Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I lavoratori del Canale di Panama denunciano il piano di taglio dei posti di lavoro (+ foto)

Nel corso della mobilitazione, i membri dell’Unione Nazionale dell’Unità della Confederazione Indipendente (Konusi) hanno portato le loro bandiere e hanno condannato la possibile abolizione di 1.500 posti di lavoro fino al 2025.

I manifestanti avevano precedentemente avvertito di aver trovato una scritta in cui il direttore del canale, Ricourt Vasquez, aveva deciso che nei prossimi tre anni sarebbe stato in grado di abolire fino a 1.437 posizioni permanenti.

Hanno affermato che questi posti di lavoro si aggiungono a oltre 150 posti vacanti che attualmente non sono convalidati, per un totale di 1.857 posti di lavoro, il che è allarmante.

Sono le risorse umane che consentono di produrre il canale, che appartiene a tutti i panamensi e non a un amministratore irresponsabile che con il suo mantenimento, come è stato spiegato, seleziona i dirigenti sindacali.

Hanno anche criticato le dichiarazioni del direttore che tentano di confondere l’opinione pubblica quando affermava che l’efficienza del vecchio lavoro è legata alla riduzione dei posti di lavoro.

Assicurano che di fronte a queste scoperte sono in allerta per le decisioni sbagliate di Vasquez, a spese del vecchio business, un bene nazionale che in passato ha portato allo Stato solo duemila e 80 milioni di dollari di profitti.

Questi soldi sono gestiti dal governo centrale ma nessuno sa dove stanno andando, mentre la città degli ospedali e il miglioramento delle infrastrutture per l’istruzione non sono completati da nessun’altra parte, dove queste entrate sarebbero importanti, hanno denunciato.

Hanno notato che “è giunto il momento per la gente di svegliarsi e capire che i veri proprietari del canale, l’origine principale della repubblica, sono i panamensi”.

READ  Il Venezuela attua misure per contrastare l'impatto delle sanzioni sulla Russia

Hanno inoltre annunciato che, in conformità con la normativa vigente, presenteranno una denuncia a Konossi davanti al Comitato per la libertà di associazione e agli esperti dell’Organizzazione internazionale del lavoro.

ja / ja