martedì, Luglio 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Gli operatori umanitari avvertono dell’insicurezza durante i trasferimenti a Gaza

Un comunicato stampa diffuso qui sottolinea che il flusso di beni di prima necessità ai residenti di Gaza richiede sforzi coordinati e misure concrete per trovare una soluzione.

Il vice portavoce del segretario generale (Antonio Guterres), Farhan Haq, ha confermato che “oltre ai combattimenti in corso, le attività criminali e il rischio di furti hanno effettivamente impedito agli aiuti umanitari di raggiungere luoghi vitali”.

Il portavoce ha sottolineato che dal 18 giugno le Nazioni Unite non sono state in grado di raccogliere rifornimenti al valico di Kerem Shalom a causa dell’attuale contesto.

Ha aggiunto: “Stiamo lavorando con i nostri partner umanitari e le parti interessate per affrontare la mancanza di legge, ordine e sicurezza, insieme ad altri ostacoli a una risposta umanitaria significativa”.

Jens Laerke, portavoce dell’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari, ha chiesto che Tel Aviv si assuma la responsabilità di garantire una migliore situazione sul campo.

Ha detto: “È responsabilità delle autorità israeliane, in quanto potenza occupante, garantire che l’assistenza raggiunga coloro che ne hanno più bisogno e creare un ambiente favorevole affinché le Nazioni Unite e i suoi partner possano effettivamente raggiungerli”.

L’ingresso di rifornimenti è vitale per la popolazione affollata, soprattutto nel centro dell’enclave, dove solo sette ospedali sono parzialmente funzionanti.

Il vice portavoce di Guterres ha affermato che il sistema sanitario sta lottando per soddisfare le crescenti esigenze a causa della carenza di ospedali da campo mentre i colleghi umanitari lavorano per ripristinare i servizi chiave nelle strutture sanitarie.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, almeno diecimila pazienti hanno urgente bisogno di evacuazione medica negli ospedali fuori Gaza.

READ  Radio Havana Cuba | Martedì in Perù inizierà la fase preparatoria per il processo al leader neoliberista Keiko Fujimori

La metà di loro soffre di ferite di guerra, mentre l’altra metà soffre di malattie croniche mortali come il cancro.

Oggi, venerdì, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rinnovato la sua richiesta di riaprire il valico di Rafah per ricevere aiuti e garantire evacuazioni mediche “sicure e ordinate”.

Inoltre, un’altra alternativa è stata considerata l’utilizzo del valico di Kerem Shalom per il trasferimento sicuro e sostenibile dei pazienti da Gaza agli ospedali in Cisgiordania e Gerusalemme Est.

Thanos Gargavannis, inviato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in Palestina, ha avvertito che “non è il momento di ammalarsi a Gaza”.

Ha espresso il suo rammarico per il fatto che “la chiusura del valico di Rafah, l’aumento delle operazioni militari e dei movimenti di popolazione, e la completa distruzione della legge e dell’ordine hanno portato alla creazione di un ambiente invivibile”.

arco/ebr

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles