Dicembre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I pacifisti in Italia chiedono la fine delle spedizioni di armi in Ucraina e colloqui

Migliaia di persone sono scese nelle strade di Roma con bandiere e striscioni tricolori per chiedere un cessate il fuoco, colloqui di pace e la rimozione delle armi nucleari in Ucraina.

I manifestanti hanno mostrato la loro solidarietà al popolo ucraino nella capitale italiana, ma hanno protestato contro la decisione del governo di inviare più armi a metà novembre.

Roberto Moria, esponente del movimento Unione Popolare di sinistra, afferma che “chi considera le armi come la soluzione non fa parte del pacifismo, e chi parla di pace non può parlare di armi e di spese militari”.

Da parte sua, una donna dice: “Tutte le armi sono strumenti di distruzione che presto porteranno alla caduta dell’intera umanità” e aggiunge: “È utopico cercare il dialogo? Forse. Ma penso che sia troppo. È pericoloso non farlo dialogare”.

L’Italia, membro della NATO, ha sostenuto l’Ucraina dall’inizio della guerra.

Il nuovo primo ministro di estrema destra Georgia Meloni ha affermato che ciò non cambierà e il governo ha annunciato che spera di inviare presto più armi a Kiev.

La polizia di Roma ha detto ai media italiani che circa 30.000 persone hanno preso parte alla manifestazione.

READ  Il presidente Joe Biden ha promesso che "con ogni probabilità" ci saranno nuove restrizioni negli Stati Uniti a causa del recupero dei casi Covit-19.