I 5.000 robot che disegnano una mappa 3D dell'universo per vedere come andrà a finire

0
1
I 5.000 robot che disegnano una mappa 3D dell'universo per vedere come andrà a finire

Pubblicati i risultati del DESI, un esperimento a cui partecipa la Spagna che monitora 11.000 milioni di anni di espansione dell'universo

con 5000 piccoli robot Gli scienziati hanno potuto osservare un telescopio installato sulla cima di una montagna in Arizona, negli Stati Uniti. 11 miliardi di anni dal nostro passato.

La luce proveniente da oggetti estremamente distanti nello spazio e nel tempo sta ora raggiungendo lo strumento per la spettroscopia dell’energia oscura, DESI, un progetto guidato dal Lawrence Berkeley National Laboratory (LBL), per mappare l’universo dalla sua giovinezza ad oggi. Che abbiamo notato in questa particolare notte.

Gli scienziati ritengono che capire come si sviluppa È direttamente correlato a come finisceSi risolve così uno dei grandi misteri della fisica: l’energia oscura, quel misterioso ingrediente che fa espandere l’universo sempre più velocemente.

DESI ha mappato galassie e quasar per costruire la mappa 3D più grande e accurata mai vista, oltre a misurare la velocità della loro espansione in 11 miliardi di anni. Questa è la prima volta che gli scienziati sono riusciti a misurare la storia dell’espansione del giovane universo con tale precisione. I risultati DESI di questa collaborazione internazionale di oltre 900 scienziati provenienti da 70 istituzioni di tutto il mondo sono stati appena pubblicati in una raccolta di articoli scientifici nell'archivio arXivE in varie presentazioni durante una riunione Società americana di fisica Negli Stati Uniti d'America, nel Incontri successivi In Italia.

Già nel suo primo anno di attività, DESI ha superato tutte le mappe spettroscopiche 3D realizzate in precedenza, contribuendo a confermare le basi dell'attuale modello dell'universo.

DESI continua a lavorare rapidamente.” Un milione di galassie al mese“Siamo fiduciosi che il DESI aumenterà la nostra conoscenza dell’universo e forse ci permetterà di fare scoperte rivoluzionarie”, afferma Eusebio Sánchez, ricercatore presso il Centro di ricerca per l’energia, l’ambiente e la tecnologia (CIEMAT) del Ministero della Scienza, dell’Innovazione e dell’Università .

READ  Androide | Passaggi per eseguire il mirroring di qualsiasi app sul tuo telefono Xiaomi | Applicazioni | Smartphone | tecnologia | trucco | vagare | Telefoni cellulari | sistema operativo | Conti | WhatsApp | messaggero | giochi | nda | nnni | dati

“La gravità lega la materia, quindi quando lanciamo una palla in aria, la gravità terrestre la trascina verso il pianeta”, ha detto Isaac Boschaki, professore di fisica presso la School of Natural Sciences and Mathematics (NSM) dell'Università del Texas a Dallas. “Ma su scala più ampia, l'universo si comporta diversamente. Si comporta come se ci fosse qualcosa di ripugnante che separa l'universo e ne accelera l'espansione. Questo è un grande mistero e lo stiamo indagando su diversi fronti. Si tratta di energia oscura sconosciuta nell'universo o è una modifica della teoria della gravità?” Albert Einstein Su scala cosmica?

Molti scienziati ritengono che l’energia oscura svolga un ruolo importante nell’accelerazione cosmica, ma questo non è ben compreso. Alcuni la vedono come una costante cosmologica, una proprietà intrinseca dello spazio che guida l’accelerazione.

Osservando una mappa DESI, è facile vedere la struttura di base dell'universo: galassie ammucchiate in stringhe, separate da vuoti con meno oggetti. Tuttavia, l’universo primordiale era completamente diverso: Una zuppa densa e calda di particelle subatomiche Si muovono così velocemente che la materia stabile come gli atomi che conosciamo oggi non può ancora formarsi. Tra queste particelle c'erano i nuclei di idrogeno ed elio, che sono collettivamente chiamati barioni.

Piccole fluttuazioni in questo plasma primordiale hanno causato onde di pressione, facendo muovere i barioni secondo uno schema di oscillazioni simile a quello che si vedrebbe quando si lancia una manciata di ciottoli in uno stagno. Quando l'universo si espanse e si raffreddò, gli atomi si formarono e le onde di pressione si fermarono, e queste onde si congelarono in tre dimensioni sotto forma di bolle e furono collocate Semina le future galassie nelle regioni più dense. Miliardi di anni dopo, possiamo ancora osservare un segnale molto debole proveniente da queste bolle come separatore distinto tra le galassie, una proprietà chiamata oscillazioni acustiche barioniche (BAO).

READ  Il telescopio cinese FAST scopre una nuvola atomica 20 volte più grande della Via Lattea | Scienza ed Ecologia | Dott..

“DESI è già più accurata di tutte le precedenti mappe BAO dell'intera storia cosmica”, afferma Violeta González Pérez, ricercatrice presso il Dipartimento di Fisica Teorica dell'Università Autonoma di Madrid. “I tuoi dati ci permettono di studiare Misteri cosmici che vanno oltre la nostra comprensione Flusso dell'universo.

“È emozionante vedere come i risultati del DESI ci danno una visione accurata di come è l’universo”, commenta Francisco Javier Castandre, ricercatore presso l’Istituto di Scienze Spaziali (ICE-CSIC) e l’Istituto di Studi Spagnoli della Catalogna ( CIRCUITO INTEGRATO). “Inoltre, questo è solo l’inizio e con i nuovi dati che otteniamo, le nostre misurazioni saranno più accurate”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here