Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli investitori temono ancora | Affare

L’invasione russa dell’Ucraina È stato un duro colpo per il consiglio economico poiché tutti i chip sono stati rimossi. La guerra ha causato i prezzi dell’energia e dei generi alimentari di base, portando l’inflazione a livelli mai visti in 40 anni. Le banche centrali, di fronte al caldo dell’IPC, hanno dovuto ricorrere a rialzi dei tassi di interesse più marcati del previsto a inizio anno. Se era già difficile disaccoppiare l’economia globale dalla macchina di liquidità illimitata a cui era collegata dopo l’epidemia di coronavirus senza causare danni economici collaterali, ora è difficile per l’economia globale non finire per deragliare.

I mercati azionari accumulano forti cali Dallo scorso febbraio, ma gli investitori ritengono che il peggio debba ancora venire. Ciò si riflette almeno nell’Investor Confidence Index, preparato ogni tre mesi da JPMorgan Asset Management e pubblicato esclusivamente da EL PAÍS. Questo termometro di mercato è tornato in territorio negativo nel secondo trimestre dell’anno, circostanza che non si vedeva dalle fasi più difficili della pandemia. L’indice è stato sviluppato con la risposta degli intervistati – 1.387 in questa ondata – alla domanda su cosa faranno i mercati azionari nei prossimi sei mesi. Il 35,9% pensa che le azioni aumenteranno, il 26,3% pensa che le azioni rimarranno ai livelli attuali e il 37,8% avverte che ci saranno ulteriori ribassi in futuro.

Tra le argomentazioni dei risparmiatori più pessimisti vi sono “per la situazione in Ucraina”, “per la crisi finanziaria” e “Perché tutto è troppo costosoI mercati azionari in cui gli intervistati vedono il maggior potenziale sono quelli europei e americani, con gli spagnoli al terzo posto nella propria classifica.In un contesto inflazionistico di questa portata, le preferenze dei risparmiatori spagnoli sono chiare: il 44,6% afferma di investire con l’obiettivo di “non perdere soldi”; il 28,2% ammette di essere disposto a sacrificare parte della redditività per una “certa garanzia”. Solo il 27,2% conferma che il proprio obiettivo è raggiungere la “massima redditività”.

READ  I mercati azionari mostrano dubbi all'inizio della settimana | mercati

Con questo ordine di preferenza, è logico che i prodotti preferiti dai risparmiatori spagnoli su cui investire nei prossimi sei mesi saranno nuovamente i più prudenti nella finestra finanziaria. Le attività legate alle passività bancarie, nonostante l’aumento dei tassi di interesse, continuano a fornire rendimenti minimi, lungi dal compensare l’inflazione. Tuttavia, il 37,6% degli intervistati ha dichiarato che nei prossimi sei mesi investirà in un deposito, libretto o conto di risparmio. Il secondo prodotto più ricercato sarebbero i fondi comuni di investimento (18,5%), seguiti dai piani pensionistici o fondi (17,3%).

Meno rischio

Lucia Gutierrez-Millado, responsabile della strategia di JP Morgan AM in Spagna e Portogallo, riconosce che i rischi “sono aumentati”, motivo per cui il parere del gestore del fondo statunitense è “meno positivo” rispetto all’inizio dell’anno. A suo avviso, il problema principale sul tavolo è l’inflazione. È ancora molto difficile sapere se i prezzi raggiungeranno il picco a settembre o meno. In ogni caso il calo dell’inflazione sarà graduale e nel 2023 avremo ancora livelli sopra la media storica”, sottolinea questo esperto che a JPMorgan AM hanno abbassato le previsioni di crescita, anche se ritengono che il mondo non entrerà in un Gutiérrez afferma -Mellado: “È possibile che vedremo un cambiamento nella leadership della crescita, poiché la Cina può prendere quel ruolo dagli Stati Uniti”. Avverte che “un ritorno per l’estate in Europa sarà discutibile e dovremo essere molto attenti ai dati di consumo.”

Trasferindo questo panorama scettico nella strategia di investimento per i prossimi mesi, il direttore della strategia del direttore spiega che dall’inizio dell’anno hanno ridotto al minimo il rischio nei loro portafogli. Al momento siamo a corto di azioni rispetto a reddito fisso. Gutierrez Melado conclude in obbligazioni che stiamo acquistando emissioni a più lungo termine.

READ  mercati globali - Il rendimento obbligazionario statunitense raggiunge il massimo degli ultimi tre anni; Le azioni scendono in base alle previsioni del tasso