Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I leader di 14 dei più grandi paesi del mondo si sono incontrati a Samarcanda – Juventud Rebeldi

Uzbekistan, 15 settembre Samarcanda, la leggendaria città uzbeka, una delle città più antiche dell’Asia centrale e addirittura del mondo, punto centrale e gioiello della Via della Seta, ha aperto le sue porte all’influente forum dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (OCS) , con il presidente dell’Uzbekistan Ilham Aliyev come ospite e il presidente di turno, aiutando i leader di quelle nazioni, alcune delle quali sono tra le più grandi per area e popolazione del pianeta.

Giorno 22. Il vertice, che culminerà venerdì con la partecipazione di 14 capi di stato, tra cui Xi Jinping (Cina) e Vladimir Putin (Russia), rilascerà la Dichiarazione di Samarcanda, una dichiarazione esauriente sulla posizione della SCO nella politica internazionale, nell’economia e altri. L’agenzia di stampa AZRTAC ha riferito che gli aspetti di base della complessa situazione globale.

L’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai è stata fondata nel 2001 nella città cinese che le ha dato il nome da Kazakistan, Cina, Kirghizistan, Russia, Uzbekistan e Tagikistan, come forum intergovernativo volto a creare fiducia e sviluppare relazioni economiche e umanitarie in Asia.

Con la successiva fusione di Pakistan e India, gli attuali membri a pieno titolo sono otto. Comprende quattro membri osservatori (Afghanistan, Iran, Mongolia e Bielorussia) e nove paesi come partner di dialogo (Azerbaigian, Turchia, Sri Lanka, Cambogia, Nepal, Armenia, Egitto, Qatar e Arabia Saudita).

La decisione politica di concedere all’Iran la piena adesione è già stata presa; Il suo capo, Ibrahim Raisi, dirige la delegazione a Samarcanda. Inoltre, secondo Zhang Ming, segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, prima dell’incontro, sarà concesso lo status di partner di dialogo a Egitto, Qatar e Arabia Saudita e le relative questioni procedurali saranno finalizzate, secondo CGTN.

READ  Chiederanno una riduzione della pena contro il camionista coinvolto in un incidente mortale

Pochi giorni fa, la stampa internazionale ha evidenziato l’annunciato incontro bilaterale tra i presidenti Vladimir Putin (Russia) e Xi Jinping (Cina), avvenuto giovedì pomeriggio, e il leader cinese ha affermato che il suo Paese è “pronto a impegnarsi con la Russia assumere il ruolo di grandi potenze e svolgere il ruolo di grandi potenze e svolgere un ruolo di leadership nell’iniettare stabilità ed energia positiva in un mondo dilaniato dai disordini sociali”.

Secondo RT, Putin ha elogiato le “relazioni sfaccettate” che i due paesi hanno stabilito, in particolare le loro relazioni commerciali. Evidenziando lo scambio di 140 miliardi di dollari in scambi commerciali con Pechino lo scorso anno, rilevando che il volume è aumentato del 25% nella prima metà del 2022 e prevedendo che la cifra raggiungerà i 200 miliardi entro la fine dell’anno.

Ha anche affermato il sostegno di Mosca alla politica dell’unica Cina e ha condannato “i tentativi provocatori degli Stati Uniti dentro e intorno a Taiwan. In generale, devo dire che i tentativi di creare un mondo unipolare sono stati molto brutti e inaccettabili ultimamente per la maggior parte dei paesi su questo pianeta”. Putin ha sottolineato, ringraziando la Cina per la cooperazione nel campo della politica estera.

“Apprezziamo molto l’approccio equilibrato dei nostri amici cinesi quando si tratta della crisi ucraina”, ha affermato. Ha riconosciuto che i cinesi potrebbero avere domande e preoccupazioni sul futuro del conflitto e ha promesso di spiegare di nuovo tutto in dettaglio, ha aggiunto RT.