Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Haiti segna dodici anni dal devastante terremoto del 2010 | internazionale | Notizia

Il 12 gennaio 2010, un terremoto di magnitudo 7 ha ucciso più di 300.000 persone, la maggior parte delle quali a Port-au-Prince.

EFE

Haiti mercoledì ha segnato il dodicesimo anniversario del terremoto che ha ucciso più di 300.000 persone e ha devastato l’area metropolitana di Port-au-Prince.

L’evento principale è stata una corona di fiori fatta dal Primo Ministro Ariel Henry al memoriale eretto a Saint Christophe, a nord della capitale, in memoria delle vittime.

In seguito, Enrico partecipò a una celebrazione ecumenica tenutasi nei giardini del Palazzo Nazionale, un edificio distrutto dal terremoto e non ricostruito.

“Dodici anni dopo, il Paese continua a piangere i suoi morti e le ferite sono ancora aperte. Che Dio li ricompensi per aver continuato a prendersi cura di Haiti”, ha affermato il primo ministro.

Da diversi anni il 12 gennaio è stata dichiarata una giornata di riflessione dedicata alla memoria delle vittime del terremoto del gennaio 2010.

Secondo i criteri stabiliti dal decreto del 2015, la bandiera nazionale sventola in tutta la repubblica, i locali notturni e altri locali simili devono rimanere chiusi e le stazioni radiofoniche e televisive sono invitate ad adattare la loro programmazione all’opportunità.

Il 12 gennaio 2010, un terremoto di magnitudo 7 della scala Richter ha ucciso più di 300.000 persone, principalmente a Port-au-Prince, e ha causato lo sfollamento di 1,5 milioni di persone.

Le celebrazioni si svolgono 12 anni dopo, in un momento in cui il Paese sta attraversando una grave crisi politica ed economica.

Le celebrazioni arrivano 12 anni dopo, in un momento di grave crisi politica, economica e sociale ad Haiti, a seguito dei tragici eventi del 2021, compreso l’assassinio del presidente Jovenel Moise.

Il 14 agosto 2021 si è verificato un altro forte terremoto, di dimensioni simili al 2010, ma meno mortale perché ha colpito un’area meno densamente popolata.

Il terremoto del 2021 ha scosso la penisola meridionale di Haiti, uccidendo più di 2.000 persone e colpendo oltre 690.000 persone.

Cinque mesi dopo, migliaia di vittime stanno ancora aspettando una casa e vivono ancora nelle tende. (IO)

READ  Hanno rapinato una casa a Miami-Dade che era in ristrutturazione