domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

I medici cubani continuano lì, dove ce n’è più bisogno › Cuba › Granma

La data del 23 maggio 1963 rappresenta una pietra miliare nella storia di Cuba. Quel giorno, un aereo trasportò in Algeria 29 medici, quattro dentisti, 14 infermieri e sette tecnici sanitari per fornire servizi permanenti alla città.

È nata così la prima missione medica internazionale cubana, presente da 60 anni in 165 paesi con più di 600.000 collaboratori, come ha spiegato il dottor Michael Cabrera, direttore dell’Unità Centrale di Cooperazione Medica (UCCM).

“Abbiamo servito popolazioni di tutti i continenti, soprattutto quelle che vivono in luoghi difficili da raggiungere e nelle zone rurali. Anche in paesi molto lontani da Cuba come le Isole del Pacifico, in circa 30 paesi africani, nella maggior parte dei Caraibi e in un gran numero di paesi dell’America Latina.

-Quali sono i momenti più importanti di quella storia?

– Ricordo quando il Comandante in Capo, Fidel Castro Ruz, rafforzò il programma sanitario globale, nel 1998, dopo che gli uragani Mitch e George attraversarono l’America Centrale.

“L’inizio della missione medica in Venezuela, che è la più grande per il numero di cubani che comprende e per il gran numero di zone che copre. Lì è stato possibile sviluppare un sistema sanitario pubblico gratuito e completo molto simile al sistema cubano, implementando tre livelli di assistenza: primario per le cure comunitarie, secondario per i servizi specializzati e terziario per i trattamenti specializzati.

Membri della prima équipe medica cubana che realizzò una missione internazionale in Algeria immagine: Orlando Cardona
Il Che visitò l’Algeria nel 1963 e incontrò i membri della Prima Brigata Medica Cubana, che svolgeva una missione internazionale in Algeria. immagine: Archivio Granma

“Non possiamo inoltre non menzionare la creazione della Henry Reeve Task Force nel 2005, per rispondere a gravi disastri ed epidemie. Finora sono state attivate più di 90 brigate. Al suo interno ci sono momenti che hanno rappresentato un passo nella storia, come il terremoto che ha colpito il Pakistan, l’Indonesia, il Nepal, Haiti e, naturalmente, il confronto con l’Ebola in Africa.

READ  Il comitato del 6 gennaio convoca 5 legislatori repubblicani

“Va menzionata la lotta al Covid-19, nella quale siamo stati presenti in 42 paesi con 58 équipe mediche.

“Attualmente disponiamo di 54 équipe mediche con più di 22.600 collaboratori, che rispondono alle esigenze espresse da ogni governo che richiede i nostri servizi. “Non andiamo mai da nessuna parte per imporre il nostro sistema sanitario o i nostri standard, ci adattiamo semplicemente alle esigenze di ogni luogo per servire i suoi residenti”.

– Il governo degli Stati Uniti vuole far credere che la cooperazione medica cubana sia una sorta di sfruttamento moderno. Cosa ne pensi?

-Questa è una calunnia. Tutti coloro che intraprenderanno una missione medica passano per l’UCCM e vengono volontariamente, con l’unico obbligo di collaborare.

“Quelli di noi che dirigono la collaborazione e i dipendenti chiave del Ministero della Salute Pubblica cubano sono stati, ad un certo punto, dei collaboratori. È un’esperienza professionale unica e arricchente per tutti.

“In ogni paese, aiutiamo solo i residenti a migliorare i loro problemi di salute. Ciascuno dei nostri medici lo capisce, con il desiderio di contribuire al reddito della sua famiglia, della sua città e dell’economia del Paese.

“Quel poco o molto che possono generare in ciascuno di questi compiti viene utilizzato a Cuba per la sostenibilità del sistema sanitario pubblico nazionale. I collaboratori lo sanno e il loro contributo migliora le condizioni di lavoro negli istituti, negli ospedali e nei policlinici.

“Nonostante questa campagna malsana, la posizione della nostra medicina nel mondo continua a crescere. Oggi abbiamo ordini da tutti i continenti, anche dai paesi del primo mondo e alcuni dall’Europa. “Continueremo ad essere lì dove c’è più bisogno”.

– Il governo degli Stati Uniti ha recentemente imposto altre due misure che danneggiano direttamente la cooperazione medica cubana; In primo luogo, per punire gli stati che ricevono le brigate, e in secondo luogo, per espandere i privilegi dei dissenzienti…

READ  I repubblicani negli Stati Uniti riconoscono il successo di Biden nelle infrastrutture

– Questo fa parte della stessa linea di pensiero che mira a distruggere l’opera della rivoluzione, e in particolare una delle idee più meravigliose: l’idea di offrire solidarietà alle persone più bisognose.

“Siamo convinti che nessuna strategia potrà distruggere questa realtà e nessun tentativo di porre fine agli aiuti e all’assistenza che possiamo fornire perché, nonostante queste misure, sono aumentate le richieste di ulteriore cooperazione cubana”.

Cooperazione medica in Venezuela immagine: Callisto n. Lanis

– Qual è la tua esperienza come collaboratore?

– Quando avevo 25 anni, mi sono unito al corpo medico in Guatemala, e mancava solo un anno alla laurea, e dovevo aiutare in montagna. Poi ho viaggiato attraverso altri paesi importanti, come Venezuela, Dominica e Nicaragua.

“Tutti hanno contribuito alla mia formazione di medico. L’esperienza insegna sempre. Quando esco ho sempre un nodo alla gola. Lasciamo molti amici e siamo sopraffatti dalla tristezza di far parte di una comunità che ci ha accolto come uno dei suoi membri.

“I medici cubani si distinguono per la loro fratellanza, umanità e coraggiosa prestazione di assistenza, e questo è ciò che ci distingue tra i professionisti del resto del mondo. “Non siamo né migliori né peggiori, ma siamo diversi”.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles