Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ghiacciai su Marte non erano bloccati, si muovevano molto lentamente

Attualmente ci sono una varietà di caratteristiche del ghiaccio sul Pianeta Rosso. – NASA / JPL-CALTECH / Università dell’Arizona

MADRID, 8 settembre (stampa europea) –

Poiché su Marte mancano valli ghiacciate, i ricercatori ritengono che antichi ghiacciai sul Pianeta Rosso Devono essere stati congelati a terra.

Una nuova ricerca suggerisce che non erano bloccati sul posto, Si muovevano molto lentamente.

Il movimento fa parte della definizione di ghiacciaio. Sulla Terra, l’acqua di disgelo si raccoglie sotto i ghiacciai e le calotte glaciali, lubrificando il ripido pendio di questi ghiacciai. Il nuovo studio ha modellato come la bassa gravità su Marte influenzi il feedback tra la velocità di scorrimento di una calotta glaciale e il modo in cui l’acqua defluisce sotto il ghiaccio e rileva che è probabile che si formino e persistano canali sotto il ghiaccio. Il rapido drenaggio dell’acqua può aumentare l’attrito all’interfaccia tra roccia e ghiaccio.

Ciò significa che le calotte glaciali marziane probabilmente si sono spostate ed erose la terra sottostante, hanno affermato gli autori, a un ritmo molto lento, anche se l’acqua si accumulava sotto il ghiaccio. Il nuovo studio è stato pubblicato in Lettere di ricerca geofisica.

“Il ghiaccio è incredibilmente non lineare. Interazioni che collegano il movimento glaciale, la scarica glaciale e l’erosione glaciale Risulterebbe in paesaggi fondamentalmente diversi legati alla presenza di acqua sotto le antiche calotte glaciali sulla Terra e su Marte”, ha affermato Anna Grau Gallofre, scienziata planetaria del Laboratoire de Planétologie et Géosciences (LPG/CNRS/Nantes Université/Le Mans Université/Universtié d’Angers) e autrice principale del nuovo studio, condotto durante una borsa di studio post-dottorato presso l’Arizona State University .

READ  Mac Karthy sta promuovendo la conservazione della proprietà Laguna Chiquichano come spazio di intrattenimento

Sebbene Marte non abbia le ovvie valli a forma di U che indicano i paesaggi ghiacciati della Terra, ha detto Grau-Gallover, i ricercatori hanno trovato altre prove geologiche che indicano masse di ghiaccio simili a ghiacciai nel passato di Marte, Comprese creste di ghiaia chiamate eskers e possibili canali subglaciali.

“Mentre sei sulla Terra, avrai timpani, striature, segni di sfregamento, sporco, su Marte tendi ad avere canali e creste di cicatrici sotto una calotta glaciale che hanno esattamente le stesse caratteristiche”, ha detto Grau-Gallowvre. È una dichiarazione.

Grau Galofre e colleghi hanno modellato la dinamica di due calotte glaciali equivalenti sulla Terra e su Marte con lo stesso spessore, temperatura e disponibilità dell’acqua subglaciale. Hanno adattato la struttura fisica esistente che descrive il drenaggio dell’acqua che si accumula sotto le calotte glaciali della Terra, insieme alla dinamica del movimento del ghiaccio, per modellare le condizioni marziane e vedere se il drenaggio subglaciale si evolverebbe in formazioni di drenaggio efficienti o passive. Che effetto ha questa formazione sulla velocità e l’erosione del ghiacciaio?

“Spostandosi da Marte primordiale con acqua superficiale liquida e calotte glaciali vulcaniche alla criosfera globale che è oggi Marte, l’interazione tra le masse di ghiaccio e l’acqua basale deve essersi verificata ad un certo punto”, ha detto Grau-Galluvrey. . “È molto difficile credere che nei 4.000 milioni di anni di storia planetaria, Marte non abbia mai sviluppato le condizioni per la crescita di calotte glaciali con acqua subglaciale, dato che si tratta di un pianeta con una grande riserva d’acqua, una grande diversità di topografia, La presenza di acqua e vulcani sia liquidi che congelati, [y está] Si trova più lontano dal Sole rispetto alla Terra.

READ  Actualiza ora mismo tu iPhone per cercare il problema di seguridad de Safari | Stile di vita

I risultati di questi sforzi di modellazione mostrano come le masse di ghiaccio glaciale possono drenare l’acqua di fusione della base in modo più efficiente su Marte che sulla Terra, evitando in gran parte qualsiasi lubrificazione della base della calotta glaciale che porterebbe a velocità più elevate e smottamenti, rapida e maggiore erosione glaciale. Infatti, le tipiche forme terrestri lineari che si trovano sulla Terra non avrebbero il tempo di evolversi su Marte.Secondo questo studio.

Secondo gli autori, il lavoro ha anche implicazioni per la sopravvivenza di possibili forme di vita antiche su Marte. Una calotta glaciale può fornire una fornitura costante di acqua, protezione e stabilità a qualsiasi specchio d’acqua sotto il ghiaccio come i laghi, riparo dalla radiazione solare in assenza di un campo magnetico e isolamento contro gli sbalzi di temperatura estremi.