Maggio 18, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I legislatori ispanici chiedono piattaforme tecnologiche per attaccare la disinformazione in spagnolo

Circa due dozzine di legislatori, tra cui senatori e rappresentanti della Camera dei rappresentanti, hanno chiesto incontri con i dirigenti di Facebook, Twitter, YouTube e TikTok per discutere del fenomeno della disinformazione in lingua spagnola, hanno riferito fonti del Congresso martedì.

Il senatore Robert Mendes, presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, è uno dei firmatari delle richieste alle società tecnologiche con l’obiettivo di conoscere i dettagli per affrontare notizie false e disinformazione, in particolare in spagnolo.

Lo spagnolo è la seconda lingua più parlata negli Stati Uniti, dopo l’inglese, e la lingua che unisce le nazioni iberoamericane.

Sebbene la questione della disinformazione sia stata affrontata in Audizioni nelle varie commissioni Il legislatore federale con i rappresentanti delle corporazioni, questo gruppo di legislatori ritiene opportuno dettagliare il caso in questo linguaggio, secondo l’ufficio del senatore Menendez.

“La fine della disinformazione in spagnolo deve rimanere una priorità. Molte agenzie statali e federali, membri del Congresso e organizzazioni di salute pubblica si affidano ai social media per fornire informazioni vitali salvavita e condividere risorse federali durante la pandemia di COVID-19”. , Egli ha detto. Senatore.

Nelle lettere, i legislatori chiedono alle aziende leader nel settore dei social network di affrontare rapidamente il problema della disinformazione in lingua spagnola, visti gli impatti negativi che sta avendo sulle società.

“È una priorità garantire che la disinformazione in spagnolo venga affrontata in modo rapido ed efficace, motivo per cui richiediamo rispettosamente un incontro per discutere le soluzioni al problema della disinformazione spagnola sulla tua piattaforma”, si legge nei messaggi.

lo scorso ottobre, Facebook ha affrontato una tempesta Dimensioni politiche dovute alle rivelazioni di un ex dipendente dell’azienda che ha testimoniato davanti ai legislatori che l’azienda non ha mantenuto controlli limitati sui vari rischi per gli utenti.

READ  Ariana Grande, Miley Cyrus o Billie Eilish si uniscono per il diritto all'aborto

Anche il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg è apparso nell’aprile 2021 per testimoniare davanti al Congresso, dopo aver rivelato il ruolo dell’azienda nello scandalo. Lo scandalo Cambridge Analytica, durante le elezioni del 2020, culminate con l’assalto al Campidoglio il 6 gennaio dello scorso anno.

“E’ stata colpa mia e mi dispiace”, ha detto Zuckerberg ai legislatori, promettendo di fare delle riforme per un uso responsabile del social network.

Connettiti con Voice of America! Iscriviti al nostro canale Youtube E attiva le notifiche o seguici sui social network: Sito di social network Facebooke Twitter e Instagram.