Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I lottatori indiani accusano il presidente della federazione e gli allenatori di molestie sessuali

Primo emendamento: Ultimo aggiornamento:

Nuova Delhi (AFP) – Finch Phogat, uno dei lottatori di maggior successo nella storia indiana, mercoledì ha accusato il presidente della sua federazione e diversi allenatori di aver molestato sessualmente le atlete.

Accompagnato da diversi lottatori di alto profilo durante una manifestazione a Nuova Delhi, Vinesh Phogat ha dichiarato: “Molte lottatrici sono state molestate sessualmente durante i campi nazionali dagli allenatori e dal presidente della Wrestling Federation of India (WFI).

“Conosco almeno 10 o 20 ragazze del campo nazionale che sono venute a raccontarmi le loro storie”, ha continuato.

Phogat ha detto ai giornalisti che Brij Bhushan Charan Singh, presidente della Federazione internazionale delle industrie, del partito parlamentare, del partito al governo e degli allenatori ne erano responsabili.

L’accusa arriva diversi mesi dopo che l’allenatore nazionale di ciclismo è stato licenziato per accuse di molestie sessuali.

Secondo Vinesh Phogat, non molte donne combattenti osano parlare a causa delle loro umili origini in una società altamente gerarchica.

“Hanno paura a causa delle loro origini. Non sono in grado di combatterli, sono forti”, ha aggiunto l’atleta 28enne.

“Il combattimento (libero) è il nostro unico mezzo di esistenza e non ci permettono di praticarlo. La nostra unica scelta è la morte. Quindi faremmo meglio a fare ciò che è giusto prima che tu muoia”, ha affermato, senza specificare se lei stessa lo fosse una delle vittime.

Anche Sakshi Malik, un altro lottatore medaglia di bronzo olimpico del 2016, ha preso parte alla manifestazione di mercoledì.

“Gli atleti stanno lavorando sodo per vincere medaglie per il paese, ma la federazione ci ha appena abbandonato”, ha detto su Twitter il primo indiano a vincere una medaglia alle Olimpiadi.

READ  La controversa soluzione di David Faitelson a Tricolor per migliorare il gameplay

Secondo i giornali locali, il presidente della federazione ha negato l’accusa, affermando di essere “pronto a giustiziare” se un lottatore avesse dimostrato qualsiasi tipo di molestia sessuale.

Il ministero dello sport indiano ha chiesto alla federazione di rispondere alle accuse entro 72 ore, secondo quanto riportato dalla stampa.

Anche il lottatore di medaglia di bronzo olimpico di Tokyo Bajrang Punya si è unito alla protesta e si è lamentato dei metodi autoritari di Singh di gestire il WFI.

“La missione della federazione è supportare gli atleti, prendersi cura dei loro bisogni e se c’è un problema, risolverlo”, ha detto su Twitter. “Ma cosa facciamo se è il sindacato stesso a causare il problema? Ora dobbiamo lottare e non ci tireremo indietro”.

Il movimento #MeToo è esploso in India nel 2018 dopo le accuse di molestie sessuali fatte dall’attrice di Bollywood Taneshree Dutta all’attrice Nana Patekar.

Subito dopo, donne di ogni estrazione si sono mobilitate a turno per denunciare i loro presunti aggressori, tra cui un ex ministro del governo, ma secondo le femministe da allora non ci sono stati cambiamenti significativi.