Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I combattimenti a Gaza, la situazione dei civili e altro ancora

I combattimenti a Gaza, la situazione dei civili e altro ancora

Un nuovo rapporto afferma che l’esercito israeliano “ha fallito nella sua missione” di salvare i tre ostaggi morti accidentalmente

Il capo di stato maggiore dell'esercito israeliano ha annunciato giovedì che l'esercito “ha fallito nella sua missione” di salvare i tre ostaggi uccisi dalle sue forze a Gaza questo mese, mentre l'esercito ha annunciato i risultati delle indagini.

I risultati hanno concluso che i ranghi del comando israeliano avevano informazioni sulla presenza di ostaggi nell’area e “hanno adottato misure per prevenire attacchi a siti sospettati di tenere ostaggi”, secondo il rapporto.

Ma l’indagine ha anche concluso che le forze israeliane sul terreno non erano “sufficientemente consapevoli” della possibilità che degli ostaggi si avvicinassero o che le forze hanno incontrato ostaggi in operazioni non specificamente finalizzate al loro rilascio.

Il capo di stato maggiore dell'esercito israeliano ha annunciato giovedì che l'esercito “ha fallito nella sua missione” di salvare i tre ostaggi che erano stati uccisi per errore dalle sue forze a Gaza questo mese, nel momento in cui l'esercito ha pubblicato i risultati delle indagini.

I risultati hanno concluso che i ranghi del comando israeliano avevano informazioni sulla presenza di ostaggi nell’area e “hanno adottato misure per prevenire attacchi a siti sospettati di tenere ostaggi”, secondo il rapporto.

Ma l’indagine ha anche concluso che le forze israeliane sul terreno non erano “sufficientemente consapevoli” della possibilità che degli ostaggi si avvicinassero o che le forze hanno incontrato ostaggi in operazioni non specificamente finalizzate al loro rilascio.

Gli attivisti di Hamas avevano rapito Yotam Haim, Alon Shimrez e Samer Talalka durante il loro attacco a Israele il 7 ottobre. I tre uomini sono stati uccisi durante un'operazione dell'esercito israeliano nelle vicinanze del quartiere Shujaiya a Gaza City il 15 dicembre.

READ  In Cile sono stati segnalati oltre cinquemila nuovi casi di Covid-19

Quel giorno, secondo i risultati, un soldato israeliano ha sparato a tre ostaggi “identificati come pericolosi”, uccidendone due. Il terzo ostaggio è fuggito e il comandante del battaglione ha emesso l'ordine di non sparare per identificare la terza persona.

Dopo aver sentito qualcuno gridare “aiuto” in ebraico, il comandante ha chiesto alla persona di avvicinarsi ai soldati; Il rapporto afferma che l'ostaggio ha lasciato l'edificio e si è diretto verso le forze dell'ordine. Due soldati non hanno ascoltato l'ordine del comandante di non sparare “a causa del rumore di un carro armato vicino” e hanno aperto il fuoco sul terzo ostaggio, secondo le indagini.

L'indagine ha inoltre concluso che “gli ostaggi camminavano senza maglietta, e uno di loro sventolava una bandiera bianca e si trovava in un punto con visibilità limitata rispetto alla posizione del soldato che ha sparato il proiettile”.

Il capo di stato maggiore israeliano Herzi Halevy ha detto che la sparatoria “era evitabile”, ma ha sottolineato che “non c'era alcuna malizia nell'evento e che i soldati hanno eseguito l'azione corretta in base alla loro migliore comprensione dell'evento in quel momento”.

Il rapporto afferma che nei giorni precedenti l'uccisione dei tre ostaggi, i soldati israeliani hanno sentito grida di aiuto in ebraico provenire da un edificio mentre combattevano contro gli uomini armati di Hamas. Secondo il rapporto, i soldati credevano che si trattasse di un tentativo di intrappolarli.

Una telecamera montata su un cane militare durante i combattimenti ha catturato anche i suoni degli ostaggi che chiedevano aiuto. Lo stesso giorno, all'uscita del tunnel, secondo il rapporto, è stato trovato un biglietto con la scritta “aiuto” scritto in ebraico, che i soldati israeliani hanno interpretato come un tentativo di Hamas di attirarli fuori.

READ  La metà dei brasiliani pensa che Bolsonaro potrebbe organizzare un colpo di stato, secondo un sondaggio

Il 14 dicembre, secondo il rapporto, le riprese di un drone israeliano hanno identificato cartelli con la scritta “Aiuto, 3 ostaggi” su un edificio a 200 metri da dove i tre ostaggi morirono il giorno successivo.

Il rapporto rileva che l'esercito israeliano sospettava una trappola dopo aver visto barili blu, che secondo il rapporto si trovano spesso in aree manomesse nelle vicinanze.

Halevy ha concluso che la morte degli ostaggi non avrebbe dovuto verificarsi e che era sproporzionata rispetto alla gravità della situazione.

Ha aggiunto: “Le procedure operative standard sono necessarie e sono progettate anche per proteggerci, in modo che non uccidiamo le nostre forze. Determinano e influenzano decisioni fatali, come è successo in questo caso”.