Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I paesi invitati a partecipare ai colloqui di pace hanno accettato l’invito

Parlando con un giornalista della sede dei colloqui, a Warrera Ribano, a Caracas, il mafioso ha rivelato che al tavolo di dialogo erano presenti l’ambasciatore del Messico e rappresentanti dell’ambasciata svedese, entrambi con sede a Bogotà.

Ha notato che i delegati di Germania, Cile e Spagna erano in attesa di partecipare.

Beltran ha indicato che in genere hanno accettato l’invito a partecipare ai colloqui di pace e si sono fermati al tavolo per parlare con loro e sapere che tipo di accompagnamento e sostegno abbiamo richiesto.

In risposta a una domanda sulla disponibilità degli Stati Uniti a partecipare al processo di dialogo, Beltran ha espresso, per quanto ne sappiamo “tacciono”, non lo sappiamo.

Nell’ambito della ripresa dei colloqui di pace il 21 novembre, il direttore esecutivo Gustavo Petro ei guerriglieri dell’NLA hanno deciso di invitare Spagna, Cile, Brasile e Messico a unirsi ai colloqui come garanti, e Germania, Svezia, Svizzera e Spagna. .

Hanno anche suggerito di svolgere un lavoro diplomatico con il governo degli Stati Uniti per scoprire la sua disponibilità a partecipare a questo processo, attraverso un “inviato speciale al tavolo del dialogo”, oltre a rivitalizzare il gruppo di paesi di accompagnamento, sostegno e cooperazione.

In un comunicato congiunto diffuso dopo la fine dell’incontro della scorsa settimana, i partecipanti al dialogo hanno dichiarato di trovarsi pronti, ottimisti, fiduciosi e fiduciosi a riprendere il dialogo con piena volontà politica e morale.

Hanno scelto di costruire la pace partendo da una democrazia equa e realizzare cambiamenti tangibili, urgenti e necessari, oltre a dare la massima partecipazione attiva possibile alla società, dando priorità ai settori emarginati e storicamente trascurati.

I negoziatori hanno espresso il desiderio di costruire un futuro dignitoso, pieni diritti e un’autentica democrazia, in modo che la Colombia sia una forza per la vita umana e la cura del bene comune.

READ  Petro fa il primo passo verso la "piena pace" riprendendo i colloqui con l'Nla

Hanno anche espresso il loro ringraziamento per la perseveranza, l’impegno e la partecipazione a questo incontro di “ragione e sogni” dei paesi garanti, Cuba, Regno di Norvegia e Venezuela, nonché della Missione di verifica delle Nazioni Unite in Colombia e della Chiesa cattolica, rappresentata dall’Episcopato. cospirazione.

lam/jcd