Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli smacchiatori KH-7 raggiungeranno 1.000 negozi Walmart negli Stati Uniti | comp

KH Lloreda, la società catalana dietro i prodotti per la pulizia del marchio KH-7, entrerà nel mercato statunitense dopo aver raggiunto un accordo per raggiungere gli scaffali di 1.000 supermercati Walmart negli Stati Uniti. Il presidente dell’azienda, Josep Maria Lloreda, in una conferenza stampa tenutasi in occasione della 36a Aecoc Consumer Conference.

“Prima della pandemia, avevamo l’intenzione di entrare negli Stati Uniti. Abbiamo creato una filiale a Miami, ma la pandemia ci ha fermato”, ha detto Loureda, fiducioso di poter rispondere alla domanda generata da questo mercato. “All’inizio ci ha fatto paura per le dimensioni, ma sarebbe molto facile servirli da qui. Produrremo tutto dalla nostra fabbrica, ed è molto automatizzato e nessuno tocca nulla con le mani. La nostra produzione massima è di 300.000 bottiglie al giorno, ma abbiamo spazio per altre tre o quattro linee e arriviamo a 600.000 bottiglie in due o tre mesi”, descrive Lloreda. KH inizierà i test di mercato in quei 1.000 negozi, che devono ancora essere localizzati, a partire dalla prossima primavera.

Il compito fino ad allora è per il cliente americano di familiarizzare con i prodotti del KH-7. “Ci concentreremo sul marketing digitale, ma non solo per creare un marchio ma per avere un impatto fornendo soluzioni. È il nostro lavoro numero uno”. Lloreda ha chiarito che arriverà negli Stati Uniti con le sue tre referenze principali: uno smacchiatore, uno sgrassatore e un prodotto per la pulizia del bagno germicida. “Sono prodotti molto diversi rispetto a quello che c’è negli Stati Uniti. Hanno spazio rispetto ai loro concorrenti”, ha aggiunto.

KH-7 vende già i suoi prodotti al di fuori della Spagna in Cile, dove genera il 10% delle sue vendite ed è leader nella sua classe, e in Israele. Nel 2020, le sue vendite sono state pari a 49 milioni, con un aumento del 29% rispetto ai dati del 2019. Come ha riconosciuto il suo presidente, la società prevede di chiudere il 2021 al di sotto dei livelli dello scorso anno, ma più in alto rispetto a due anni fa. “Rimarrà ben poco per raggiungere le vendite dell’anno scorso. Il consumo è mantenuto, le abitudini di pulizia rimangono”, ha detto Lorida, che ha anche ammesso di essere stata colpita dall’inflazione delle materie prime. “È un dramma per tutti i produttori che, in un modo o nell’altro, dovremo passare alla distribuzione”.

READ  Il prezzo dell'elettricità scenderà oggi anche se continua a salire nel calore dell'ondata di caldo