Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Human Rights Watch chiede a Lula di adottare misure concrete contro l’ambiente e l’Amazzonia

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2022 – 04:15

Rio de Janeiro, 4 novembre (EFE). – Human Rights Watch (HRW) venerdì ha chiesto al presidente eletto del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, di impegnarsi in misure concrete contro l’ambiente e l’Amazzonia, alla vigilia della giornata. Vertice sul clima COP27 in Egitto.

Obiettivi quantificabili per la deforestazione, misure adottate per garantire i diritti delle popolazioni indigene e un piano nazionale di protezione per i difensori ambientali sono alcuni degli impegni proposti dall’ONG.

“All’inizio della COP 27, una settimana dopo le elezioni, Lula deve delineare come intende garantire lo stato di diritto in Amazzonia e proteggere la foresta e i suoi difensori”, ha affermato Maria Laura Canino, direttrice brasiliana di Human Rights Watch.

Tra le misure proposte da Human Rights Watch c’è l’impegno a rafforzare le agenzie ambientali e indigene.

Il leader progressista ha annunciato la sua intenzione di promuovere obiettivi climatici più ambiziosi e rafforzare la cooperazione internazionale per proteggere la regione amazzonica, che ha raggiunto livelli record di deforestazione e incendi sotto l’amministrazione guidata dall’estrema destra Jair Bolsonaro.

Dopo aver vinto le elezioni presidenziali, domenica scorsa Lula ha annunciato che avrebbe posto fine alla deforestazione nella più grande foresta tropicale del pianeta, avrebbe ripreso la protezione del bioma, difeso i diritti degli indigeni e ancora una volta avrebbe reso il gigante sudamericano protagonista della mischia. contro la crisi climatica.

Un primo passo in questa direzione è la sua partecipazione al vertice COP27 sul clima, al quale parteciperà due mesi prima di entrare in carica, su invito della Federazione Interregionale Amazzonica, organismo formato dai governi dei nove stati amazzonici brasiliani.

READ  Scopri perché gli aerei a idrogeno potrebbero essere il futuro

Lula, che sarà il terzo capo di stato del Paese, dopo aver governato il Brasile tra il 2003 e il 2010, è riuscito a ridurre la deforestazione di quasi il 70% alla fine del suo secondo mandato.

Ma nei suoi stati sono stati promossi anche progetti come le centrali idroelettriche, criticate dalle comunità locali per il loro impatto ambientale sulla foresta.

Dodici anni dopo, l’ex unionista dovrà affrontare la stessa sfida perché durante il governo Bolsonaro la distruzione dell’Amazzonia brasiliana è aumentata drammaticamente.

Sotto il mandato di estrema destra, la deforestazione in Amazzonia è aumentata del 73% tra il 2018 e il 2021, raggiungendo il livello più alto degli ultimi 15 anni, con quasi 34.000 chilometri quadrati di foresta distrutti tra il 2019 e il 2021.

Gli incendi non sono stati ritardati a lungo e sono cresciuti allo stesso ritmo della deforestazione. Solo 101.215 focolai registrati nei primi 10 mesi dell’anno hanno effettivamente superato il 2021, il numero più alto registrato per il periodo dal 2010.

Gli ambientalisti hanno attribuito la distruzione della foresta pluviale amazzonica in Brasile alla mancanza di controlli da parte del governo di Bolsonaro per frenare l’estrazione illegale, il commercio illegale di legname e la pesca illegale. EFE

stuoia / m / av

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.