Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I medici venezuelani invitano i lavoratori a protestare per la libertà di associazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 apr 2022 – 16:39

Caracas, 27 aprile (EFE). – La Federazione medica venezuelana (FMV) mercoledì ha invitato i lavoratori di quel sindacato a protestare il 1° maggio, in occasione della celebrazione della Giornata internazionale dei lavoratori, al fine di rispettare l’indipendenza sindacale e sindacale e di migliorare le condizioni di lavoro.

In un comunicato stampa, il presidente della FMV Douglas Leon Natera ha osservato che “il contratto collettivo del Consorzio sanitario è terminato 19 anni fa, a causa del rifiuto del governo di migliorare le condizioni di lavoro per i lavoratori venezuelani in generale”. Così ha chiamato i suoi colleghi ad alzare la voce.

Secondo la lettera che ha fatto, il Lione ha affermato di non dettagliare se, oltre alla protesta, avrebbero svolto altre attività pubbliche.

Il medico ha sottolineato che un salario equo e l’appartenenza sindacale sono diritti “estratti” da tutte le organizzazioni civili del Paese.

L’FMV ha accusato il Consiglio elettorale nazionale (CNE), responsabile della promozione e dell’attuazione delle elezioni per sindacati e associazioni professionali, per la limitazione dei diritti sindacali, poiché “nessuna organizzazione professionale o sindacale nel paese ha modernizzato il suo consiglio, a causa del rifiuto dell’autorità elettorale venezuelana tenere elezioni in queste istituzioni.” con le istruzioni del governo.

Inoltre, ha fatto riferimento agli stipendi degli operatori sanitari e ha sottolineato che “i medici venezuelani chiedono uno stipendio base di 1.500 dollari al mese, da concordare attraverso la contrattazione collettiva”.

A questo proposito, ha spiegato che l’offerta di stipendio della FMV è stata presentata, per l’ultima volta, il 29 marzo, al ministro del Lavoro, Jose Ramon Rivero, che, secondo la federazione, “si è rifiutato di dare una risposta. . “

READ  La variante Omicron del coronavirus SARS-CoV-2 è stata segnalata a Singapore

Il 20 aprile Leon ha affermato che in Venezuela “non c’è garanzia del diritto alla salute” a causa della crisi ospedaliera che la nazione sta vivendo a causa della carenza di medicinali e forniture mediche, e ha osservato che oltre l’80% dei la rete sanitaria è “in rovina e deserta da molti anni”.

Il governo, che garantisce che i loro bisogni sanitari siano coperti per i venezuelani, incolpa le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e da altri paesi alla nazione caraibica, che sostiene impediscano che più soldi vengano investiti nel miglioramento degli ospedali e delle condizioni di lavoro. EFE

gcs / SB / annunci

© EFE 2022. La ridistribuzione e la ritrasmissione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.