Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I leader mondiali denunciano il possibile golpe di Bolsonaro – Juventud Rebeldi

Il confidente di 150 personalità politiche di 26 paesi riuniti nell’Internazionale progressista ha firmato un documento che denuncia il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, attaccando la democrazia nel paese sudamericano e avverte della possibilità di un colpo di stato da parte del presidente.

La denuncia segue una manifestazione ufficiale che si terrà martedì 7 settembre, quando il Brasile celebrerà il Giorno dell’Indipendenza, contro la Corte Suprema di Giustizia che indaga sul presidente per la sua terribile gestione della pandemia di COVID-19.

“Noi, rappresentanti eletti e leader di tutto il mondo, lanciamo l’allarme: il 7 settembre 2021 una rivolta minaccerà la democrazia in Brasile”, si legge nel comunicato internazionale citato da Telesur.

Il documento è stato firmato, tra gli altri politici, da Alicia Castro, Oscar Laborde, Hugo Yasci, Adolfo Pérez Esquivel, Cecilia Brito, Eric Calcaño, Omar Blaini, Fernanda Vallejo, Marietta Percival e Monica Maca.

Così come i due ex presidenti, Jose Luis Rodriguez Zapatero della Spagna. Fernando Lugo del Paraguay; Ernesto Samper, della Colombia, e Rafael Correa dell’Ecuador, hanno firmato la lettera denunciando che il cosiddetto raduno aveva acceso “i timori di un colpo di stato nella terza più grande democrazia del mondo”.

Inoltre, ha osservato che il capo di Stato brasiliano ha intensificato i suoi attacchi contro le istituzioni democratiche del Paese negli ultimi giorni.

“Il 10 agosto ha guidato una parata militare senza precedenti nella capitale, Brasilia, e i suoi alleati al Congresso hanno spinto per riforme radicali del sistema elettorale del Paese, ampiamente considerato come uno dei più affidabili al mondo”, hanno affermato.

Il rapporto ha aggiunto che i leader politici hanno notato che Bolsonaro e il suo governo hanno ripetutamente minacciato di annullare le elezioni del 2022 se il Congresso non dovesse approvare le loro riforme.

READ  Il Congresso del Perù decide se votare la fiducia al governo Castillo

Il documento aggiunge che il presidente “ha convocato i suoi seguaci a recarsi a Brasilia il 7 settembre in un atto di intimidazione alle istituzioni democratiche del Paese” e che secondo una lettera condivisa dall’amministratore delegato, l’obiettivo era un contrattacco contro il Congresso e la Corte suprema. .

Progressive International è un gruppo di attivisti e organizzazioni di tutto il mondo creato per mobilitare le persone per cambiare il sistema globale e le istituzioni che lo compongono.

È stato creato il 30 novembre 2018 in occasione di un evento del Sanders Institute, a cui hanno partecipato molti politici, economisti e attivisti progressisti, tra cui l’americana Naomi Klein e l’ex candidato presidenziale brasiliano Fernando Haddad.

In questo contesto, la piattaforma Rights Now, composta da 16 partiti politici brasiliani, ha respinto le minacce del presidente Bolsonaro contro la democrazia e ha chiesto vigilanza di fronte alle azioni di martedì.

La giornata delle manifestazioni sarà vissuta in un clima di grande tensione quando manifestazioni contro e per Bolsonaro scenderanno per le strade del Brasile.

In un memorandum in difesa dell’ordine democratico, Dericos Ya ha avvertito che “la tradizione costituzionale brasiliana, di pesi e contrappesi in grado di rendere forte la nostra giovane democrazia, rischia di servire un progetto di stampo fascista, guidato dallo stesso amministratore delegato”.

Brasil de Fato ha riferito che martedì i centristi sindacali e i movimenti popolari hanno chiesto proteste di piazza contro Jair Bolsonaro.

Nella chiamata, gli organizzatori hanno ricordato le raccomandazioni sanitarie per evitare l’infezione con il nuovo coronavirus e altri di fronte a una potenziale repressione.

Se hai ancora domande sulle linee guida, dice il post, dai un’occhiata alla Guida alla sicurezza sanitaria per i manifestanti in tempi di COVID-19 di seguito.

READ  Agire ora per limitare il riscaldamento globale è una questione di giustizia climatica - Swisslatin

La regola n. 1 è assistere alle manifestazioni che si tengono in luoghi aperti e ben ventilati, senza folla, raccomandano di indossare maschere strette sul viso, coprendo naso e bocca, senza perdite, e mantenendo la distanza tra i manifestanti.

Esortano inoltre – di fronte a una potenziale repressione – a non indossare lenti a contatto o cose che potrebbero incriminarli, ma a portare con sé documenti di identificazione, magnesio o altra sostanza per ridurre gli effetti dei gas lacrimogeni e acqua per uso personale.