Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Holger Ron e Mark Andrea Heusler si incontrano per il titolo | Tour ATP

Holger Ron trascorre la settimana dei suoi sogni al Sofia Open. Dopo essersi assicurato la qualificazione per le finali ATP di nuova generazione, il 19enne danese è apparso sabato nella finale contro Jannick Sener.

Ha superato il numero 31 della classifica Pepperstone ATP Rankings 5-7, 6-4, 5-2, quando l’italiano è stato costretto al ritiro per problemi fisici. Quindi l’orologio segna due ore e 29 minuti dopo.

Per Ron, questa è la sua terza vittoria consecutiva sul cemento indoor bulgaro, che dovrebbe arrivare al terzo set. In questo modo, il saldo del danese rimane 24-22 in questo ciclo.

Questa domenica giocherà la seconda finale della sua carriera nell’ATP Tour. Il primo è stato lo scorso maggio a Monaco, il campionato della classe ATP 250, dove ha finito per alzare la corona di campione per stabilire il proprio record.

Potrebbe interessarti anche: Musetti e Rune si qualificano per le Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals

Nel round finale, Marc affronterà Andrea Heusler che ha fatto una splendida rimonta in un tie-break per il secondo giorno consecutivo sabato al Sofia Open, dove ha sbalordito la quarta testa di serie Lorenzo Mossetti 7-6 (5), 7-5 contro raggiungere la sua prima finale del round ATP.

Gli svizzeri hanno ribaltato lo svantaggio di 1-5 contro l’italiano nel tiebreak del primo set, suggellando la vittoria in un’ora e 36 minuti. Ma il giorno prima nei quarti di finale aveva portato a termine un’impresa simile contro Kamel Majscherzak, salvando due match point nel tiebreak del secondo set.

“Certo”, ha convenuto Huesler quando gli è stato chiesto in pista se fosse uno dei più grandi guadagni della sua carriera. “Non ho mai giocato una finale ATP prima. Sono un po’ senza parole. Non posso credere di aver vinto oggi e di aver raggiunto la finale, ma ho giocato una grande partita e sono molto felice”.

READ  Il mercato, in diretta: news e last minute per oggi, 10 gennaio

Sebbene Huesler abbia lasciato il suo bottino di vittorie inferiore a quello di Musetti (29 a 24), lo svizzero è stato inarrestabile nei momenti cruciali per finire per segnare la sua nona vittoria stagionale.

“In quei momenti, semplicemente non sembra buono”, ha detto del tiebreak del primo set con 1-5 contro. “Cerco solo di giocare da un punto all’altro. Lo sanno tutti che nel tennis non finisce mai per essere l’ultimo punto. Ovviamente, se avesse mantenuto il suo livello alto lì probabilmente avrei perso il set, ma ho cercato di andare avanti”. “

Huesler ha già incontrato Rune una volta. Era la stessa stagione sulla terra battuta e l’equilibrio girava a loro favore 6-3 6-4. Naturalmente, ha emesso un ultimo avvertimento: “È una finale, sarà qualcosa di completamente nuovo. Mi concentrerò su me stesso, ma sarà sicuramente una bella partita”.