Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti affrontano un Congresso più diviso, senza Nancy Pelosi

Dopo le elezioni di metà mandato, l’8 del mese, quelle simboleggiate in blu hanno infranto le attese di sondaggi, analisti e la tendenza storica che vede la forza politica al potere perdere i seggi in legislatura, ottenendo 50 seggi su 100 al Senato , differenza che potrebbe allargarsi con il turno della seconda delle elezioni in Georgia.

Tuttavia, mercoledì scorso, i media hanno riferito che il Partito Repubblicano ha vinto 218 dei 435 seggi contestati quest’anno alla Camera dei Rappresentanti, e in quel caso ha confermato la sua sovranità.

Il giorno successivo, la portavoce Pelosi ha annunciato che sarebbe rimasta membro del Congresso, ma l’anno prossimo si sarebbe dimessa dalla sua posizione nei ranghi blu più alti, dove era rimasta per due decenni.

Ha detto che la prima e unica donna a ricoprire la carica.

Sempre in questi giorni, Hakeem Jeffries, un democratico di New York, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alla leadership, che, in caso di successo, lo renderebbe il primo leader di origine africana nella storia del Congresso.

Secondo il parere degli analisti, la divisione che compone la legislatura bicamerale che si insedierà a gennaio 2023 potrebbe far deragliare l’agenda del presidente Joe Biden per ciò che resta di lui nello Studio Ovale.

Gli esperti hanno affermato che è probabile che il presidente vedrà le relativamente poche vittorie legislative che ha ottenuto durante i suoi primi due anni in carica, come il disegno di legge per abbassare l’inflazione.

Per ora i repubblicani hanno già promesso di aprire inchieste su temi come la gestione della crisi dell’immigrazione al confine sud e sono interessati a indagare sui rapporti d’affari di Hunter Biden, figlio del presidente.

READ  Nuove missioni religiose sono vietate nelle aree con indiani non imparentati in Brasile

Come ha sottolineato Hill, sono previsti anche tentativi di impeachment contro membri dell’amministrazione che secondo i conservatori non sono riusciti a svolgere il proprio lavoro.

E per aggiungere altre polemiche alla settimana, dopo aver molto flirtato con l’idea, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump (2017-2021) è apparso con il suo annuncio ufficiale della sua candidatura alla Casa Bianca nel 2024, che ha portato a una divisione tra i suoi seguaci repubblicani e quelli che sentivano che avrebbe dovuto stare lontano dai riflettori.

Oggi, il procuratore generale Merrick Garland ha nominato Jack Smith consigliere speciale per sovrintendere alle indagini in corso del Dipartimento di Giustizia sull’uomo d’affari.

La sua nomina gli conferisce l’autorità di indagare sulla gestione dei documenti governativi conservati a Mar-a-Lago, residenza dell’ex presidente, e di determinare se vi siano stati abusi nel cambio di potere dopo le elezioni presidenziali del 2020, richiamate dall’attentato in Campidoglio il 6 gennaio 2021 da una folla di sostenitori di Trump.

ode/cgc