Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I mercati azionari si sono scrollati di dosso una lunga guerra con il loro più grande crollo dai tempi del Covid

‘Il peggio deve ancora venire’. L’annuncio del presidente francese Emanuele Macron Dopo il contatto con la sua controparte russa, Il presidente russo Vladimir PutinQuesto giovedì, anticipa le sue intenzioni e il corso degli eventi imminenti della guerra quando si realizzeranno 10 giorni di combattimento Tra l’esercito russo e la resistenza ucraina. Lo scenario bellico si sposta sul mercato azionario mentre la paura attanaglia gli investitori che fuggono per avere beni e prendono i mercati azionari europei, più esposti al conflitto per la loro vicinanza, a basso da più di un anno. Inoltre, l’attacco russo è diventato un Oltre al fattore inflazione Aggiungendo pressione ai prezzi più alti che stavano già minacciando l’economia globale proprio mentre stava per riprendersi COVID-19.

La guerra in Ucraina ha decimato ciò che i mercati azionari europei hanno ottenuto nell’ultimo anno e questa fuga di investitori si è manifestata Flusso di cassa record dal 2004 da fondi azionari europei6.700 milioni di dollari a settimana, secondo i dati della Bank of America, a causa di rischi geopolitici. Inoltre, gli investitori stanno rispondendo all’impatto delle sanzioni e Tra i valori più puniti spiccano le bancheDopo che l’Occidente ha escluso le entità russe dal sistema SWIFT e ha congelato i beni della Banca centrale russa.

La tendenza al ribasso si è accentuata negli ultimi giorni di venerdì Paura dell’allarme nucleare Dopo che la Russia ha preso il controllo della più grande centrale nucleare d’Europa, situata nella città di Zaporizhia. Di conseguenza, i mercati azionari europei hanno subito una forte correzione e La chiusura settimanale negativa è stata la più grande da marzo 2020Quando è scoppiata l’epidemia. L’Ibex 35 è già scambiato al minimo di 15 mesi dopo aver perso il 9% del suo valore per la settimana, mentre il CAC di Parigi è in calo di quasi il 10%; Londra, 6,7%; Milano è circa il 13% a settimana. Inoltre, il DAX tedesco è al livello più basso dalla fine del 2020, Correggendo quasi il 20% da un massimo storico Immatricolata a gennaio di quest’anno.

READ  DeFi TVL ha raccolto $ 157 miliardi di record mentre il concorso Ethereum attira gli investitori di CoinTelegraph

Questi ribassi avvicinano il mercato a un trend ribassista, ovvero una forte correzione dai suoi massimi. In questo senso, l’analista IG Diego Morin spiega: “Ci troviamo in un range fase correttiva a breve termineanche se qualsiasi convergenza tra Ucraina e Russia potrebbe cancellare questi cali e avvicinare i mercati azionari alle aree di supporto mancanti”. tassi di interesse. Per quanto riguarda la guerra, il suo comportamento è diventato più stabileDiversamente dall’Europa, dove la vicinanza al teatro della guerra ea Putin aggiunge volatilità.

Maureen sottolinea il timore che la guerra continui a trainare i mercati: “Significherebbe entrare in a Profonda crisi nell’eurozona. Inoltre, le stime di ripresa economica in Europa indirizzate dalla stessa BCE non si concretizzeranno se questo scenario persiste: “Con l’inflazione che continua a salire, oltre a una crescita economica in calo, si parla già di Il processo di inflazione accompagnato da stagnazione economica In Europa, con un certo processo di stagnazione economica.

L’inflazione è ancora sotto i riflettori ed esacerbata da un altro paese Gli effetti collaterali delle sanzioni occidentalia causa dei prezzi elevati dell’energia e delle materie prime in genere Veto l’offerta russa, uno dei principali esportatoriSia petrolio che gas. Al momento le sanzioni non sono dirette al settore energetico, ma il mercato stesso prevede già una nuova rappresaglia che potrebbe essere annunciata dagli alleati se l’offensiva russa proseguirà. Così, giovedì, il petrolio è balzato a toccare i 120 dollari al barile di greggio Brent.

Da parte sua, venerdì si festeggia il gas naturale, di cui la Russia è la principale fonte per l’Europa Massimo storico 210 EUR/MWhSecondo l’indice TTF olandese, che è lo standard europeo. L’aumento di questo combustibile, che è alla base della produzione di elettricità in Spagna, sta avendo un impatto Impatto diretto sul prezzo dell’energia elettrica nel nostro territorioChe questa settimana ha superato per la prima volta la barriera dei 300 euro nel 2022, e aggiunge pressione sull’inflazione. Gli ultimi dati dell’indice spagnolo dei prezzi al consumo, per il mese di febbraio, hanno raggiunto il 7,4%, il livello più alto degli ultimi 33 anni, mentre nell’area euro ha stabilito un record (5,8%), trainato proprio dai prezzi dell’energia.

READ  La Banca centrale europea mantiene i tassi di interesse allo 0% e lascia un freno agli acquisti di obbligazioni di dicembre

Concentrati sui mercati principali

Prima che iniziassero le tensioni al confine con l’Ucraina, l’aumento dei prezzi era già la principale preoccupazione degli investitori e delle banche centrali. I responsabili della politica monetaria sono nelle loro mani Bilanciare la crescita economica dopo lo “shock” dell’epidemia e di fronte agli attuali rischi geopolitici con la stabilità dei prezzi. Dopo essere cresciuto più del previsto, la tabella di marcia per ritirare lo stimolo monetario sembrava chiara e uniforme, gli investitori stavano già anticipando un aumento dei tassi nell’Eurozona nonostante la Banca Centrale Europea (BCE) non fosse ancora molto pronta per questo. .

Tuttavia, la guerra in Ucraina complica il percorso intrapreso dalle banche centrali. Sintomi di Rallentamento delle aspettative di rialzo dei tassi Era il rendimento del rendimento negativo per le obbligazioni tedesche a 10 anni, un riferimento al reddito fisso europeo. Gli investitori, nella loro fuga dalle azioni, scommettono sul debito. Pertanto, i rendimenti obbligazionari hanno registrato un forte calo durante questa settimana, un numero inverso per il loro prezzo Acquisti di prove.

Silvia D. AngeloIl capo economista, Federated Hermes, afferma che “tutte le banche centrali devono affrontare a Shock inflazionistico accompagnato da stagnazione esterna Non possono farci molto. Tuttavia, in un contesto di inflazione già elevata e inasprimento dei mercati del lavoro, che potrebbero favorire effetti di secondo impatto, è probabile che le banche centrali mantenganoostura con molta attenzionein misura diversa a seconda delle regioni.

Presidente della Federal Reserve americana, Girolamo PowellQuesta settimana, era pronto ad aumentare i tassi di interesse alla riunione di marzo che avrà luogo la prossima settimana. l’aumento Previsti 25 punti baseAnche se Powell non ha escluso la possibilità di aumentare i tassi di interesse di 50 punti base negli incontri successivi. La situazione è più complessa per le banche centrali europee. dovrebbe essere Banca d’Inghilterra Ha anche alzato i tassi di 25 punti base nella sua prossima riunione di marzo, “ma il prossimo percorso è molto incerto”. D’altra parte, la Banca Centrale Europea Il compromesso tra crescita e inflazione più severo. Banca del Canada La strada si è già aperta con una salita Un quarto di litro, fino allo 0,5%.

READ  Il prezzo del dollaro oggi, martedì 9 novembre 2021: il cambio è ancora superiore a S/4