Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli imprevisti delle riprese di “The Challenge”, il primo film nello spazio: “Sulla Terra, l’ho immaginato diversamente” | Scienza

Registrare nello spazio non è mai stato così facile. La regista e attrice protagonista del primo film commerciale girato nell’universo aveva bisogno dell’aiuto degli astronauti che lavoravano sulla Stazione Spaziale Internazionale per realizzare le riprese del film la sfida. Oggi, l’attrice ha ammesso: “Grazie mille ad Anton Shklbrov, Oleg Novitsky e Pyotr Dubrov per essersi uniti a noi in alcune occasioni e, nonostante dovessero fare molto, hanno continuato a lavorare con noi di notte”. Yulia Peresild, 37 anni, a un incontro organizzato dalla TASS a Mosca, due giorni dopo il suo sbarco.

La registrazione è stata una corsa contro il tempo. “Avevamo pochissimo tempo, c’era un programma da rispettare. L’ultimo giorno, abbiamo visto che tutto era finito la mattina dopo e ci siamo sentiti in colpa, non abbiamo avuto il tempo di fare tutto ciò che volevamo. È andato tutto a gonfie vele, siamo partiti e siamo già tornati”, ha aggiunto Peresild, che risente ancora leggermente della permanenza nello spazio per 12 giorni.

Il regista russo Klim Shpenko ha dovuto affrontare molti problemi imprevisti. “Ho già scoperto sulla Stazione Spaziale Internazionale le caratteristiche della registrazione lì. Gli astronauti ci hanno detto come organizzarci. È una cosa naturale, che ho immaginato diversamente sulla Terra”, ha spiegato Shipenko, 38 anni. Il regista, che ha pianificato alcune scene sulla Terra, ha scoperto che gli attori non si allontanano tanto dal pianeta quanto su una superficie piana, e alcune inquadrature hanno dovuto essere improvvisate. Alla fine, il regista e l’attrice si sono assunti da soli tutto il lavoro di un’intera troupe cinematografica e hanno adattato la sceneggiatura “in base alle circostanze”.

READ  La Russia dà il via libera al primo film girato nello spazio

la sfida Racconta la saga di un chirurgo che viaggia nello spazio per salvare un astronauta. Secondo Shipenko, più di trenta ore di filmati raccolti in questi 12 giorni saranno ridotti “a circa 25 o 30 minuti dopo l’editing”. Il budget del film, promosso dall’agenzia spaziale russa Roscosmos, dalla televisione pubblica Canal Uno e dalla società di produzione Yellow, Black and White, è riservato, anche se il regista “spera di recuperare il suo budget se verrà mostrato a livello internazionale”. Questa non è una domanda banale ed è stata oggetto di dibattito in Russia. Secondo il veterano cosmonauta Mikhail Kornienko, molto critico nei confronti di questa iniziativa, la missione potrebbe costare circa 2 miliardi di rubli, cioè più di venti milioni di euro.

Il film è stato annunciato quattro mesi dopo che Hollywood, la NASA e SpaceX hanno presentato il loro film spaziale con Tom Cruise. Alla domanda su questo nuovo guerra fredda, Il cosmonauta Igor Novitsky ha respinto l’essere davanti agli americani: “Non direi che questa è una gara di film spaziali. Abbiamo appena fatto il nostro lavoro. Il nostro team ha ricevuto un compito interessante: partecipare a una sessione fotografica e aiutarli a realizzare un buon film. “

Nowitzki è tornato a casa con loro dopo 191 giorni nello spazio, mentre Dobrov e Shklapirov rimarranno nel centro orbitale fino alla primavera del 2022. L’ultimo cosmonauta è stato incaricato di portare il regista e l’attrice alla Stazione Spaziale Internazionale, e durante l’attracco. Manovre problematiche lo hanno costretto a farlo manualmente. “Non avevo paura nello spazio”, ha detto Peresild. “Siamo stati molto fortunati con questa troupe, tutto era molto calmo. Tutto ci è stato spiegato in ogni momento. Anche quando si scende a terra e quando si apre il paracadute. Questo, questo e questo accadrà”, ha commentato l’attrice.

READ  Ciclo di sinestesia: tocco | spazio di stabilimento telefonico

Senza la difficoltà di adattarsi allo spazio e tornare sulla Terra, questo era loro estraneo. “Non smetto di tenere le cose con le mani perché mi dà la sensazione che voleranno via”, ammette l’attrice due giorni dopo aver calpestato di nuovo il pianeta. E per il manager, 12 giorni per prendere le conserve sono stati lunghi. “È buono e saporito, ma dopo che la capsula è andata giù ho ordinato cibo normale, non può essere paragonato a patate e funghi veri”, ha detto Shipenko, con cui Peresild è d’accordo. … Volevo tè e caffè.”

La data di uscita del film è ancora sconosciuta, anche se il produttore stima che sarà alla fine del 2022. Dopo la missione spaziale, le riprese continueranno sulla Terra. “Le vedute del pianeta sono state fotografate con una buona macchina fotografica del futuro. Ho deciso che era necessario registrare il più possibile per evitare di utilizzare immagini del computer”, ha spiegato Shipenko.

puoi seguire Cosa occupazione Sito di social network Facebooke Twitter NS Instagram, o registrati qui per ricevere Newsletter settimanale.