Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I banchieri centrali si dirigono verso le montagne degli Stati Uniti in un difficile contesto inflazionistico Di Reuters

© Reuters. Foto d’archivio del presidente della Federal Reserve Jerome Powell e del presidente della Federal Reserve di New York John Williams che camminano insieme in vista della conferenza annuale sulla politica monetaria della Fed di Kansas City.

Scritto da William Schomberg e Palaz Kourani

LONDRA/FRANKFURT (24 agosto) (Reuters) – Questa volta l’anno scorso, le principali banche centrali mondiali si sono unite in una lettura errata dell’inflazione.

Ora, mentre i principali responsabili della politica monetaria si riuniscono alla conferenza annuale della Federal Reserve di Kansas City a Jackson Hole, nel Wyoming, sembra che la banca centrale statunitense potrebbe ottenere un “atterraggio morbido” per la sua economia. Ma le prospettive per l’Europa sono molto più preoccupanti.

Gran parte del mondo sta affrontando la più forte crescita dei prezzi dall’inizio degli anni ’80, suscitando il timore di una ripetizione della spirale salari-prezzi dell’epoca, che ha richiesto tassi di interesse a due cifre – e una dolorosa recessione – per ripristinare la stabilità dei prezzi.

Ciò lascia molti banchieri centrali in viaggio verso i Grand Teton questa settimana nella speranza che le attuali pressioni inflazionistiche si calmino abbastanza rapidamente da consentire loro di compensare la prevista contrazione nelle economie di tutto il mondo.

“Sono presi tra una recessione imminente e l’iperinflazione. La loro prima preoccupazione è rispondere all’inflazione elevata”, ha affermato Holger Schmieding, capo economista di Berenberg. “Una volta che la stagnazione diventa evidente, l’ansia cambierà”.

Tuttavia, questo cambiamento potrebbe essere sbilenco, perché la Fed, in particolare, non è disposta a cambiare ritmo rapidamente.

In questo periodo dell’anno scorso, ad esempio, il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che l’accelerazione dell’inflazione potrebbe essere temporanea. Con il disfarsi di questa narrativa, è diventata la forza trainante del ritmo più rapido di stretta monetaria negli Stati Uniti in quattro decenni.

READ  Gli anziani, la parte in crescita che deve essere inclusa nella digitalizzazione finanziaria

Inoltre, lui e altri membri della banca centrale statunitense hanno espresso la loro volontà di resistere a una certa deflazione economica se questo è ciò che è necessario per controllare l’inflazione.

Sebbene vi siano alcune indicazioni che la Fed potrebbe presto ridurre gli aumenti dei tassi di interesse da 75 punti base nei suoi ultimi due incontri politici, Powell potrebbe utilizzare il discorso programmatico del seminario di venerdì per raffreddare le aspettative degli investitori di minori costi finanziari nel 2023.

Jack Janasevic, Chief Portfolio Strategist presso Natixis (NYSE: Soluzioni per i gestori degli investimenti.

“Non te ne andrai così in fretta”

L’inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è rallentata, ma è rimasta stabile a luglio al livello più alto degli ultimi 40 anni, 8,5% – rispetto al 9,1% del mese precedente – e dovrebbe raggiungere una media vicina al 4% nel 2023, secondo gli analisti intervistati da Reuters .

Il quadro è molto peggiore nell’Europa importatrice di energia, dove l’invasione russa dell’Ucraina ha fatto salire alle stelle i prezzi e sembra accelerare ulteriormente mentre Mosca si vendica contro le sanzioni europee limitando il flusso di gas.

La Bundesbank ha avvertito questa settimana che la crescita dei prezzi nell’eurozona è destinata a raggiungere una doppia cifra quando le misure adottate dalla Germania e da altri paesi per alleviare l’impatto del costo della vita sui consumatori iniziano a scadere.

La Banca Centrale Europea prevede che l’inflazione nell’area dell’euro scenderà al 3,5% nel 2023, ma i suoi numeri sono stati costantemente rivisti al rialzo e la Germania ora prevede che l’inflazione superi il 6%, indicando che la prossima previsione della BCE a settembre sarà più alta.

READ  Scopri la piattaforma che aiuta le aziende di outsourcing a conformarsi alla riforma del lavoro: Centro notizie latinoamericano

Isabelle Schnabel, membro del Consiglio della Banca centrale europea che parlerà al simposio di Jackson Hole, ha detto in un’intervista a Reuters la scorsa settimana.

La Banca centrale europea il mese scorso ha alzato i tassi di interesse per la prima volta in 11 anni.

Nel Regno Unito, che ha intrapreso meno azioni rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei per proteggere le famiglie dall’aumento dei prezzi dell’energia e sta anche soffrendo il caldo inflazionistico del mercato del lavoro in stile americano, la situazione è ancora più drammatica.

Gli analisti di Citi hanno affermato questa settimana che l’inflazione britannica raggiungerà il 18% all’inizio del 2023, il tasso più alto dal 1976, nonostante il fatto che la Banca d’Inghilterra abbia già aumentato i tassi di interesse sei volte da dicembre.

(Reportage di Dara Ranasinghe a Londra; scrittura di William Schomberg; montaggio spagnolo di Carlos Serrano)