Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Google sta testando consentendo ad app come Spotify di offrire l’autofatturazione

Verrà avviato Google di Alphabet Inc nel consentire ad alcune app di fatturare direttamente agli utenti in alternativa al pagamento tramite Google, una concessione tra le crescenti preoccupazioni dell’antitrust sulle tariffe degli app store.

Il nuovo sistema, che Google offre in prova, inizia con il colosso dello streaming Spotify Technology SA. Se un utente sceglie di pagare Spotify direttamente invece di utilizzare il sistema di fatturazione di Google, Spotify non dovrà pagare l’intera quota del 15% a Google, secondo una persona che ha familiarità con la questione. Un portavoce di Google ha affermato che la società non aveva ancora deciso i termini finanziari.

“Questo è un risultato significativo e per la prima volta per qualsiasi importante app store, sia su mobile, desktop o console di gioco”, ha scritto mercoledì il vicepresidente di Google Sameer Samat in un post sul blog. Il dirigente ha detto che Google condividerà di più “nei prossimi mesi”.

Sia Google che Apple Inc. Pressioni nelle cause legali e al Congresso per richiedere ai produttori di app di utilizzare i loro sistemi di pagamento. Google addebita una commissione del 30% sulla maggior parte degli acquisti e degli abbonamenti dell’App Store, ma negli ultimi anni ha abbassato la commissione al 15% per i fornitori di contenuti multimediali come Spotify. Spotify è una delle tante aziende che si è lamentata di non essere in grado di utilizzare i propri sistemi di fatturazione negli app store mobili.

Scopri di più sul motivo per cui le tariffe dell’App Store sono controverse

In Corea del Sud, Google è stata costretta a fornire un sistema di fatturazione alternativo dopo un intervento normativo. In questo mercato, Google ha affermato che avrebbe ridotto del 4% le commissioni per la creazione di app. Il nuovo aggiornamento mira a funzionare in tutto il mondo.

READ  DIA taglia le vendite del 3,4% nel 2021 a causa dei cali in Spagna e Portogallo | comp

Secondo Sensor Tower, nel 2021, i consumatori hanno speso 133 miliardi di dollari in app, di cui due terzi sulla piattaforma Apple. Sensor Tower ha aggiunto che nel corso della vita dell’app, Spotify è stato installato quasi un miliardo di volte dal Google Play Store.

È improbabile che questa mossa induca Apple ad apportare modifiche simili. Per prima cosa, la società ha affermato di non fare affari con i singoli sviluppatori, indipendentemente dalle loro dimensioni. Ancora più importante, il produttore di iPhone ha affermato l’anno scorso che avrebbe consentito alle app multimediali, comprese le app musicali come Spotify, di connettere gli utenti al Web per completare i pagamenti, evitando completamente le commissioni dal 15% al ​​30% da parte di Apple. Tuttavia, questa soluzione non consentirà a Spotify di creare un sistema di pagamento integrato all’interno della sua app, come ora è consentito su Android.

Epic Games Inc. fa causa. , il produttore del gioco Fortnite, Inc., Apple a causa della perdita che ottiene dalle transazioni dell’App Store.

A luglio, 36 paesi hanno citato in giudizio Google, sostenendo che la società ha abusato illegalmente del suo potere di creare app tramite il Google Play Store su dispositivi mobili. Gli Stati hanno descritto il 30% nella denuncia come “esorbitante”.

Dopo la notizia del cambiamento, Spotify è balzato al 6,5% nel trading after-hour, mentre Match Group Inc. , proprietario di app di appuntamenti come Tinder e Hinge, in aumento del 4%.