Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I modelli matematici contrastano con i sondaggi d’opinione nel referendum cileno

Più di 15 milioni di cittadini dovranno recarsi alle urne domenica 4 settembre per determinare il futuro del progetto Magna Carta, istituito da un comitato con un’ampia rappresentanza della comunità, comprese le popolazioni indigene.

I sondaggi sulle intenzioni di voto, amministrati e pubblicati dai media mainstream, hanno insistito durante tutto il processo che la maggioranza avrebbe votato contro il testo.

Ma in un articolo pubblicato oggi dal quotidiano El Mustardor, due società specializzate in intelligenza artificiale e modellazione matematica di opinioni, sentimenti e linguaggio espressi nei siti di social network hanno confermato che l’approvazione vincerà di oltre 55 punti.

Il dottore in filosofia Francisco Vergara, membro del gruppo Spazio politico, ha spiegato di aver sottoposto ad analisi i dati estratti da oltre 500 ore di social network e questo riflette un chiaro sostegno alla Legge fondamentale.

Una metodologia simile ha consentito a Gabriel Borek di vincere il 57% su Jose Antonio Cast al secondo turno delle elezioni presidenziali con un risultato finale di 55,62, ha spiegato Vergara.

Allo stesso modo, la società brasiliana Daoura, specializzata nella misurazione di ciò che chiama “senso del sentimento sociale”, quasi sempre attraverso le reti digitali, dà all’approvazione una probabilità del 56% di vincere.

Hanno notato che la differenza tra i loro risultati e le indagini è che questi ultimi si basano sul porre domande in un particolare settore sociale, mentre ascoltano ed elaborano ciò che le persone dicono.

Tuttavia, entrambe le società capiscono che i risultati finali dell’indagine confermeranno o meno gli studi che sono stati condotti.

mv / auto / eam