Maggio 20, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli indici francesi hanno chiuso al rialzo; CAC 40 in aumento del 3,08% da Investing.com

© Reuters Gli indici francesi hanno chiuso al rialzo; CAC 40 avanzato 3,08%

Investing.com – Le azioni francesi sono salite alla chiusura di martedì; Guadagni in settori, spingono gli indici al rialzo.

Alla chiusura di Parigi, la coppia ha guadagnato il 3,08% raggiungendo il massimo di un mese, mentre è salita del 3,07%.

Il miglior rapporto qualità-prezzo per la sessione a Kant Renault SA (PA:) è salito dell’11,68%, 2,69 punti, per attestarsi a 25,73 alla chiusura. seguilo Worldline SA (PA 🙂 che è salito del 9,86% o 3,86 punti per chiudere a 42,99 e società pubblica SA (PA), in rialzo dell’8,33% pari a 2,00 punti, chiude la seduta alle 26.01.

Alla coda del cursore è finita Talete (PA :), che è sceso del 5,00% o 5,90 punti per chiudere a 112,05. Da parte sua, Sanofi SA (PA:) ha tagliato il 2,23%, 2,10 punti, e ha chiuso a 92,00, mentre TotalEnergies SE (PA::) ha perso l’1,88%, 0,88 punti, fino a chiudere a 45,81.

In cima a SBF 120 vedi foresia (PA :), che sale del 17,25% a 26,58; valore SA (PA:) è salito del 15,76% per chiudere al 17,93% e Renault SA (PA:) che ha registrato l’11,68% per chiudere a 25,73.

La lanterna rossa dell’indice è stata Thales (PA :), che alla fine della sessione è scesa del 5,00% a 112,05. Ad accompagnarli in fondo alla classifica Sanofi SA (PA :), con un decremento del 2,23%, escluso a 92,00, oltre a valore (PA 🙂 che ha alzato il 2,01% per depositare alle 11.20 a fine sessione.

I numeri verdi hanno prevalso sui numeri rossi della Borsa di Parigi con una differenza di 416 contro 154, e 71 hanno chiuso piatto.

READ  Wall Street chiude in positivo e il Dow Jones sale dello 0,68% dopo il discorso di Biden

Misurando la volatilità delle opzioni CAC 40, il suo prezzo ha chiuso dello 0,00% a 18,96, segnando un nuovo massimo di 52 settimane.

I futures sull’oro con consegna ad aprile sono scesi dell’1,34%, o 25,90, a $ 1,00 l’oncia. Tra le altre materie prime, i future sul petrolio greggio con consegna a maggio sono scesi del 3,03%, o $ 3,21, per attestarsi a $ 102,75 al barile, mentre i future sul greggio Brent con consegna a giugno sono scesi del 2,94%, o 3,22, a $ 106,27 al barile.

EUR/USD è salito dello 0,93% attestandosi a 1,11, mentre EUR/GBP è salito dello 0,95% a 0,85.

L’indice del dollaro è sceso dello 0,56% a 98,50.