Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hubble cattura la stella gigante rossa Betelgeuse mentre si riprende lentamente dopo aver perso il suo guscio esterno.

Analizzando i dati del telescopio spaziale Hubble della NASA e di altri osservatori, gli astronomi hanno concluso che la stella gigante rossa Betelgeuse è effettivamente esplosa nel 2019, perdendo una parte significativa della sua superficie visibile e producendo una massa superficiale supermassiccia (SME). Questo è qualcosa che non è mai stato visto prima nel comportamento di una normale stella.

Il nostro sole in genere espelle porzioni della sua debole atmosfera esterna, la corona, in un evento noto come espulsione di massa coronale (CME). Ma la piccola e media Betelgeuse ha dato 400 miliardi di volte la massa di un normale CME!

Questa illustrazione mostra i cambiamenti nella luminosità della stella gigante rossa Betelgeuse, dopo una massiccia espulsione di gran parte della sua superficie visibile. L’infiltrazione si è raffreddata per formare una nuvola di polvere che ha temporaneamente fatto apparire la stella più debole dalla Terra. Questo spasmo stellare senza precedenti ha interrotto il periodo di oscillazione di 400 giorni della stella gigante che gli astronomi hanno misurato per più di 200 anni. Ora potrebbe muoversi all’interno come una gelatina.
Fonte: NASA, Agenzia spaziale europea, Elizabeth Wheatley (STScI).

La mostruosa stella si stava ancora riprendendo lentamente da questo catastrofico tumulto. “Betelgeuse continua a fare alcune cose insolite in questo momento; ha affermato Andrea Dupree del Center for Astrophysics | Harvard e Smithsonian a Cambridge, Massachusetts.

Queste nuove osservazioni forniscono indizi su come le stelle rosse perdono massa alla fine della loro vita quando i loro nuclei di fusione si esauriscono, prima che esplodano come supernove. La quantità di perdita di massa influisce notevolmente sul tuo destino. Tuttavia, il comportamento sorprendentemente arrogante di Betelgeuse non indica che la stella esploderà presto. Un evento di perdita di massa non è necessariamente un segno di un’esplosione imminente.

READ  Google Maps | Dov'è "San Marino" da "Betty, la fea" | mappa | Patricia Fernandez | Netflix | TV | Serie | nda | nnni | GIOCO SPORTIVO

Dupree ora assembla tutti i pezzi del puzzle sul comportamento sinistro della stella prima, dopo e durante l’eruzione in una storia coerente di uno spasmo gigantesco senza precedenti di una stella che invecchia.

Ciò include la nuova spettroscopia e i dati di imaging da Osservatorio automatizzato StellaIl Spettrografo Tillinghast Echelle (tre), e Veicolo spaziale del Solar Terrestrial Relations Observatory (STEREO-A) della NASAIl Telescopio spaziale Hubble NASA e Associazione americana degli osservatori di stelle variabili (AAVSO). Dupree sottolinea che i dati di Hubble sono stati utili per aiutare a risolvere il mistero.

Non abbiamo mai visto un’espulsione di massa così massiccia dalla superficie di una stella prima d’ora. Ci rimane qualcosa che non comprendiamo completamente. È un fenomeno completamente nuovo che possiamo osservare e risolvere i dettagli della superficie direttamente utilizzando Hubble. Stiamo assistendo a un’evoluzione stellare in tempo reale”.

Il Esplosione del Titanic 2019 Probabilmente è stato causato da un pennacchio di convezione, largo più di un milione e mezzo di chilometri, che si alzava dall’interno della stella. Ha prodotto shock e pulsazioni che hanno espulso una porzione della fotosfera, lasciando alla stella un’ampia superficie fredda al di sotto della nuvola di polvere causata dal raffreddamento della fotosfera. Betelgeuse ora sta lottando per riprendersi da questo evento.

La porzione fratturata della fotosfera, che pesa molte volte più della nostra luna, pesa nello spazio e si raffredda per formare una nuvola di polvere che oscura la luce stellare vista dagli osservatori sulla Terra. Il blackout, iniziato alla fine del 2019 e durato alcuni mesi, è stato facilmente percepibile. Betelgeuse, una delle stelle più luminose del cielo, si trova facilmente sulla spalla destra della costellazione di Orione.

READ  Ora puoi goderti i giochi per PC su Xbox con Nvidia GeForce e qui ti spieghiamo come

La frequenza del polso di 400 giorni del colosso non esisteva più, forse almeno temporaneamente. Quasi 200 anni fa, gli astronomi misurarono questo ritmo come evidenziato dai cambiamenti nei cambiamenti di luminosità e dai movimenti della superficie di Betelgeuse. Il suo boicottaggio è la prova della ferocia dell’esplosione.

Dupree suggerisce che le cellule convettive all’interno della stella, che costituiscono la pulsazione regolare, potrebbero oscillare. Gli spettri TRES e Hubble indicano che gli strati esterni possono tornare alla normalità, ma la superficie continua a rimbalzare come un gel mentre la fotosfera viene ricostruita.

Sebbene il nostro Sole abbia un’espulsione di massa coronale di piccole porzioni dell’atmosfera esterna, gli astronomi non hanno mai visto una così grande quantità della superficie visibile della stella espulsa nello spazio. Pertanto, le espulsioni di massa superficiale e le espulsioni di massa coronale possono essere eventi diversi.

Betelgeuse è ora così grande che se sostituisse il Sole al centro del nostro sistema solare, la sua superficie esterna si estenderebbe oltre l’orbita di Giove. Usa Dobre Hubble per studiare Punti caldi sulla superficie della stella nel 1996. Questa è stata la prima immagine diretta di una stella diversa dal Sole.

Il Telescopio spaziale web La NASA può rilevare il materiale espulso nella luce infrarossa mentre continua a allontanarsi dalla stella.

Il telescopio spaziale Hubble è un progetto di collaborazione internazionale tra la NASA e l’Agenzia spaziale europea (ESA). Il telescopio è gestito dal Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. Lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, conduce le operazioni scientifiche di Hubble. STScI è gestito per la NASA dal Consortium of Universities for Research in Astronomy, a Washington, DC

READ  Come attivare Google Chat, l'app Gmail che rivaleggia con Slack

Notizie originali (in inglese)

Edizione: R. Castro.