Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I pubblici ministeri chiedono di indagare su Bolsonaro nei disordini

Rio de Janeiro – Venerdì l’ufficio del procuratore generale brasiliano ha chiesto alla Corte suprema federale di includere l’ex presidente Jair Bolsonaro nelle sue indagini per determinare chi ha istigato le rivolte dell’8 gennaio nella capitale del paese.

Per motivare la loro richiesta, i querelanti del neonato gruppo per combattere le azioni antidemocratiche hanno citato un video che Bolsonaro ha pubblicato su Facebook due giorni dopo i disordini, secondo una dichiarazione. Il video affermava che il presidente Luiz Inácio Lula da Silva non ha ottenuto l’incarico a maggioranza dei voti, ma è stato scelto dalla Corte suprema federale e dall’autorità elettorale brasiliana.

A parte questo, Bolsonaro si è astenuto dal commentare le elezioni dalla sua sconfitta del 30 ottobre. Nella corsa alle elezioni, ha ripetutamente sollevato i suoi dubbi sull’affidabilità del sistema di voto elettronico del Paese, e in seguito ha presentato una mozione per annullare i milioni di voti espressi su quelle macchine, senza mai riconoscere la sua perdita.

I pubblici ministeri hanno sostenuto che sebbene Bolsonaro abbia rilasciato il video dopo la rivolta, il suo contenuto era sufficiente a giustificare un’indagine sul suo comportamento prima della rivolta. Bolsonaro lo ha cancellato la mattina dopo dopo averlo pubblicato.

Bolsonaro vive in un sobborgo di Orlando da quando ha lasciato il Brasile alla fine di dicembre e non ha partecipato all’inaugurazione del suo successore il 1° gennaio. Alcuni legislatori statunitensi hanno chiesto al presidente Joe Biden di revocare il suo visto.

Le autorità brasiliane stanno indagando su chi ha permesso ai sostenitori radicali di Bolsonaro di fare irruzione nella Corte Suprema Federale, nel Congresso e nel palazzo presidenziale nel tentativo di ribaltare i risultati delle elezioni di ottobre. Si sta esaminando il ruolo delle persone che hanno pagato per trasportare i rivoltosi nella capitale e del personale di sicurezza che avrebbe potuto chiudere un occhio e permettere il caos.

READ  Facebook cerca popolarità in Africa di fronte al suo declino nei paesi occidentali

Finora, molta attenzione si è concentrata su Anderson Torres, l’ex ministro della Giustizia di Bolsonaro, che è diventato il capo della sicurezza del Distretto Federale il 2 gennaio ed era negli Stati Uniti il ​​giorno in cui hanno avuto luogo i disordini.

Il giudice della Corte suprema federale Alexandre de Moraes questa settimana ha ordinato l’arresto di Torres e ha aperto un’indagine sulle sue azioni, che secondo lui sono state caratterizzate da “negligenza e complicità”. Nella sua decisione, emessa venerdì, de Moraes ha affermato che Torres ha licenziato i suoi subordinati e lasciato il paese prima delle rivolte, indicando che stava deliberatamente preparando il terreno per i disordini.

Il ministro della Giustizia Flavio Dino ha detto venerdì che la Corte Suprema ha anche emesso un mandato di arresto per l’ex capo della sicurezza, che deve tornare entro tre giorni o il Brasile chiederà la sua estradizione.

Se la sua offerta non sarà confermata entro la prossima settimana, utilizzeremo ovviamente i meccanismi della cooperazione internazionale. “Inizieremo la prossima settimana le procedure per eseguire la sua estradizione”, ha detto Dino.

Torres ha negato ogni reato e il 10 gennaio ha annunciato su Twitter che avrebbe interrotto il suo congedo per tornare in Brasile e presentare la sua difesa. Tre giorni dopo non l’aveva fatto.

Il ministro ha fatto riferimento a un documento trovato dalla polizia federale brasiliana dopo una perquisizione a casa di Torres: una bozza di decreto che avrebbe preso il controllo del potere elettorale del Brasile e potenzialmente annullato il risultato elettorale. L’origine e l’autenticità del documento non firmato sono sconosciute e non si sa se Bolsonaro o i suoi subordinati abbiano fatto qualcosa per attuare la misura, che sarebbe stata incostituzionale, secondo gli analisti e l’Accademia brasiliana di diritto elettorale e politico.

READ  Gli Stati Uniti hanno distrutto l'ultimo avamposto della CIA in Afghanistan

Dino ha detto che il documento “apparirà nelle indagini della polizia perché rivela pienamente l’esistenza di una catena di persone responsabili di atti criminali”, aggiungendo che Torres dovrà denunciarlo alla polizia che lo ha scritto.

Mario Sergio Lima, analista politico di Medley Advisors, ha affermato che non riuscendo ad avviare un’indagine contro l’autore del documento o a denunciarne l’esistenza, Torres potrebbe essere accusato di violazione dei doveri.

Torres ha detto su Twitter che il documento è stato probabilmente trovato in una pila destinata a essere distrutta, e che era trapelato fuori contesto, alimentando false narrazioni intese a screditarlo.

___

Ho menzionato la mia posta da Brasilia.

Copyright 2023 L’Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.