Aprile 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guterres ritiene che il numero di morti civili a Gaza sia senza precedenti. • Lavoratori

Guterres ritiene che il numero di morti civili a Gaza sia senza precedenti. • Lavoratori

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha messo in guardia oggi sul numero di vittime civili del conflitto a Gaza, un numero che considera senza precedenti da quando è entrato in carica.

Immagine: tratta da PL

Giunto nella capitale per partecipare all'ottavo vertice della Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC), il capo dell'ONU ha chiesto un'indagine internazionale dopo che giovedì nell'enclave sono state uccise 100 persone in seguito ad un attentato mentre aspettavano. Per fornire aiuti.

L’Alto Rappresentante ha dichiarato in dichiarazioni alla stampa: “Credo che una situazione come questa richiederà un’indagine efficace e indipendente per scoprire come ciò sia accaduto e chi ne sia responsabile”.

Guterres ha accolto con favore gli sforzi volti a mantenere la pace nella regione latinoamericana mentre “stiamo assistendo al dilagare di guerre e conflitti di ogni tipo nel mondo”.

In questo contesto, ritiene incoraggiante che l'America Latina e i Caraibi siano rimasti in pace e che gli sforzi di mediazione abbiano prevalso in conflitti come il recente conflitto tra Guyana e Venezuela.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha espresso i suoi ringraziamenti per il sostegno del Primo Ministro di Saint Vincent e Grenadine, Ralph Gonsalves, per la sua attenzione ad ogni potenziale conflitto, la sua mediazione impegnata, attiva ed efficace, così come il suo costante impegno alla soluzione. Dei problemi di Haiti

Il Segretario Generale ha indicato il contesto prevalente nel paese come una delle maggiori sfide della regione e ha chiesto un progresso politico efficace per la nazione, un sistema di sicurezza che permetta di porre fine alle bande e alla criminalità, nonché come maggiore sostegno internazionale. .

READ  Il vertice del G20 tra proteste e dubbi (+ foto)

Allo stesso tempo, ha messo in guardia dalle sfide economiche e climatiche che l’America Latina e i Caraibi si trovano ad affrontare dopo l’impatto del Covid-19 e il caos causato dal riscaldamento globale e dai disastri naturali.

Ha aggiunto: “Ora vediamo molte economie di questo continente affogare nel debito, e vediamo che la struttura finanziaria internazionale ingiusta, inefficace e obsoleta si è rivelata incapace di sostenere questi paesi in questo momento di bisogno”.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha insistito sui suoi appelli a riformare le istituzioni finanziarie e a fornire maggiore sostegno ai paesi in via di sviluppo di fronte alla crisi climatica.

“È tempo di riformare le nostre istituzioni finanziarie internazionali”, ha aggiunto, “è tempo per un nuovo movimento di Bretton Woods in cui i paesi in via di sviluppo possano vedere un sistema finanziario internazionale in grado di affrontare le enormi sfide che si trovano ad affrontare”.