Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I dominicani creano uno spazio comunitario: El Sol de Cuernavaca

Il Museo dell’ex Monastero di Tepoztlán, situato nel centro di questa città magica, fu costruito dagli indigeni Tepoztechi su ordine dei frati domenicani tra il 1555 e il 1580 ed era dedicato alla Vergine della Natività. Nel 1993, L’INAH avvia un progetto di restauro e un anno dopo è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Il sito è attualmente il Museo Parrocchiale della Natività e il Centro di Documentazione Storica a Tepoztlán.

“Questo recinto è stato avviato intorno al 1555, ci sono voluti circa 30 anni per essere costruito e ha subito vari usi sociali. Quando negli anni ’90 iniziò il progetto di convertirlo in spazio museale, divenne uno spazio segnato dalla particolare realizzazione di una serie di criteri ufficiali che ne fecero un sito Patrimonio dell’Umanità e fu inglobato nel progetto del monastero Ex-Rota del Vulcan”, ha detto Victor Garcia, ex direttore del Museo del Monastero di Tepoztlan.

Negli anni Ottanta sono comparsi musei a carattere comunitario, quindi questo sito è considerato tale a causa delle stesse condizioni del sito in cui si trova il monumento, che è Tepoztlán, che è una zona tra la vita agricola, ma anche molto locale, quindi è è uno spazio adatto per lo sviluppo di uno di questi progetti.

“L’INAH ha ideato il progetto di restauro e ha sviluppato questa linea di Marcela Tostado per creare il Museo della Comunità. Un recupero del lavoro svolto dai fratelli domenicani, è stato realizzato per restaurare ciò che era rimasto, e d’altra parte, questo progetto in corso è stato sviluppato in modo da completare l’idea del museo, la cui collezione nutre le stesse persone di Tepoztlan, che sono venute a consegnare le loro cose che consideravano degne di conservazione”.

READ  Codici riscattabili gratuiti dal 26 ottobre (2021)

Lo spazio diventa nave e magazzino, Non solo quello che funziona come strumento o gruppo miosografico, ma anche che rimane attiva la memoria che deve continuare a essere raccontata, “Ma deve anche mantenere la sua esistenza perché continua a tessere”.

approccio comunitario

Lo scopo del museo è sempre stato quello di essere uno spazio comunitario e di raggiungere i diversi gruppi sociali che vivono in questa città magica, perché senza dubbio questo spazio fa parte del paesaggio e della vita quotidiana. Nel 2017, con il terremoto, ha subito molti danni ed è stata chiusa per lungo tempo, per lavori di restauro.

“Il terremoto è un duro colpo per un’opera che è stata realizzata con un certo successo e prestigio, e questo sussulto fa riconsiderare Marcella e in questo esercizio il museo diventa anche un centro di documentazione, sulla base di questi esercizi, per documentare cos’è l’anima. Ai tempi di Tepoztlan nel presente, e come è tessuta questa cosa chiamata memoria, Marcela ha deciso che il suo esercizio sarebbe andato più al centro di documentazione e lì sarebbe rimasta una manager”.

Davanti al museo, Lucia Ortiz arriva come direttrice per trovare un museo chiuso e danneggiato.

“Il terremoto che ha distrutto 50 strani monumenti a Morelos, e ha comportato la chiusura dell’istituto stesso per rimarginare quelle ferite, è stato muto. Piano piano si sta riprendendo e nel 2020 è arrivata l’epidemia di Covid-19, con la reclusione che ha lasciato una sorta di degrado nelle forme di lavoro, a causa di questo intorpidimento che tutti sentiamo, è stato difficile trasformare il museo in realtà virtuale, e realizzare il progetto ‘With You in the Distance’, perché l’infrastruttura non era disponibile, e sebbene ci fossero progetti molto buoni, ciò che era necessario cominciò a cancellarsi: la presenza di un’impresa al servizio di uno o più gruppi diversi di Tepoztlan. L’anno scorso Lucia Ortiz ha lasciato la direzione del museo e si è unita per otto mesi a Victor Garcia, che nel suo progetto di lavoro cerca di continuare sulla falsariga del Museo della Comunità e di lavorare a stretto contatto con gli abitanti di Tepoztlán.

READ  Nuovo spazio audiovisivo

“Ricerca, conservazione e divulgazione sono le azioni che supportano il museo. In precedenza, il museo ha lavorato in: “In qualità di specialista, ti dirò le caratteristiche che vedo di te e le metteremo lì per vedere se vengono riconosciute”, un modello innovativo di quei tempi, ma è come un esercizio di marionette. Quello che fa Marcela è ascoltare le persone e dire che non sono una voce, voglio essere un microfono per la comunità. E a mia volta, quello che sono” Quello che mi interessa fare è che il Museo continui ad avere questa vocazione comunitaria e ad essere uno spazio di autorappresentazione”.

Allo stesso modo, ha aggiunto l’importanza di tenere conto di tutte le modifiche che esistono nel territorio, dovute all’interazione sociale, che meritano di essere viste e discusse.

Un museo è uno spazio che gli consente di essere un luogo di sogni in cui le persone possono convalidare e confrontare le dinamiche coinvolte in una società per vedere se sono in linea con le sue tradizioni e ideologie, O quanto vogliono sbarazzarsi della loro vita e cosa vogliono conservare o dimenticare.

Secondo le informazioni dell’INAH, il monastero fu costruito dagli indigeni Tepoztechi con pietre scolpite legate insieme a calce, sabbia e malta vegetale. Sebbene la costruzione del monastero sembri semplice, è decorato con vari dipinti sulle pareti interne. L’interno del monastero presenta belle decorazioni sulle volte e sulle navate laterali che presentano figure geometriche, fiori dedicati alla Vergine, emblemi dell’Ordine domenicano, foglie d’acanto e strani re con code di pesce, tra le altre figure non identificate.

Lo sapevate..?

Come in ogni contenitore con la storia, di solito si raccontano leggende su questo luogo. Si parla, soprattutto da parte degli operai, di una donna in bianco che lasciò una casa (ora zona commerciale) nel retro del museo, si recò nell’ex convento e passò nel giardino. Allo stesso modo, si parla della presenza di monaci all’interno del sito.

READ  iOS | Androide | Perché dovresti caricare il tuo cellulare solo all'80% | Applicazioni | Smartphone | tecnologia | batteria | trucco | vagare | Smartphone | telefono | cellulare | nda | nnni | dati

Durante la rivoluzione, l’ex monastero servì da rifugio per i soldati.

Allo stesso tempo, nella Parroquia de la Natividad, la Virgen del Tránsito era protetta, quando la chiesa veniva usata come cucina dalle donne dei soldati, e lo facevano accanto alla Vergine, quindi il quadro diventava sciatto. e si deteriorò a causa della sporcizia, così i domestici decisero di portarlo a Tlayacapan per riaverlo indietro, si racconta che la Vergine non volesse più tornare a Tepoztlán, e divenne quella confraternita tra le città che, di comune accordo, costruiscono un cappella in El Plan a Tlayacapan, e il quarto venerdì di Quaresima, è andato a fare una passeggiata a Tepoztlán per celebrare la sua giornata.

Il museo è aperto dal martedì al sabato, dalle 10:00 alle 17:00, e si tengono visite guidate per le scolaresche e il pubblico, su appuntamento, al numero 739 39502-55.

➡️ Stai già ricevendo notizie su WhatsApp? È gratis!

➡️ Ricevi gratuitamente le informazioni rilevanti nella tua e-mail con la nostra newsletter

Dai un’occhiata agli argomenti dell’edizione cartacea ¡settimanale!