Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I paesi combattono per il finanziamento del cambiamento climatico alla COP26

Glasgow. Quasi 200 paesi presenti alla COP26 giovedì hanno discusso del finanziamento della lotta ai cambiamenti climatici, uno dei temi principali del documento finale, insieme a nuovi obiettivi ambientali che dovrebbe essere imposto a medio termine.

“Voglio essere chiaro, non siamo ancora arrivati”, ha dichiarato il negoziatore britannico Alok Sharma. “Sono preoccupato per il numero di questioni in sospeso nel dipartimento delle finanze, un giorno dopo la conclusione ufficiale della conferenza”, ha affermato. Il funzionario britannico ha avvertito ministri e negoziatori che “i nostri leader sono stati chiari all’inizio del vertice, volevano che mostrassimo ambizione e costruissimo consenso”.

La conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow si concluderà venerdì con un documento che include un impegno più forte da parte dei paesi per ridurre le emissioni di gas serra, la transizione energetica e come finanziare il tutto. Inoltre, i membri dovrebbero sviluppare regole per il monitoraggio reciproco, la trasparenza, l’allineamento delle date e il modo in cui presentano i loro obiettivi climatici, e anche come compensare le perdite dovute al cambiamento climatico e chi ne paga le spese.

Tutti questi sono punti dell’Accordo di Parigi, firmato nel 2015, che ora deve essere sviluppato senza tempo, avverte gli scienziati del clima, che hanno avvertito che il mondo La sua temperatura è salita ad un tasso di +1,1 °C rispetto all’era preindustriale, quando l’obiettivo desiderato era di +1,5 °C entro la fine del secolo. L’ultima bozza diffusa giovedì dalla presidenza negoziale è piena di parentesi quadre sul lato finanziario, senza citare i numeri.

READ  Il mondo condanna le elezioni in Nicaragua, ma gli alleati di Daniel Ortega lo applaudono

Il mondo sviluppato ha formalmente stanziato 100.000 milioni di dollari (64.541 milioni di yen) all’anno per aiutare i paesi in via di sviluppo ad affrontare l’arduo compito di ridurre le emissioni di gas e adattarsi ai cambiamenti a venire. I paesi poveri insistono che questa cifra è una base. L’Accordo di Parigi ne prevedeva già la rinegoziazione dopo il 2025.

“Per raggiungere l’obiettivo di 1,5°C sappiamo di aver già speso il 50% del bilancio del carbonio”, cioè le emissioni, ha criticato Diego Pacheco, capo negoziatore boliviano e attuale portavoce del cosiddetto gruppo di paesi per idee, in conferenza stampa. Correlati (LMDC). “Non siamo responsabili del divario tra le promesse di ridurre le emissioni e la realtà”, ha aggiunto il boliviano, che rappresenta decine di membri. A questa posizione si oppongono alcuni paesi industrializzati che criticano tali paesi Cina, primo esportatore mondiale, o l’India, vorace consumatore di carbone, che si nasconde dietro le richieste dei paesi in via di sviluppo.

I numeri astronomici appaiono sporadicamente sul tavolo, l’ultimo dei 1,3 miliardi di dollari all’anno, spesi in parti uguali tra adattamento e mitigazione, secondo una proposta dei paesi dell’America Latina, dell’Africa e dell’Asia.

Da parte loro, a 200 scienziati del cambiamento climatico è stato chiesto di partecipare alla COP26 intraprendere azioni Immediato e di vasta portata contro il riscaldamento globale. “Sottolineiamo la necessità di azioni immediate, robuste, rapide, sostenibili e su larga scala per limitare l’aumento della temperatura al di sotto di +2°C e continuare gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C, come previsto nell’accordo di Parigi”. lettera aperta.

READ  La polizia di Miami ha aumentato la sorveglianza dopo incidenti e violenze

“Questo per ridurre i rischi futuri e le esigenze di adattamento per i prossimi decenni, persino secoli”, hanno aggiunto. Le discussioni a Glasgow sono ulteriormente complicate dalle richieste delle parti non negoziali, come i gruppi indigeni e le ONG, attive sia all’interno che all’esterno della sede centrale.