Maggio 20, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I partiti portoricani rivendicano il diritto di unirsi ai candidati

I partiti portoricani rivendicano il diritto di unirsi ai candidati

La restrizione, imposta nel 2011 dal New Progressive Inclusion Party (PNP), è stata criticata come un “limite alla democrazia e una barriera alla rappresentanza politica delle minoranze” nelle elezioni generali del Paese.

La denuncia del tribunale afferma che il divieto di combinare le candidature nel ballottaggio viola i vari diritti costituzionali dei partiti politici, dei loro membri e degli elettori.

Le organizzazioni politiche hanno affermato che il divieto limita la capacità dei partiti politici di formare coalizioni e schierare candidati che rappresentino un’ampia gamma di punti di vista.

La causa propone di dichiarare incostituzionali le sezioni 6.1 e 7.9 del codice elettorale di Porto Rico. E sebbene sia stata sotto il dominio coloniale degli Stati Uniti per quasi 125 anni, dal 1952 ha indetto le elezioni generali per scegliere il governatore ei sindaci. Membri del Consiglio Legislativo.

Il giurista Carlos Jurian Peralta ha spiegato che i due partiti PIP e MVC sono portati in tribunale con la massima buona fede nel sistema giudiziario come ultima risorsa per correggere l’errore della legge elettorale, che ha bloccato la legge e le pratiche elettorali per più di un secolo.

Ha osservato che la legislazione elettorale in vigore a Porto Rico dal 2011 viola i valori fondamentali del nostro popolo imponendo nella legge elettorale il divieto a due o più partiti politici di accettare un’alleanza o presentare candidature di coalizione.

Il costituzionalista ha sottolineato che “questo divieto è stato ripetuto negli emendamenti del 2020, ed è fissato negli emendamenti attualmente all’esame del Consiglio legislativo”.

L’avvocato José Javier Llamas, a sua volta, ha affermato che “i divieti pongono pesanti oneri all’esercizio dei diritti fondamentali che possiedono i partiti politici e i loro membri, come il diritto di voto, la libertà di associazione e la libertà di espressione”.

READ  Cosa è successo il 23 marzo?

Ha sottolineato che questa situazione è discriminatoria anche nei confronti dell’opposizione politica dei due partiti – rappresentata dal Nuovo Partito Progressista (PNP) e dal Partito Democratico del Popolo (PPD) – senza alcun interesse governativo.

“In questo senso, siamo di fronte a disposizioni della legge elettorale che sono chiaramente incostituzionali e devono essere rese pubbliche per aprire la strada a un processo elettorale che riconosca una maggiore partecipazione democratica”, ha detto l’avvocato.

MVC e PIP, il loro rispettivo coordinatore generale Manuel Natal Albello e il segretario generale Juan Dalmão Ramírez, nonché i commissari elettorali, che formeranno un’alleanza per le elezioni del novembre 2024, compaiono come querelanti nella causa.

rgh/nrm