Dicembre 7, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I leader della Bolivia onorano gli eroi della guerra del gas

Oggi più che mai, l’eredità dei nostri eroi che hanno difeso con la vita la sovranità nazionale e le risorse naturali nella “guerra del gas” del 2003, è scritta saldamente nel cuore di chi lotta per la democrazia e la dignità della patria. Capo di Stato sul suo account Twitter.

La causa principale del conflitto è stata l’annuncio da parte del governo neoliberista guidato da Gonzalo Sánchez de Lozada di esportare gas attraverso i porti cileni negli Stati Uniti in un momento in cui la copertura delle risorse della Bolivia era scarsa.

Questa situazione ha suscitato proteste e ha portato a un intervento militare contro la folla nelle varie regioni.

La città di El Alto è stata l’epicentro di quella repressione, che includeva la sparatoria dagli elicotteri del decreto supremo n. 27209 dell’11 ottobre 2003, con quasi 70 morti e 400 feriti in un massacro noto come ottobre nero.

Riferendosi a questo evento, Morales ha osservato che con la legge n. 424 del 17 ottobre 2013, abbiamo dichiarato questa data come “Giornata della dignità nazionale” per onorare gli oltre 70 fratelli e sorelle di El Alto uccisi dal regime neoliberista e dalla privatizzazione che era destinato a fornire il nostro gas in Cile e negli Stati Uniti”.

Il leader del Movimento per il socialismo – lo strumento politico della sovranità dei popoli ha affermato che questo sacrificio ha poi consentito il desiderio di nazionalizzare le risorse naturali come richiesto dai settori popolari boliviani. “Oggi più che mai esigiamo il nostro impegno a lottare per la dignità e la sovranità della nostra amata Bolivia”, ha affermato il primo ex presidente indigeno dello Stato Plurinazionale.

READ  Commissione parlamentare per discutere il bilancio dell'Etiopia per il prossimo anno

Dopo quel massacro, Sánchez de Lozada e il suo ministro della Difesa, Carlos Sánchez Berzín, sono fuggiti negli Stati Uniti, dove sono rimasti sotto la protezione delle autorità di quel paese.

L’ex capo del fascicolo responsabile del sistema di difesa di Sanchez de Lozada in quel paese è direttore dell’Istituto interamericano per la democrazia, finanziato dal governo degli Stati Uniti.

A questo proposito, Wilma Alanuka, membro del Consiglio di Altina, ha sottolineato che le vittime dell’Ottobre Nero non rinuncerebbero alla ricerca di giustizia, e si è lamentata del fatto che vari governi degli Stati Uniti non consentano l’estradizione di Sanchez de Lozada e Sanchez Berzin, “la strage del popolo boliviano”.

jha / jpm