Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina – Russia, in diretta

Il terzo round di negoziati tra Ucraina e Russia ha permesso di raggiungere martedì scorso un accordo per la realizzazione di un corridoio umanitario che consentirebbe l’evacuazione dei civili dalla città nord-orientale di Sumy, affollata nei giorni scorsi. Conchiglie delle truppe russe.

Il corridoio umanitario è durato 12 ore e l’evacuazione è stata completata con successo. Un totale di 5.000 persone sono “già al sicuro”, ha affermato Kirillo Tymoshenko, vice capo dell’ufficio del presidente ucraino. Inoltre, altri 1.000 veicoli speciali hanno potuto lasciare la città attraverso lo stesso percorso.

L’evacuazione da Sumy è iniziata martedì mattina presto con una prima fila di circa 20 autobus carichi di cittadini, principalmente studenti stranieri provenienti dall’India. Una seconda linea di oltre 35 autobus ha lasciato la città nel pomeriggio – con una popolazione di circa 270.000 abitanti – con oltre 600 persone all’interno.

La richiesta del presidente ucraino Volodymyr Zelensky agli Alleati per gli aerei dell’era sovietica che i piloti del suo paese conoscevano già ha portato a
Un improvviso disaccordo tra questo Paese e l’amministrazione americanaSecondo il giornalista.

Sembra che entrambi i paesi siano disposti a soddisfare la domanda purché la loro partecipazione alla consegna dei combattenti li metta in diretto confronto con la Russia.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba si incontreranno giovedì in Turchia, ha confermato la portavoce della diplomazia russa Maria Zagarova tramite i media russi.
Sputnik.

L’incontro potrebbe svolgersi nell’ambito di un forum economico che si terrà nella città turca di Antalya, a cui dovrebbero partecipare i due leader.

Questo incontro avrà luogo appena due giorni dopo il terzo round di negoziati tra le delegazioni dei due paesi in Bielorussia. In cui si è convenuto di organizzare corridoi umanitari nelle città di Arbin, Sumy e
Le richieste di entrambe le parti sono state rese pubbliche.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che l’Ucraina ha pianificato di lanciare un attacco di marzo contro i separatisti sostenuti dalla Russia nel Donbas, nell’est del paese, a marzo. Lo rivelano documenti segreti ottenuti da Mosca.

Il ministero ha rilasciato sei pagine di questi documenti, che hanno detto che mostravano come Kiev avesse pianificato un attacco militare alle aree ribelli sostenute dalla Russia di Donetsk e Luhansk. Ricordiamo che pochi giorni prima dell’inizio dell’invasione,
Putin ha riconosciuto l’indipendenza di queste due regioni.

un’agenzia
Reuters Non ha potuto verificare autonomamente i documenti, scritti in ucraino, che sembrano descrivere i preparativi al combattimento delle unità militari tattiche.

Odessa vive in questi giorni con una psicosi
Uno sbarco virtuale delle truppe russe sulle sue coste. Questa città, situata sulle rive del Mar Nero, è uno degli altri obiettivi principali di Mosca per controllare l’Ucraina meridionale, lasciare il governo locale senza accesso al mare e creare un ponte terrestre tra Russia, Donbass e Crimea.

READ  Il presidente angolano promette 'dialogo' dopo la rielezione

È qui che l’Accademia militare associata al Politecnico insegna in questi giorni corsi veloci per affrontare i Kalashnikov. Si stanno preparando per la guerra di combattimento urbano nelle bellissime strade di Odessa.

Le forze russe stanno avanzando lungo la costa ucraina in quello che potrebbe essere visto come un tentativo di costruire un ponte terrestre tra Russia, Donbass e Crimea, che è stato annesso illegalmente nel 2014 agli occhi dell’Occidente.

La città portuale di Mariupol sta resistendo ed è ancora sotto il controllo delle autorità ucraine, sebbene sia completamente circondata da forze russe e filo-russe, ed è stata sottoposta a intensi bombardamenti che hanno causato la morte di civili. Inoltre, i residenti ancora resistenti di questa città hanno problemi a procurarsi medicine, cibo e acqua ea raccogliersi nelle cantine per proteggersi dai proiettili russi.

Secondo il vice primo ministro ucraino Irina Verychuk, Mariupol si trova in una “situazione disastrosa”.

La capitale ucraina è stata relativamente tranquilla negli ultimi giorni, a differenza di altre parti del Paese come Mariupol, Kharkiv o vicino a Odessa. Tuttavia, secondo il capo dell’amministrazione regionale di Kiev, Oleksiy Kuleba, l’artiglieria russa ha colpito duramente la periferia della città.

Secondo Kuleba, questi attacchi mettono in grande difficoltà la popolazione civile che resiste in città e la situazione è particolarmente critica nelle periferie. “La Russia sta creando artificialmente una crisi umanitaria nella regione di Kiev, ostacolando l’evacuazione delle persone e continuando i bombardamenti di piccole comunità”, ha affermato.

Le forze russe hanno visto la loro avanzata lentamente in alcune aree, inclusa la capitale, grazie in gran parte alla resistenza ucraina più forte di quanto inizialmente previsto da Mosca.

La Russia non è riuscita a compiere progressi significativi nei combattimenti a nord di Kiev, la capitale ucraina e uno dei principali obiettivi delle forze russe dall’inizio dell’offensiva il 24 febbraio. Ciò è stato confermato da fonti dell’intelligence del governo britannico.

L’intensità dei bombardamenti nella capitale ucraina si è intensificata nelle ultime ore. Diversi giornalisti sfollati nella zona hanno riferito sui social network che diverse esplosioni sono state udite nelle vicinanze della città.

Mercoledì scorso, i residenti di Kiev si sono svegliati con un avvertimento di attacchi aerei che li esortava a rifugiarsi nei rifugi il prima possibile per paura di attacchi missilistici russi.

Aziende che rappresentano al meglio la cultura del capitalismo, come
Coca-Cola, McDonald’s o StarbucksUno per uno, stavano lasciando la Russia. Quasi all’unisono, hanno tutti annunciato nelle scorse ore la sospensione delle loro attività nel colosso russo, unendosi a decine di aziende che nei giorni precedenti hanno preso una decisione simile.

La sua uscita dal mercato russo è piuttosto rappresentativa, sia per le dimensioni del business che per la natura simbolica di alcuni dei marchi che rappresentano, senza pari,
stile di vita americano E il loro arrivo nel Paese, soprattutto nel caso di McDonald’s nel 1990, è diventato un evento di modernità nella Russia post-sovietica.

READ  Radio L'Avana Cuba | I prigionieri palestinesi iniziano lo sciopero della fame nelle carceri israeliane

squadre negoziali
Ieri Russia e Ucraina hanno presentato le loro richieste Dopo il terzo giro di trattative. Mosca vuole risolvere definitivamente la questione della Crimea, annessa nel 2014, e l’indipendenza delle terre filo-russe del Donbass.

In questo momento, i negoziatori ucraini considerano “praticamente impossibile” rispondere alle richieste di Mosca, secondo il capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky, anche se sperava di trovare una soluzione “prima o poi” su due questioni. Questo “è di fondamentale importanza per la Russia”.

L’Ucraina, da parte sua, chiede nuove garanzie di sicurezza per sostituire quelle ricevute negli anni ’90 e, per il momento, ha respinto tutte le richieste russe, ma ieri ha dato diversi segnali che possono essere interpretati come un passo verso il riavvicinamento.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha potuto verificare che 1.335 civili sono stati uccisi o feriti nella guerra in Ucraina. Questo numero include le vittime registrate tra le 04:00 ora locale del 24 febbraio, il giorno in cui è iniziato l’attacco, e la mezzanotte del 7 marzo, quindi il numero di vittime oggi potrebbe essere più alto.

Dei 1.335 uccisi o feriti, 474 hanno perso la vita negli attacchi, inclusi 29 bambini, e 861 sono rimasti feriti, di cui 44 minori. In tutti i casi, queste sono le persone che sono state identificate, il loro luogo di morte e le loro circostanze confermate.

Gli Stati Uniti stimano che tra i 2.000 ei 4.000 soldati russi siano morti in combattimento dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio e si aspettano che le prossime settimane di guerra saranno “estremamente difficili”.

Il direttore dell’intelligence al Pentagono, il generale Scott Perrier, è stato incaricato di presentare queste informazioni alla comparsa di rappresentanti delle principali agenzie di intelligence del paese davanti a un comitato della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

La cifra elevata stimata dalle autorità statunitensi contrasta con la cifra fornita dal ministero della Difesa russo la scorsa settimana: 498 vittime tra le fila russe.

Martedì scorso, il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato il veto del petrolio russo dalla fine del 2022, poche ore dopo che gli Stati Uniti avevano preso la stessa decisione. Durante questo periodo di nove mesi, il Regno Unito si concentrerà sulla promozione di rotte di approvvigionamento alternative, in particolare negli Stati Uniti, nei Paesi Bassi e nel Medio Oriente.

In questo Paese la domanda di greggio russo è di circa l’8%, una cifra molto più bassa che in altri Paesi del vecchio continente come Germania, Italia o Repubblica Ceca.

Inoltre, il Regno Unito ha una capacità produttiva “significativa” grazie alle estrazioni nel Mare del Nord e alle grandi riserve strategiche, secondo l’Esecutivo britannico.

READ  I popoli indigeni del Paraguay chiedono al presidente di porre il veto a una legge controversa (+ foto)

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha deciso di farlo
Potere di veto sulle importazioni di petrolio, gas e carbone dalla Russia. Tra dubbi e preoccupazioni sull’impatto economico del provvedimento e anche con le pressioni dei membri del Congresso degli Stati Uniti, democratici e repubblicani allo stesso modo, il presidente degli Stati Uniti ha deciso di fare il passo da solo.

L’obiettivo della decisione è “infliggere più dolore” al presidente russo Vladimir Putin e al suo regime in modo che fermino il loro attacco all’Ucraina, ha affermato il presidente annunciando la misura della Casa Bianca, ha riferito un corrispondente dell’Afp.
avanguardia A Washington, Fernando Garcia (a cura di).

Nelle ultime ore, le forze armate russe hanno intensificato i bombardamenti sulla capitale, Kiev, una delle enclavi strategiche per portare avanti il ​​suo obiettivo di invadere l’Ucraina.

Tutto questo mentre i corridoi umanitari hanno consentito l’evacuazione della popolazione civile ancora resistente in altre parti del Paese, come Irbin – nei pressi della capitale – o la città di Sumy nel nord-est, gravemente colpita dai recenti bombardamento. giorni. , che ha ucciso molte persone, compresi i bambini.

I civili sono fuggiti con autobus, treni e le proprie auto, approfittando dei corridoi umanitari per spostarsi a ovest.

Martedì scorso, il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, è apparso al parlamento britannico. È stato il primo discorso di un leader straniero alla Camera dei Comuni britannica, che è stato accolto con una standing ovation.

“Combatteremo nei boschi, nei campi, sulle spiagge e nelle strade”, ha dichiarato Zelensky in videoconferenza, poche parole in cui ha parafrasato uno dei discorsi più famosi di Winston Churchill sulla seconda guerra mondiale.

Le sanzioni economiche e finanziarie cominciano a colpire l’economia russa e costringono il Cremlino ad adottare misure alquanto impopolari.

La Banca centrale russa ha annunciato, mercoledì scorso, che fissa un massimo di 10.000 dollari che un cliente può prelevare in valuta estera in contanti sui suoi conti in valuta estera, secondo i dettagli.
Sputnik. Tale restrizione sarà prorogata dal 9 marzo al 9 settembre.

La norma, rivelata questa mattina, aggiunge che “le banche durante la validità del nuovo ordine non venderanno valute estere per contanti ai cittadini”.

L’economia russa soffre sempre più delle sanzioni economiche e finanziarie imposte dall’Occidente e sta adottando “misure speciali” per cercare di sopravvivere. Il presidente Vladimir Putin ha firmato martedì scorso un decreto che garantisce l’economia del Paese e autorizza il governo a impedire l’esportazione di prodotti e materie prime.

Lo scopo del decreto è “garantire la sicurezza della Federazione Russa e il lavoro ininterrotto dell’industria” e sarà valido fino al 31 dicembre.