Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti descrivono l’elezione di Kaag al meccanismo di monitoraggio degli aiuti a Gaza come un “passo importante”

Gli Stati Uniti descrivono l’elezione di Kaag al meccanismo di monitoraggio degli aiuti a Gaza come un “passo importante”

Gli Stati Uniti hanno descritto l’elezione del vice primo ministro e ministro delle Finanze olandese Sigrid Kaag al meccanismo di supervisione delle spedizioni di aiuti umanitari delle Nazioni Unite nella Striscia di Gaza come un “passo importante” dopo i dubbi iniziali sull’iniziativa prima della sua approvazione. Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha indicato in una dichiarazione inviata dalla Casa Bianca che Washington accoglie con favore la nomina di Kaag e non vede l’ora di “lavorare a stretto contatto” per aumentare gli aiuti al settore palestinese, oltre a “garantire sicurezza e protezione” al settore. Operatori umanitari. Ha aggiunto: “Gli Stati Uniti forniscono il maggiore sostegno finanziario agli sforzi di assistenza umanitaria a sostegno dei civili palestinesi coinvolti nel conflitto tra Israele e Hamas (il Movimento di Resistenza Islamica)”. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller aveva detto il giorno prima dell'annuncio che il Paese nordamericano “ha accolto con favore” la sua nomina e l'avrebbe sostenuta nell'adempimento dei suoi compiti. Il giorno precedente, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres aveva nominato Kaag coordinatore senior per gli affari umanitari e la ricostruzione a Gaza. La sua missione, che inizierà l’8 gennaio, sarà quella di “facilitare, coordinare, supervisionare e verificare” le spedizioni di aiuti a Gaza. Ciò avviene dopo che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione presentata dagli Emirati Arabi Uniti in cui proponeva tale meccanismo, una misura che gli Stati Uniti guardavano con sospetto, poiché ritenevano meglio che fosse Israele a guidare l’iniziativa. Così, il portavoce della Sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha dichiarato in una conferenza stampa che un numero maggiore di camion carichi di aiuti umanitari è entrato dal valico di Kerem Shalom, controllato da Israele, che dal valico di Rafah, che collega l'Egitto a Lube.

READ  Dimissioni del Presidente del Vietnam - Escambray