Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli studenti cubani hanno un atteggiamento positivo nei confronti della diversità

Secondo il coordinatore del Laboratorio latinoamericano per la valutazione della qualità dell’istruzione (LLECE), Carlos Henriquez, Cuba deve “riconoscere l’importanza dell’uguaglianza di genere e della diversità culturale e promuovere opportunità educative affinché ogni studente abbia la giusta istruzione di base per il proprio sviluppo” .

Foto: Jorge Luis Baños / IPS

L’Avana, 20 dicembre – Secondo lo studio comparativo e interpretativo regionale (ERCE 2019) presentato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO ) Ufficio Regionale (UNESCO, per il suo acronimo in inglese) .

Sono d’accordo con te dati di ricercaPubblicato il 16 dicembre sul sito web dell’organizzazione, Cuba ha ottenuto la più alta percentuale di risposte positive (93 percento) nel Nord America.

Misurare il grado in cui gli studenti percepiscono o anticipano la loro capacità di accettare, tollerare e stabilire connessioni con persone diverse da loro.

Il post rileva che ragazze e ragazzi intervistati in 16 paesi dell’America Latina hanno risposto per lo più “Vorrei poco” o “Vorrei molto” a situazioni come “Se i tuoi studenti provenissero da un altro paese”; “Se uno studente con disabilità (ad esempio, che è cieco, sordo o ha bisogno di una sedia a rotelle) viene al tuo corso”; o “Se uno studente viene al tuo corso e ha un tono della pelle diverso dal tuo”.

Altre abilità importanti

Tra i risultati dello studio, che ha valutato le prestazioni degli studenti nelle aree della lettura, della matematica e delle scienze, e ha esaminato le abilità sociali ed emotive associate ai risultati dell’apprendimento, Cuba ha anche dimostrato di avere il più alto livello di autoregolamentazione scolastica nel regione.

Con l’87 percento di risposte positive, i partecipanti della nazione caraibica hanno espresso la loro capacità di regolare emozioni, pensieri e comportamenti durante l’esperienza di apprendimento e di perseverare verso il raggiungimento desiderato.

READ  Il Cile tra due poli dopo il primo turno elettorale (+ video) ›Mondo › Granma

La maggior parte ha risposto “molte volte” o “quasi sempre o sempre” a situazioni come

“Prima di iniziare a giocare, finisco di studiare”; “Seguo le regole della classe, anche se l’insegnante non mi guarda”; “Chiedo aiuto all’insegnante quando non capisco cosa fare” e “Anche se le cose non funzionano, continuo a provare”.

L’isola, invece, si è contraddistinta per aver riportato livelli di empatia superiori alla media regionale (70 per cento di risposte positive). In questo senso ragazze e ragazzi selezionano risposte “molte volte” o “quasi sempre” a domande che suscitano situazioni in cui devono mettersi emotivamente nei panni di qualcun altro o comprendere il proprio punto di vista e agire in sintonia con ciò che sta loro accadendo .

Ruolo degli insegnanti

ERCE 2019 ha anche misurato la preoccupazione delle scuole per il benessere dei propri studenti, consultandosi su quanto spesso percepiscono che i loro insegnanti esprimano sostegno emotivo (dimostrare interesse per loro, interessarsi a situazioni che li interessano, incoraggiarli a sentirsi meglio , eccetera.).

Nel caso di Cuba, il punteggio proveniva da misure di empatia, autoregolamentazione scolastica e

L’apertura alla diversità è aumentata ai livelli che esprimevano la relazione di queste abilità sociali ed emotive con un maggiore interesse per gli insegnanti.

Allo stesso modo, nelle misurazioni del supporto all’apprendimento e dell’organizzazione dell’insegnamento sono emersi equilibri positivi nelle relazioni tra studenti e insegnanti.

Risultati e sfide dell’educazione inclusiva

Le prove fornite da ERCE 2019 confermano che gli studenti segnalano livelli più elevati di abilità sociali ed emotive nelle scuole dove c’è maggiore interesse per loro e per loro da parte dei docenti, dove c’è un maggiore sostegno all’apprendimento e dove l’insegnamento dimostra un’elevata organizzazione.

READ  Jorge Ariza ha presentato la sua candidatura a Governatore dello Stato di Barinas

Secondo l’UNESCO, la ricerca ha mostrato che “le scuole fanno la differenza nello sviluppo di queste abilità, sebbene la loro incidenza sia inferiore rispetto al livello di istruzione. C’è un’opportunità per i centri educativi di contribuire e promuovere il loro sviluppo fin dalla tenera età”.

La frequenza prescolare ha anche mostrato una correlazione positiva con lo sviluppo delle abilità sociali ed emotive. È stato riscontrato che coloro che ricevono un’istruzione precoce mostrano livelli più elevati di autoregolamentazione a scuola e apertura alla diversità rispetto ad altri che non raggiungono questo livello di istruzione.

Infine, lo studio ha evidenziato le differenze di genere nelle tre abilità sociali ed emotive riportate. Le ragazze ottengono punteggi più alti a questo proposito in 15 dei 16 paesi partecipanti alla ricerca.

Claudia Uribe, Direttore dell’Ufficio Regionale dell’Istruzione per l’America Latina e i Caraibi, ha avvertito che “dopo la prolungata chiusura delle scuole, è più urgente oggi che mai dare agli insegnanti gli strumenti affinché possano accompagnare i loro studenti nelle loro dimensioni emotive che sono state gravemente colpite dalla pandemia”. (2021)