Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hanno scoperto il primo caso di virus Covid-19 nella villa associata ai Giochi Paralimpici

ilGli organizzatori di Tokyo 2020 hanno annunciato, giovedì, la scoperta del primo caso del virus COVID-19 legato all’organizzazione dei Giochi Paralimpici all’interno del Villaggio Olimpico, che questa settimana ha aperto le sue porte ai partecipanti.

L’abitante della villa danneggiata non è un atleta ed è l’unico dei 16 positivi confermati giovedì dall’organizzazione situata all’interno delle strutture situate sull’isola artificiale di Harumi.

Il Villaggio Olimpico ha aperto le sue porte agli atleti e ad altre persone associate alle Paralimpiadi questo martedì, una settimana prima dell’inizio delle gare il 24.

La sicurezza degli atleti è una preoccupazione particolare per gli organizzatori, Perché le condizioni preesistenti che alcuni atleti hanno li rendono un gruppo a rischio di sviluppare sintomi gravi se sviluppano la malattia.

Del numero totale di nuovi casi, sono stati rilevati quattro casi tra le persone venute dall’estero per partecipare all’evento, Mentre 12 casi corrispondono alla popolazione del Giappone, che sta vivendo la peggiore ondata di contagi dall’inizio dell’epidemia, che alla vigilia di quel record registrava più di 23.900 nuovi casi giornalieri.

Solo 5.386 sono stati registrati a Tokyo questo mercoledì, il secondo numero giornaliero più alto registrato finora. Gli organizzatori di Tokyo 2020 hanno rilevato 74 casi positivi al virus da quando hanno iniziato a registrare i dati il ​​12 agosto.

La maggior parte dei 16 casi registrati giovedì (12) sono dipendenti associati ad appaltatori, mentre uno è un dipendente dell’organizzazione stessa di Tokyo 2020 e gli altri tre, che sono altri tipi di individui associati ai Giochi Paralimpici.