Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I datori di lavoro delle energie rinnovabili prevedono che i prezzi dell’elettricità diminuiranno nel 2022 | comp

L’Associazione delle società di energia rinnovabile (APPA) stima che il prezzo dell’elettricità nel mercato all’ingrosso (“pool”) sarà compreso tra 100 e 120 euro per megawattora nel 2022.

Lo ha affermato il direttore generale dell’Associazione per le energie rinnovabili, Jose Maria Gonzalez Moya, in un incontro organizzato a Servimedia per affrontare la situazione del solare fotovoltaico.

“Ci aspettiamo una significativa riduzione del prezzo dell’elettricità, anche se non significativa. Stiamo ancora assistendo a un 2022 stressante con prezzi più alti”, ha affermato Gonzalez Moya, che ha osservato che i prezzi dell’elettricità nei mercati dei futures si riferiscono a queste cifre. Tuttavia, queste previsioni sono superiori fino al 186,6% rispetto al massimo storico registrato nel 2008, quando il prezzo medio dell’energia elettrica era di 64,43 euro per megawattora.

Così, l’amministratore delegato di APPA ha escluso che il prezzo dell’energia nel mercato all’ingrosso tornerà ai livelli pre-pandemia prima del 2023. “Non siamo in grado di determinare il prezzo della nostra energia perché non abbiamo fonti sotto forma di gas o petrolio”, ha spiegato Gonzalez Moya.

Dipendenza da terze parti

In questo senso, ha osservato che la Spagna ha un “vero problema” in termini energetici a causa della sua forte dipendenza dai combustibili fossili prodotti in paesi terzi. La Spagna, infatti, importa il 74% dell’energia consumata, contro il 55% della media dell’Unione Europea.

“La Spagna dovrebbe allattare e beneficiare del suo petrolio, che è essenzialmente petrolio, sole, vento e acqua rinnovabili”, ha continuato Gonzalez Moya, che ha sostenuto lo sviluppo delle procedure “il prima possibile”. Il 74% dell’energia consumata in Spagna entro il 2030.

READ  Ford Mustang Mach-E, ecco come è stata dimostrata la sua affidabilità

Da parte sua, il direttore della diversificazione aziendale di Redexis, Miguel Mairata, ha ammesso di non sapere cosa sarebbe successo con il prezzo dell’elettricità, ma ha sottolineato che “la responsabilità individuale di tutti è quella di passare alla realizzazione di sistemi di generazione di energia il più vicino al potenziale l’autoconsumo possibile”.

Ha avvertito un rappresentante di Redexis, che ha indicato lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili come “la chiave del futuro” per raggiungere una vera indipendenza dai paesi del terzo mondo.

Autoconsumo

D’altra parte, i quattro partecipanti all’incontro hanno convenuto che l’autoconsumo del solare fotovoltaico può “proteggere” la bolletta elettrica delle famiglie.

“In un contesto in cui l’energia è molto costosa, l’installazione del solare fotovoltaico nelle abitazioni residenziali, nel terziario e nell’industria, nonché l’installazione di autoconsumo, consente uno sgravio molto importante della bolletta elettrica e un’indipendenza energetica che rende non si dipende dalle fluttuazioni del mercato, è che si traduce in stabilità dei prezzi dell’energia consumata e aumento della domanda di impianti di autoconsumo.

A questo proposito, il presidente di APPA ha osservato che “l’unica persona che conosce il prezzo della sua energia è l’autoconsumatore”, mentre il business developer di Fronius, Francisco Manuel Heredia, ha considerato l’autoconsumo come “una panacea per ridurre l’aumento dei prezzi dell’energia”. , oltre agli effetti del cambiamento climatico e della ripresa economica.””.

“Se l’industria ha un buon impianto fotovoltaico autoconsumo, si riduce notevolmente l’incertezza sulla volatilità dei prezzi di mercato, perché il sole splende tutti i giorni. È molto importante proteggersi e proteggersi dagli alti e bassi”, ha concluso .