Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ho chiesto a Dembele di restare, tutto è possibile”

Pierre-Emerick Aubameyang celebrare La prima tripla da giocatore a Barcellona (Anche se ha preferito concedere 1-4 a Pedri) Ha rilasciato interviste ai tre giornali sportivi catalani (Mundo Deportivo, Sport e L’Esportiu) dove ha lasciato alcune informazioni e alcuni titoli interessanti su due nomi scientifici. Il primo, il suo amico Dembele. Oppa non si arrende sui francesi: “Non so (se è possibile rinnovare), ma l’unica cosa che posso dire è che tutto è possibile nella vita (…). Abbiamo avuto un grande anno a Dortmund ed è un grande giocatore. Osman è il migliore con lui. A dirti la verità, sono davvero felice che sia qui e quando sono arrivata ho detto: “Devi restare, amico”.

“Dembele è come il mio fratellino. Non ci siamo mai persi di vista. Quando la chiamava, le scriveva sempre. Prima di arrivare a Barcellona? Sì, ma non molto, perché sapevo di trovarmi in una situazione un po’ difficile. Non volendolo infastidire, ho preferito lasciarlo un po’ tranquillo così non avrebbe pensato a più cose. Ma sì, mi chiedevo come stavano le cose e se sarei finito per firmare per il Barcellona”.

come quello riferito ad Haaland, Chi ha fatto il guaio a Dortmund, la squadra che da lui è balzata al presidente del Consiglio: “Non sono un allenatore ma penso che Haaland sia sbronzo. Segna molti gol, è molto fisico ed è molto veloce. È strano perché è veloce. Alla sua età è uno dei migliori. La competitività è molto positivo e veloce. Se venisse, sarebbe un onore”.

Il gabonese ha spiegato come è stato chiuso il suo contratto di acquisto per il Barcellona. “Fino all’ultimo minuto che aspettavamo l’arrivo del trasferimento dall’Arsenal, è arrivato due minuti prima dell’ultima volta. Il mio cuore batteva velocissimo, non sudavo, ma quasi. Ho chiamato mio padre, che era a Sitges , e gli ho detto che sarei andato al Barcellona perché voleva firmare per il Barcellona.. Ho dormito un po’, poi mi hanno detto di fare le visite mediche “Ho dato tutto quello che avevo, ho fatto tutto quello che era in mio potere per essere a Barcellona. Il Barcellona è il Barcellona e non si può dire di no. Grande squadra, lo farà presto tornare dove merita”.

READ  LaLiga Santander: Real Sociedad - Villarreal: programma e dove vedere oggi in TV Partita della Giornata 18 della Prima Divisione

Ha anche voluto sottolineare Mikel Arteta, con cui ha avuto problemi all’Arsenal. “A volte le cose succedono così. Anche con lui ho passato dei bei momenti. Ho imparato che devi dare il massimo in campo e tanti concetti in allenamento. Ho anche imparato a essere un leader. È difficile uscire da questa routine. Entrambi l’abbiamo ancora inchiodato. Ma è una storia finita, non voglio pensare alle cose negative che sono successe. Ho mantenuto tutti i trofei che ho vinto”.

Infine, Aubameyang confessa la promessa fatta a suo nonno. La verità è che era dell’Atletico, ma per molestarlo gli ho sempre detto che sarebbe andato al Real Madrid. Era solo quello. Quello che ricordo anche di avergli detto è che un giorno giocherà in Spagna. È un messaggio che mi ha sempre ricordato. È sempre stato un sogno venire in Spagna, sin da quando ero giovane. Prima di iniziare a giocare per il Gabon, volevo davvero giocare per la nazionale spagnola, Ma ho seguito la strada che ha seguito mio padre con la squadra gabonese. Mi sono ripromesso che un giorno avrei giocato nella Liga, e ora la mia famiglia è più unita e felice”.