Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti apriranno nuovi centri per immigrati in Colombia e Guatemala – Escambray

Gli Stati Uniti apriranno nuovi centri per immigrati in Colombia e Guatemala – Escambray

Gli Stati Uniti hanno annunciato nuove misure per ottenere una migrazione regolare, ordinata e sicura, in collaborazione con Guatemala, Colombia, Messico, Canada e Spagna.

Insieme ai nuovi centri di elaborazione in Sud America, Washington cercherà di impedire il flusso di migranti verso i suoi confini meridionali. (Foto: Kobase)

Con la fine anticipata del Titolo 42, la politica che, con la giustificazione della pandemia di Covid-19, consentiva l’espulsione urgente delle persone, gli Stati Uniti hanno annunciato nuove misure per ottenere un’immigrazione regolare, ordinata e sicura, in collaborazione con Guatemala, Colombia , Messico, Canada e Spagna.

In Guatemala e Colombia entreranno in funzione i Regional Processing Center (RPC), siti per l’elaborazione delle domande di asilo, permessi di lavoro e ricongiungimento familiare. Come affermato dal Dipartimento di Stato americano, gli RPC contribuiranno a “ridurre la migrazione irregolare e facilitare percorsi sicuri, ordinati, umani e legali” dal Sud America.

Il presidente colombiano Gustavo Petro ha confermato che il suo governo aveva concordato con Washington di aprire “centri e uffici speciali per elaborare il ricongiungimento familiare e l’immigrazione dei colombiani negli Stati Uniti in modo ordinato e legale”. “Saranno collocati in diversi luoghi del paese”, ha aggiunto.

Hanno annunciato da Washington che i centri di elaborazione regionali avrebbero operato in “luoghi chiave” del continente, anche se non hanno specificato gli altri paesi latinoamericani in cui sarebbero stati ubicati i centri di elaborazione.

Nel frattempo, il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti (DHS) creerà anche nuovi processi di ricongiungimento familiare per i cittadini di El Salvador, Guatemala, Honduras e Colombia.

Nuovi partner: Canada e Spagna

Anche i governi di Canada e Spagna hanno acconsentito a ricevere gli immigrati inviati da questi centri.

READ  Il presidente serbo ha accusato l'Occidente di inganno

“Le persone nella regione potranno fissare un appuntamento sul proprio telefono per visitare il Centro regionale (RPC) più vicino prima di mettersi in viaggio, ricevere un colloquio con professionisti dell’immigrazione e, se qualificati, essere rapidamente processati per percorsi legali verso Stati Uniti, Canada e la Spagna”. Dichiarazione della Divisione Nord America.

Con queste azioni, l’amministrazione di Joe Biden sta cercando di anticipare la fine del Titolo 42, la politica che cesserà di applicarsi l’11 maggio alle 23:59 ora locale. Insieme ai nuovi centri di elaborazione in Sud America, Washington cercherà di impedire il flusso di migranti verso il suo confine meridionale.

“Sia molto chiaro: i nostri confini non sono aperti e non lo saranno dopo l’11 maggio”, ha detto il capo del Dipartimento per la sicurezza interna, Alejandro Mayorcas, secondo l’Associated Press.

“Si prevede che il ritorno all’elaborazione ai sensi del titolo 8 ridurrà nel tempo il numero di attraversamenti di frontiera ripetuti, che sono aumentati in modo significativo ai sensi del titolo 42”, ha spiegato il Dipartimento di Stato.

Ai sensi del titolo 8, le persone che sono entrate nel suolo statunitense possono essere deportate “entro pochi giorni”.

“Ti verrà negato il rientro negli Stati Uniti per almeno cinque anni se vieni allontanato; e presumibilmente non sei idoneo (ricevente di) asilo ai sensi della proposta di elusione del regolamento sulle vie legali, in assenza di un’eccezione applicabile”, gli Stati Uniti ha spiegato il governo…