Dicembre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I dati del James Webb Telescope rivelano una possibile galassia formatasi circa 250 milioni di anni dopo il Big Bang.

aggiornato

Se confermato, CEERS-93316 sarà la galassia più distante osservata

Telescopio James Webb nello spazioContenitore

Il primo set di dati da Telescopio spaziale James Webb (JWST) Include filtro galassia, CEERS-93316, che si è formata circa 250 milioni di anni dopo il Big Bang. Se i risultati dell’indagine, inviati alle notifiche mensili della Royal Astronomical Society, saranno confermati, sarà la galassia più lontana mai osservata, e una conferma delle potenzialità del nuovo telescopio spaziale, che ha condotto osservazioni scientifiche solo per un periodo mese.

L’osservazione, descritta nel repository arXiv, include anche un redshift senza precedenti. Il redshift fa parte del cosiddetto effetto Doppler, che gli astronomi usano per misurare le distanze nell’universo. CEERS Abbreviazione di Cosmic Evolution Early Release Science Survey e creato appositamente per l’imaging con JWST.

“Le ultime settimane sono state surreali, vedere il JWST battere tutti i record che ha tenuto per così tanto tempo con Hubble”, afferma la dott.ssa Rebecca Poehler, Ernest Rutherford Fellow presso l’Università di Manchester e coautrice dello studio. “Trovare una galassia candidata z = 16,7 (redshift) è incredibile, non era qualcosa che ci aspettavamo dai primi dati”.

Questo nuovo studio si basa su dozzine di studi precedenti che hanno misurato oggetti fino a uno spostamento verso il rosso z = 10 utilizzando una combinazione di osservazioni da terra e con il telescopio spaziale Hubble e il telescopio spaziale Spitzer.

“È incredibile trovare un candidato per una galassia così lontana con Webb, dato che questo è solo il primo set di dati”.dice Callum Donnan, uno studente di dottorato presso l’Università di Edimburgo e autore principale dello studio, citando Universe Today. “È importante notare che per confermare il redshift, la galassia dovrà continuare a monitorare con la spettroscopia. Ecco perché la chiamiamo galassia candidata”.

READ  WhatsApp sta valutando un aggiornamento che limita l'inoltro dei messaggi

Lo studio ha stabilito che CEERS-93316 non poteva essere una stella di piccola massa o un nucleo galattico attivo non ostruito sulla base dei dati di imaging di NIRCam (Near Infrared Camera), l’imager principale del JWST. Dato che CEERS-93316 potrebbe avere solo 250 milioni di anni, uno degli obiettivi dei cosmologi è scoprire cosa succede nelle galassie molto giovani, subito dopo il Big Bang.

Dopo il Big Bang, l’universo è entrato in un periodo noto come il Medioevo, il periodo prima della nascita di qualsiasi stella. Il dottor Buller spiega. “Le osservazioni di questa galassia hanno riportato le osservazioni al momento in cui pensiamo si stessero formando le prime galassie esistenti. In realtà abbiamo trovato più galassie nell’universo primordiale di quanto previsto dalle simulazioni al computer, quindi ci sono chiaramente molte domande aperte”. Su come e quando sono state scoperte le galassie. Si formarono le prime stelle e galassie.

“In linea di principio, JWST può rilevare galassie con uno spostamento verso il rosso maggiore di 20, meno di 200 milioni di anni dopo il Big Bang”, spiega Boehler. “Queste galassie sarebbero probabilmente molto difficili da trovare, ma la scoperta di CERRS 93316 ci fa sperare che possano esistere”.

“Il fenomeno più distante osservato è il fondo cosmico a microonde (CMB), il bagliore del ‘Big Bang'”, spiega Dunant. “La luce del CMB arriva circa 400.000 anni dopo il Big Bang ed è stata osservata da vari strumenti nel corso degli anni, in particolare il satellite Planck lanciato nel 2009. Webb non sarà in grado di vedere fino ad allora, ma è in grado di see it” per esplorare le prime fasi della formazione delle galassie.

READ  Uno spazio rinnovato da vivere con la famiglia

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più