Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hanno attaccato sensori alle foche per esplorare le condizioni in Antartide

WASHINGTON, 29 dicembre (Prensa Latina) Scienziati hanno installato sensori satellitari CTD con le teste di otto foche per esplorare le condizioni oceanografiche e ambientali in Antartide, rivela oggi l’American Journal of Biology & Oceanography.

Gli autori, che hanno condotto la loro analisi tra marzo e settembre 2017, hanno affermato che i complessi studi su navi sono stati sostituiti da uno strumento da mezzo chilo associato ai mammiferi marini pinnati.

La tecnologia sviluppata negli ultimi anni che registra la conducibilità, la temperatura e la profondità (CTD) è essenziale per caratterizzare l’acqua dell’oceano attraverso l’intera colonna e consente la stima della sua fonte, ed è ulteriormente ampliata nel testo pubblicato.

Hanno spiegato che dopo aver confrontato i dati trasmessi dalle foche montate, abbiamo scoperto che l’acqua calda e a bassa salinità è apparsa nel sottosuolo durante l’autunno e la profondità di questa è aumentata con il progredire della stagione.

Aggiungendo altri modelli ad essi, hanno aggiunto, mostriamo che i venti orientali per lo più costanti durante l’autunno causano il flusso di acqua calda dalla superficie della piattaforma, oltre alla possibilità di ulteriori dighe verso la terraferma.

In effetti, hanno confermato che le informazioni sull’immersione delle foche registrate simultaneamente indicavano che le acque calde e a bassa salinità avevano effetti positivi sul comportamento di foraggiamento.

Nelle loro conclusioni generali, i ricercatori osservano che un processo fisico guidato dal vento può migliorare la disponibilità di prede nell’ecosistema marino costiero antartico.

Nobu Kokubun, professore associato presso il National Polar Research Institute del Giappone e autore principale del documento, ha spiegato che precedenti indagini hanno utilizzato strumenti associati agli elefanti marini del sud e alle foche per mostrare i processi fisici nell’area.

READ  Migliaia di afgani aspettano ancora di essere evacuati da Kabul - Prensa Latina

L’Antartide si distingue come una delle regioni biologicamente più produttive degli oceani del mondo a causa della grande quantità di nutrienti generati dalle interazioni tra mare, ghiaccio marino e piattaforma di ghiaccio.

msm / znc