Maggio 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Google Chrome lancia uno strumento integrato di tracciamento degli utenti per gli inserzionisti

Google Chrome lancia uno strumento integrato di tracciamento degli utenti per gli inserzionisti

Google Chrome ha lanciato la sua piattaforma integrata di monitoraggio e regolamentazione degli annunci pubblicitari, “Privacy Sandbox”, l’11 settembre, secondo un post sul blog dell’azienda. La piattaforma è stata inizialmente rilasciata a una piccola percentuale di utenti, ma ora è disponibile per circa il 97% degli utenti. Google ha affermato che il restante 3% sarebbe lo stesso Integrazione Nei prossimi mesi.

Gli esperti di privacy hanno criticato il nuovo sistema di tracciamento. Tuttavia, Google lo ha difeso nel suo annuncio, affermando questo È necessario implementare una Privacy Sandbox per rimuovere cookie e impronte digitali di terze parti.

Secondo la piattaforma di analisi aziendale 6sense, oltre l’80% dei siti web utilizza Google Adsense Operatore Pubblicità sulle loro pagine. Per indirizzare in modo efficace i lettori, Adsense incorpora i cookie nel browser dell’utente. EQuesti cookie tracciano il comportamento di un utente mentre si sposta da un sito all’altro e raccolgono dati che possono essere utilizzati per determinare quali prodotti potrebbe voler acquistare. Poiché questi cookie sono prodotti da Google e non dal sito web visitato, vengono spesso chiamati “cookie di terze parti”.

Alcune piattaforme pubblicitarie concorrenti, ad es annunci Microsoft, Utilizzano anche cookie di terze parti.

I difensori della privacy hanno criticato la pratica di includere cookie di terze parti e alcuni utenti hanno cercato modi per bloccarli. Safari di Apple, Firefox di Mozilla e il browser Brave hanno implementato il blocco dei cookie di terze parti per impostazione predefinita. Gli utenti di Chrome possono anche scegliere di bloccare questi cookie tramite il menu delle impostazioni.

READ  Lo spazio dell'empatia è stato introdotto nel gruppo dei disabili | notizie | Città di Buenos Aires

In un post sul blog datato gennaio 2020, Google Causa I browser non dovrebbero bloccare i cookie di terze parti per impostazione predefinita fino a quando non sarà attivo un sistema di tracciamento alternativo. “Alcuni browser hanno risposto a queste preoccupazioni bloccando i cookie di terze parti, ma riteniamo che ciò abbia conseguenze indesiderate che potrebbero avere un impatto negativo sia sugli utenti che sull’ecosistema web”, si legge nel post.

Secondo Google, bloccare i cookie di terze parti potrebbe “[fomentar] Utilizzando tecniche oscure come il rilevamento delle impronte digitali (una soluzione chirurgica per sostituire i cookie), “Può effettivamente ridurre la privacy e il controllo dell’utente.”

La Dichiarazione dell’11 settembre conferma queste affermazioni precedenti, affermando quanto segue:

“Senza alternative efficaci ai cookie di terze parti che preservino la privacy, come la Privacy Sandbox, rischiamo di ridurre l’accesso alle informazioni per tutti gli utenti e di incentivare metodi invasivi come il rilevamento delle impronte digitali”.

La nuova Privacy Sandbox di Google Chrome consente di tracciare i dati dell’utente all’interno del browser stesso. Per questo motivo, Google ritiene che migliorerà la privacy eliminando la necessità di cookie di terze parti. Tuttavia, Google ha anche confermato che non inizierà a bloccare automaticamente i cookie di terze parti fino a una data successiva.

IL Fondazione Frontiera elettronica, Un gruppo di difesa della privacy digitale ha dichiarato: Anche la versione precedente di Privacy Sandbox non faceva molto per migliorare la privacy ho continuato monitorare il comportamento degli utenti, Anche se lo ha fatto all’interno del browser anziché tramite i cookie. Secondo loro, Privacy Sandbox può essere più invasivo dei cookie di terze parti per alcuni aspetti.

READ  Uno spazio artistico a cui vale la pena accedere

La nuova interfaccia di Chrome rivela che Privacy Sandbox può essere disabilitata tramite tre diverse impostazioni nel menu Privacy annunci.

Impostazioni sulla privacy degli annunci di Chrome. Fonte: browser Chrome per Android.

Brave Browser implementa anche una piattaforma chiamata “Brave Ads” che tiene traccia del comportamento degli utenti. Questa funzione è disabilitata per impostazione predefinita e, se gli utenti scelgono di partecipare, verranno pagati con un token di interesse di base per gli annunci che visualizzano.

Spiegazione: Le informazioni e/o le opinioni espresse in questo articolo non rappresentano necessariamente le opinioni o la linea editoriale di Cointelegraph. Le informazioni qui fornite non devono essere considerate come consulenza finanziaria o raccomandazione di investimento. Tutti gli investimenti e le transazioni commerciali comportano rischi ed è responsabilità di ogni persona condurre le dovute ricerche prima di prendere una decisione di investimento.

Continuare a leggere:

Gli investimenti in criptovalute non sono regolamentati. Potrebbe non essere adatto agli investitori al dettaglio e l’intero importo investito potrebbe andare perso. I servizi o i prodotti forniti non sono rivolti o disponibili agli investitori in Spagna.