Maggio 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I partiti arabi in Libano condannano i continui attacchi israeliani

I partiti arabi in Libano condannano i continui attacchi israeliani

In un comunicato, l’organizzazione ha indicato che il tentativo di annettere la parte libanese del villaggio di Ghajar è un nuovo assalto alla sovranità nazionale e mette in guardia da uno sviluppo pericoloso.

La forza politica ha ritenuto che le misure prese dall’entità di Tel Aviv rappresentata dall’erezione di un recinto di filo spinato e dalla costruzione di un muro di cemento significassero rioccupare l’area e separare la città dal suo ambiente naturale storico all’interno del territorio libanese. Nazioni Unite.

In questo senso, ha denunciato le pretese del governo israeliano di imporre pienamente la propria autorità sulla parte libanese e occupata della città, e di assoggettarla alla sua amministrazione parallelamente all’apertura del villaggio ai turisti provenienti dall’interno dell’entità sionista.

Per inciso, la conferenza ha ritenuto la comunità internazionale, le Nazioni Unite, le forze di pace e Israele responsabili delle ripercussioni di queste misure nella regione di Ghajar.

I partiti arabi hanno rinnovato il loro sostegno allo Stato, all’esercito e al popolo per impedire il consolidamento di questa occupazione, annullare gli attacchi aggressivi del nemico e lavorare per liberare questa parte del territorio libanese.

A questo proposito, il Segretariato Generale ha chiesto di sostenere gli sforzi della Resistenza Islamica (Hezbollah) e il suo diritto a preservare la sovranità e la difesa nazionale contro ogni flagrante aggressione da parte di Israele.

In questo contesto, un gruppo di deputati ha esortato il governo a utilizzare senza indugio tutti i mezzi di pressione per revocare immediatamente l’aggressione usurpatrice nel villaggio di Ghajar.

Sulla base di quanto precede sul confine siriano-libanese, i legislatori hanno verificato la violazione della sovranità e delle risoluzioni internazionali da parte di Israele. Allo stesso tempo, hanno sottolineato la necessità di consolidare uno Stato che protegga la dignità dei suoi cittadini.

READ  Il Papa nomina monsignor Antoine Camilleri nuovo ambasciatore a Cuba

La scorsa settimana, il Ministero degli Affari Esteri ha denunciato la violazione da parte di Israele della Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, impedendo ai suoi cittadini di entrare nel villaggio di Ghajar, e ha invitato le parti internazionali interessate a fare pressione sul nemico affinché ritiri i suoi passi provocatori a favore della pace e stabilità.

Da questo punto di vista, Hezbollah ha invitato il governo e il popolo libanese con tutte le sue forze politiche e civili a impedire il consolidamento di questa occupazione israeliana e lavorare per liberare questa parte del territorio nazionale e restituirla alla patria.

I due Paesi sono in stato di guerra sin dall’istituzione dello Stato di Israele e, in questi anni, molti crimini e aggressioni rimangono nella memoria del popolo libanese di fronte alle ambizioni di Tel Aviv di impadronirsi delle acque del Litani Fiume. e la ricchezza di petrolio e gas. ing/yma