Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I gatti sanno quando i loro proprietari parlano con loro

I gatti possono dire se i loro proprietari stanno parlando con loro o con qualcun altro, ma non hanno la stessa sensibilità se la persona che parla con loro è un estraneo, secondo uno studio dell’Università di Parigi-Nanterre.

“Il registro vocale diretto dall’animale domestico condivide tratti comuni con il discorso diretto a bambini piccoli e neonati; più articolazione, in frasi più brevi, con più ripetizioni, un tono più alto e con più variazioni. Questi tratti differiscono dal tipico discorso diretto da adulti”, riferiscono gli autori Lo studio pubblicato oggi in conoscenza degli animali.

Il gatto è stato incluso nello studio

Carlotta di Maison

La domanda che gli scienziati si sono posti è se gli animali domestici, in particolare i gatti, sono in grado di discernere queste sfumature in chiunque parli con loro o solo nei loro proprietari. Inoltre, volevano anche sapere se erano in grado di distinguere quando si parlava o un altro essere umano, anche se non sapevano con chi stavano parlando.

Hanno spiegato la sensibilità del gatto ai suoni di conoscenti e sconosciuti. indirizzato a lui o ad una persona

I ricercatori hanno valutato il comportamento di 16 gatti. Hanno registrato le voci dei loro proprietari in studio. Inoltre, separatamente, le voci degli estranei. Le voci dovevano rappresentare che stavano parlando con la gatta, e chiedendole come stesse – come se fosse tornata a casa -; Chiedere se vogliono mangiare o giocare, chiamarli per nome o salutarli. Le espressioni per ciascuno di questi momenti dovevano essere registrate, dirette al gatto da una parte e ad un adulto dall’altra.

Successivamente, una volta a casa del gatto, le registrazioni sono state trasmesse al gatto, separatamente e sparse, in modo da poter valutare le differenze nelle reazioni di ciascun gatto. Nella stessa stanza c’era il proprietario o proprietario e uno sperimentatore il gatto era già familiare. La risposta del gatto è stata misurata osservando il cambiamento del comportamento del gatto davanti a ogni registrazione audio, che è stata riprodotta alla presenza del suo proprietario.

READ  Qualcomm ha lanciato un nuovo chip Android di fascia media, lo Snapdragon 782G

Il gatto è stato incluso nello studio

Il gatto è stato incluso nello studio

Carlotta di Maison

In un secondo round di audizioni, la stessa cosa è stata fatta ma con voci di estranei. I cambiamenti comportamentali sono stati misurati utilizzando a SoftwareRivedi le registrazioni. I comportamenti valutati includevano se il gatto riposava, si prendeva cura di se stesso, si grattava, faceva crocchette, pupille dilatate o si muoveva in una direzione diversa dal suo proprietario o sperimentatore, verso l’uno o l’altro, cercando il contatto visivo o fisico, e muoveva la testa della coda o orecchie.

grafico

Sono state valutate le reazioni dei gatti

1

rilassamento.

Due

processo di pulizia

3

graffi.

4

Arrotolare o fare crocchette.

5

All’improvviso si ferma.

6

Muovi più di un passo nella stanza.

7

Muovi una o entrambe le orecchie.

8

Muovi la testa in una direzione diversa da quella del proprietario o dello sperimentatore.

9

Guarda lo sperimentatore.

10

Guarda il proprietario.

Undici

Prendi un collirio o ammicca leggermente.

12

Pupille dilatate.

13

Muovi la coda.

14

Non cantare, miagolare o fare le fusa.

Secondo i risultati della ricerca, “i gatti possono distinguere il discorso diretto a loro dal discorso diretto agli esseri umani adulti”, hanno commentato i ricercatori. Aggiungono: “È interessante notare che questo modello di discriminazione è stato riscontrato solo quando sono stati i proprietari a pronunciare le frasi”. I gatti non notavano molta differenza con gli estranei, o non erano in grado di interpretare che si rivolgevano a loro o ad altri adulti, e il loro comportamento non era così reattivo agli stimoli o alla ricerca di un contatto comunicativo come nel caso dei loro proprietari.

Cambiamenti comportamentali: prima (a), durante (b) e dopo (c) l'inizio dello stimolo.  Il gatto sopra si prepara prima dello stimolo.  Lo stimolo sonoro lo fa fermare, girare la testa verso l'oratore/sperimentatore e muoversi verso di lui.  Il gatto inferiore è a riposo, lo stimolo sonoro genera midriasi (pupille dilatate) e dirige la testa verso il parlante/sperimentatore.

Cambiamenti comportamentali: prima (a), durante (b) e dopo (c) l’inizio dello stimolo. Il gatto sopra si prepara prima dello stimolo. Lo stimolo sonoro lo fa fermare, girare la testa verso l’oratore/sperimentatore e muoversi verso di lui. Il gatto inferiore è a riposo, lo stimolo sonoro genera midriasi (pupille dilatate) e dirige la testa verso il parlante/sperimentatore.

Carlotta di Maison

Screenshot del software utilizzato per valutare i cambiamenti nel comportamento di ogni screenshot dalla sua registrazione

Screenshot del software utilizzato per valutare i cambiamenti nel comportamento di ogni screenshot dalla sua registrazione

Carlotta di Maison

“La mancanza di riconoscimento degli estranei, o la minore esposizione al discorso diretto di estranei, può essere un fattore per spiegare queste differenze tra cani e gatti, poiché i gatti non sono abituati a sentire parlare gli estranei”, affermano gli autori.

Il lavoro rispecchia le precedenti ricerche sui gatti in natura, dove l’interazione tra gatti e umani ha dimostrato di essere complessa e fluida. Tuttavia, nello studio hanno concluso che i gatti domestici o d’appartamento non si generalizzano alla comunicazione umana; Sono selettivi e creano legami e connessioni con i loro proprietari con apparente profondità sociale ed emotiva, spesso sottovalutata dalla reputazione di indipendenza e gratitudine che questi felini portano.

Gli autori, che ritengono che ci siano prove crescenti della stretta e preziosa relazione che può verificarsi tra uomo e gatto, commentano: “I gatti sono, infatti, molto capaci di stabilire e rafforzare legami di legame con gli esseri umani, ha dimostrato recenti ricerche”.

Leggi anche