Settembre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha ricreato l’esistenza nomade di un mammut di 17.000 anni

I ricercatori hanno mappato il viaggio di A. mammut lanoso subordinare Polo Nord, che in 28 anni di vita copriva una sufficiente estensione di Alaska Basta fare il giro della terra circa due volte.

in un Lavoro pubblicato nel campo della scienzaScienziati provenienti da Austria, Cina e Stati Uniti hanno raccolto dettagli senza precedenti sulla sua vita analizzando un fossile di 17.000 anni dal Museo del Nord dell’Università di Alaska. Generando e studiando i dati isotopici per le zanne di mammut, sono stati in grado di correlare i suoi movimenti e la dieta con le mappe isotopiche della regione.

Finora si conoscono pochi dettagli sulla sua vita e sui suoi movimenti lanudos mammutLo studio fornisce la prima prova che hanno percorso lunghe distanze.

Un ricercatore presso l’Università di Alaska Fairbanks Matthew Waller, autore principale e coautore del documento. visitato molte parti di Alaska Ad un certo punto della tua vita, il che è sorprendente se consideri le dimensioni di quest’area”.

Scritto sulle loro zanne

Ricercatori presso la Stable Isotope Facility AlaskaWaller, che è diretto da Waller, ha affettato longitudinalmente il canino lungo due metri e ha prodotto circa 400.000 punti dati microscopici utilizzando laser e altre tecniche.

Le analisi isotopiche dettagliate che hanno eseguito sono rese possibili dal modo in cui i canini crescono. mammut. I mammut hanno aggiunto nuovi strati ogni giorno per tutta la loro vita. Quando le zanne venivano tagliate longitudinalmente per il campionamento, queste bande di crescita assomigliavano a coni gelato impilati, fornendo una registrazione cronologica della loro intera vita. Mammut.

“Dal momento in cui sono nati al giorno in cui sono morti, hanno un diario ed è scritto sulle loro zanne”, spiega Pat Druckenmiller, paleontologo e direttore dell’UA North Museum. Comodo e resistente per la vita dell’individuo. “

READ  Espacio y Mercadeo, 22 anni di servizio • La Nación

Gli scienziati lo sanno Mammut Morì sul versante settentrionale di Alaskasopra il circolo polare Polo Nord, dove i suoi resti sono stati scavati da un team che includeva Dan Mann e Pam Groves di UA, che sono tra i coautori dello studio.

I ricercatori hanno ricostruito un viaggio Mammut Fino a quel momento analizzando le firme isotopiche della nafta per lo stronzio e l’ossigeno, che sono state assemblate con mappe che prevedevano differenze isotopiche tra Alaska. I ricercatori hanno creato le mappe analizzando i denti di centinaia di piccoli roditori provenienti da tutto il mondo Alaska Conservato nelle collezioni del museo. Gli animali percorrono distanze relativamente piccole durante la loro vita e rappresentano segnali isotopici locali.

Usando quel set di dati locali, hanno mappato la varianza isotopica su tutti Alaska, fornendo una base per il monitoraggio dei movimenti mammut. Dopo aver preso in considerazione le barriere geografiche e la distanza media percorsa ogni settimana, i ricercatori hanno utilizzato un nuovo metodo di modellazione spaziale per mappare i potenziali percorsi che l’animale ha seguito durante la sua vita.

DNA antico conservato nei resti Mammut Ha permesso al team di identificarlo come un maschio imparentato con l’ultimo gruppo della sua specie in cui viveva Alaska continentale. Questi dettagli hanno fornito maggiori informazioni sulla vita e sul comportamento dell’animale, ha affermato Beth Shapiro, che ha guidato la componente del DNA dello studio.

Ad esempio, il brusco cambiamento nella sua firma isotopica, nell’ambiente e nei movimenti intorno ai 15 anni probabilmente ha coinciso con l’espulsione del mammut dal suo branco, riflettendo uno schema visto in alcuni attuali elefanti maschi.

READ  Apple AirPods 3 indica il lancio anticipato

“Sapere che si trattava di un maschio ci ha fornito un contesto biologico migliore in cui potevamo interpretare i dati isotopici”, afferma Shapiro, professore all’Università della California, Santa Cruz e ricercatore presso l’Howard Hughes Medical Institute.

modelli di cambiamento climatico

Gli isotopi hanno anche fornito indizi sulle cause della morte dell’animale. Gli isotopi di azoto sono aumentati durante l’ultimo inverno della loro vita, un segno che potrebbe essere un segno distintivo della fame nei mammiferi.

“È incredibile quello che siamo stati in grado di vedere e fare con questi dati”, afferma il coautore Clement Patai, ricercatore dell’Università di Ottawa che ha guidato il lavoro di modellazione in collaborazione con Amy Willis dell’Università di Washington.

Trovare di più sulla vita delle specie estinte soddisfa più della curiosità, afferma Waller, professore presso la School of Fisheries and Oceans dell’UAF e il Nordic Institute of Engineering. Questi dettagli possono essere sorprendentemente rilevanti oggi, poiché molte specie hanno adattato i loro schemi di movimento e le loro gamme ai cambiamenti climatici.

“il Polo Nord Subisce molti cambiamenti e possiamo usare il passato per vedere come si svilupperà il futuro per le specie attuali e future”, afferma Waller. Il tentativo di risolvere questo giallo è un esempio di come il nostro pianeta e i nostri ecosistemi stanno reagendo ai cambiamenti ambientali».

(Con informazioni da Europa Press)

La nostra trasmissione

Spazio vitale: Ci sono molte sostanze che sono state vendute come soluzione al virus Corona durante la pandemia e sono state sviluppate attraverso le esperienze di alcuni consumatori, quindi non hanno gli studi necessari per dimostrare che funzionino scientificamente o meno, ha affermato la dott.ssa Theresa Ochoa, un pediatra e direttore dell’Alexander von Humboldt Institute of Tropical Medicine. .

READ  Un orologio che si adatta alla tua carta da parati

Newsletter tutto sul virus corona

Il COVID-19 ha messo tutti in allerta. Partecipare Nella nostra newsletter All About Coronavirus, dove troverai i dati quotidiani più rilevanti per il Paese e per il mondo sull’andamento del virus e sulla lotta alla sua diffusione.