Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli indici francesi hanno chiuso al rialzo; CAC 40 in aumento del 3,08% da Investing.com

© Reuters Gli indici francesi hanno chiuso al rialzo; CAC 40 avanzato 3,08%

Investing.com – Le azioni francesi sono salite alla chiusura di martedì; Guadagni in settori, spingono gli indici al rialzo.

Alla chiusura di Parigi, la coppia ha guadagnato il 3,08% raggiungendo il massimo di un mese, mentre è salita del 3,07%.

Il miglior rapporto qualità-prezzo per la sessione a Kant Renault SA (PA:) è salito dell’11,68%, 2,69 punti, per attestarsi a 25,73 alla chiusura. seguilo Worldline SA (PA 🙂 che è salito del 9,86% o 3,86 punti per chiudere a 42,99 e società pubblica SA (PA), in rialzo dell’8,33% pari a 2,00 punti, chiude la seduta alle 26.01.

Alla coda del cursore è finita Talete (PA :), che è sceso del 5,00% o 5,90 punti per chiudere a 112,05. Da parte sua, Sanofi SA (PA:) ha tagliato il 2,23%, 2,10 punti, e ha chiuso a 92,00, mentre TotalEnergies SE (PA::) ha perso l’1,88%, 0,88 punti, fino a chiudere a 45,81.

In cima a SBF 120 vedi foresia (PA :), che sale del 17,25% a 26,58; valore SA (PA:) è salito del 15,76% per chiudere al 17,93% e Renault SA (PA:) che ha registrato l’11,68% per chiudere a 25,73.

La lanterna rossa dell’indice è stata Thales (PA :), che alla fine della sessione è scesa del 5,00% a 112,05. Ad accompagnarli in fondo alla classifica Sanofi SA (PA :), con un decremento del 2,23%, escluso a 92,00, oltre a valore (PA 🙂 che ha alzato il 2,01% per depositare alle 11.20 a fine sessione.

I numeri verdi hanno prevalso sui numeri rossi della Borsa di Parigi con una differenza di 416 contro 154, e 71 hanno chiuso piatto.

READ  Motivi per cui Brasil BioFuels investe 400 milioni di dollari in una bioraffineria

Misurando la volatilità delle opzioni CAC 40, il suo prezzo ha chiuso dello 0,00% a 18,96, segnando un nuovo massimo di 52 settimane.

I futures sull’oro con consegna ad aprile sono scesi dell’1,34%, o 25,90, a $ 1,00 l’oncia. Tra le altre materie prime, i future sul petrolio greggio con consegna a maggio sono scesi del 3,03%, o $ 3,21, per attestarsi a $ 102,75 al barile, mentre i future sul greggio Brent con consegna a giugno sono scesi del 2,94%, o 3,22, a $ 106,27 al barile.

EUR/USD è salito dello 0,93% attestandosi a 1,11, mentre EUR/GBP è salito dello 0,95% a 0,85.

L’indice del dollaro è sceso dello 0,56% a 98,50.