Cipro) (AFP) – Pochi giorni prima di Natale, sei richiedenti asilo hanno lasciato Cipro giovedì e hanno iniziato una nuova vita in Italia, dove saranno accolti dalla comunità cattolica dopo aver visitato l’isola di Papa Francesco all’inizio di dicembre.

Il primo lotto di una dozzina di immigrati da Cipro arriverà giovedì a Roma, affermano fonti vaticane. L’accoglienza è gestita dalla comunità di Sant’Egidio già esperta in attività di camminata umanitaria.

Venerdì saranno accolti durante una visita privata in Vaticano.

Funzionari ciprioti, dal canto loro, hanno confermato che “12 dei 50 richiedenti asilo selezionati durante la visita di papa Francesco erano partiti” per essere accolti in Vaticano.

Né il Vaticano né la comunità di Sant’Egidio hanno risposto alle richieste di informazioni dell’Afp.

Hinda Warsaw, una cittadina somala di 25 anni, stava viaggiando con le sue sorelle Naima e Fatumo (rispettivamente di 22 e 19 anni).

Tutte e tre le sorelle sono cresciute in Arabia Saudita ma sono state deportate in Somalia, che ha una grande instabilità politica. Hinda ha ricordato che era “un sogno”.

Lì fecero pressioni sulle sue sorelle perché si sposassero contro la sua volontà per “proteggerla”. Ma lei ha rifiutato, perché pensava che se lo avesse fatto, i suoi parenti avrebbero imposto “alle mie sorelle”.

Grazie ai visti studenteschi, tutte e tre le sorelle sono riuscite a fuggire nella Repubblica Turca di Cipro del Nord (RTNC), che è riconosciuta solo da Ankara e occupa un terzo di Cipro. L’isola è stata divisa dal 1974 dopo l’invasione turca in risposta a un colpo di stato guidato dal governo del colonnello di Atene.

Il 15 dicembre 2021, dopo la visita di Papa Francesco a Cipro a Menogia (Cipro Centrale), tre richiedenti asilo, Hinda, Fatomo e Naima Warsame, sono stati selezionati per stabilirsi in Italia. Iakovos Hatzistavrou AFP

Secondo le statistiche europee, le sorelle di Varsavia hanno attraversato illegalmente il Forte Verde per dividere la Repubblica di Cipro, uno stato membro dell’Unione Europea, che ha un alto tasso di asilo per cittadino.

READ  Più di 850 persone soccorse nel Mediterraneo aspettano da una settimana di sbarcare in Italia.

“Non c’è futuro”

Quando viene a sapere di essere stato selezionato per stabilirsi in Italia, Hinda dice che “non ha dormito una settimana”. “Sono musulmano, ma apprezzo molto la decisione del Papa e della Chiesa cristiana di aiutarci”.

Isa Sama, 37 anni, che ha lasciato la Siria con la famiglia nel 2017 e si è rifugiato in Libano, è uno di quelli che si preparano a trasferirsi in Italia.

Le navi di Cipro hanno intercettato la sua nave in mare, separandolo dai suoi tre figli, di 12, 9 e 2 anni. In Libano lamenta “i miei figli non hanno futuro”.

Il 15 dicembre 2021, dopo la visita di Papa Francesco a Cipro a Menogia (Cipro Centrale), tre richiedenti asilo, Hinda, Fatomo e Naima Warsame, sono stati selezionati per stabilirsi in Italia.
Il 15 dicembre 2021, dopo la visita di Papa Francesco a Cipro a Menogia (Cipro Centrale), tre richiedenti asilo, Hinda, Fatomo e Naima Warsame, sono stati selezionati per stabilirsi in Italia. Iakovos Hatzistavrou AFP

Insieme ad altri rifugiati della stessa nave, i suoi figli sono tornati in Libano, mentre Sama è stata trasferita in un ospedale di Cipro per motivi di salute.

Ora spera di portare i suoi figli in Italia.

Grazie a Sama, musulmano, al Papa e all’Italia. “Nessun paese arabo… ci accetta come rifugiati. Le nazioni occidentali aprono le loro porte a noi e ai nostri figli”.

“Essere pazientare”

I candidati selezionati includono Grace NJ, 24 anni, e Daniel Ejube, 21 anni. Sono venuti a Cipro dal Camerun, un paese coinvolto in un violento conflitto intersociale.

“La situazione è terribile (…) non lo sappiamo”, spiega Ejube, minacciato per essersi rifiutato di arruolarsi nella milizia anglofona.

Due camerunesi, confessore cristiano, sono stati scelti dal papa con grande gioia e “onore”.

Il 15 dicembre 2021, dopo che Papa Francesco ha visitato Cipro a Menogia (Cipro Centrale), due richiedenti asilo camerunesi, Daniel Ezube e Grace Ng, sono stati selezionati per stabilirsi in Italia.
Il 15 dicembre 2021, dopo che Papa Francesco ha visitato Cipro a Menogia (Cipro Centrale), due richiedenti asilo camerunesi, Daniel Ezube e Grace Ng, sono stati selezionati per stabilirsi in Italia. Iakovos Hatzistavrou AFP

Grace spera di riprendere gli studi in Italia. Daniel, da parte sua, crede che dovrebbe essere un calciatore, anche se ammette che “non so nulla del calcio italiano”.

READ  Gli Stati Uniti hanno ribadito in una nuova dichiarazione che il regime cinese sta commettendo un genocidio contro gli uiguri

Nonostante i pericoli, Grace ONG non può smettere di incoraggiare gli immigrati in cerca di una nuova vita, spiega, “Bisogna essere calmi e pazienti”.