Gennaio 21, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli scienziati scoprono i segreti dei mondi alieni usando la “perfetta armonia” del sistema planetario

Gli scienziati hanno usato la “perfetta armonia” di un lontano sistema planetario per capire di più sul suo passato.

La stella Trappist-1 è meglio conosciuta per essere al centro di quello che la NASA ha soprannominato il “Santo Graal” di un sistema solare notevolmente simile alla Terra. Da quando questa scoperta è stata annunciata per la prima volta nel 2017, gli astronomi hanno trovato più informazioni sul sistema, incluso il fatto che contiene più pianeti e potrebbe ospitare la vita.

Tuttavia, gli scienziati stanno ancora scoprendo di più su questi mondi, nonostante la loro grande differenza dalla Terra. In una nuova ricerca, gli astronomi utilizzano la “quasi-armonia” delle orbite dei sette pianeti nel sistema TRAPPIST-1 per comprendere meglio il loro passato.

Il termine armonia si riferisce alla sorprendente chiarezza delle orbite dei vari pianeti del sistema. Sono disposte in proporzioni precise, come l’ordine delle note musicali armoniche: ogni otto anni su un pianeta, ne trascorrono cinque nel successivo, e continuano così in precisi rapporti.

La nuova ricerca sta consentendo agli scienziati di comprendere meglio la storia degli impatti su quei pianeti o i traumi che potrebbero aver subito da bambini. Ciò potrebbe aiutare a determinare meglio se i pianeti contengono acqua e altri materiali necessari per iniziare la vita.

“Dopo che i pianeti rocciosi si sono formati, le cose si sono scontrate con loro”, ha detto in una nota l’astrofisico Shaun Raymond della Purdue University. “Si chiama bombardamento o accumulo ritardato, ed è in parte importante, perché questi effetti possono essere una delle principali fonti di acqua e di elementi volatili che supportano la vita”.

READ  Il telescopio James Webb indica le prime luci dell'universo

Lo studio di questi impatti è molto difficile sulla Terra, e questo va fatto misurando alcuni elementi e confrontandoli con la composizione dei meteoriti. Farlo è impossibile in un sistema come Trappist-1, che dista 40 anni luce, quindi gli scienziati hanno dovuto fare affidamento su metodi più complessi.

“Non otterremo pietre da loro”, ha detto Raymond. Non ci vedremo mai un buco. Quindi cosa possiamo fare? È qui che entra in gioco la speciale configurazione orbitale di Trappist-1. È una specie di leva che possiamo tirare per porre dei limiti a questo”.

I ricercatori sono stati in grado di stimare quanto bombardamento avrebbero potuto fare i pianeti prima di portarli fuori da questa fragile armonia di risonanza. Questo aiuta a determinare cosa potrebbe accadere a quei pianeti.

“Non possiamo dire esattamente quanti oggetti si siano scontrati con uno di questi pianeti, ma a causa di questa particolare configurazione di risonanza, possiamo porre un limite”, ha detto Raymond. “Possiamo dire: ‘Non potrebbe essere più di questo.’ E quel limite superiore si è rivelato molto piccolo.

“Abbiamo scoperto che dopo la formazione di questi pianeti, non sono stati bombardati da più di un paio di cose”, ha spiegato. “È fantastico. Sono informazioni interessanti quando pensi ad altri aspetti dei pianeti del sistema.”

I risultati aiutano gli scienziati a iniziare a raccontare la storia dei pianeti Trappist-1. Dovrebbero essersi formati presto e velocemente, circa dieci volte più velocemente della Terra, ma non devono essere stati così bombardati, il che aiuta a capire cosa potrebbe esserci all’interno di questi mondi e come potrebbe essere modellata la loro atmosfera.

Tuttavia, gli scienziati sottolineano che c’è molto da imparare sul sistema. I futuri controlli su progetti come l’imminente James Webb Space Telescope potrebbero aiutare a rimuovere alcune incognite dalla nuova ricerca.

READ  Instagram ora ti consente di creare discussioni con i tuoi follower